Serata di grande divertimento con pizza, bollicine e vino a Napoli.

Al Malandrino del ristorante stellato Palazzo Petrucci è andata in scena una Jam Session che ha messo a confronto quattro tipi di pizze.

Dovrebbero essere 3 di altrettanti pizzaioli – Marzia Buzzanca, Luca Pezzetta e Ciro Salvo – ma l’intruso è di tutto rispetto: Lino Scarallo che da chef stellato ha inventato qualche anno fa (gastroceloduristi in agguato, fate attenzione), la pizza sciolta aka Bloody Pizza.

Concentrato di pomodoro e filosofia scomposta alla maniera del suo storico cavallo di battaglia, la pastiera, in coppa che ha fatto da liasion con i cocktail preparati al banco accanto. Insomma, un pizzaiolo in progress.

Il Malandrino non è pizzeria (Palazzo Petrucci pizzeria è a San Domenico Maggiore), ma l’attrezzatura del lounge prevede anche (fortunatamente) il forno elettrico in grado di cuocere pizze “focaccia” (o gourmet, scegliete voi la definizione preferita) e pizze napoletane.

Dall’Aquila è arrivata Marzia Buzzanca che ha incrociato sul suo impasto a base di farina del Mulino Caputo, sponsor dell’evento, lardo e gelato alla zafferano e burrata e alici.

Da Roma, ecco Luca Pezzetta dell’Osteria Birra del Borgo allievo di Gabriele Bonci da cui ha imparato molto. Perfetto il suo impasto con Tipo 1 e farine hyperlocal che hanno accompagnato le due versioni di “antifocaccia” a fermentazione spontanea: tonno e carciofi in delicato equilibrio e carpaccio di maremmana e senape a dare spinta propulsiva sulle papille.

Chiude, ma solo per ragioni tecniche legate alla temperatura del forno che utilizza al massimo, Ciro Salvo con una delle pizze napoletane più celebrate in città e non solo.

La margherita è d’obbligo e c’è anche la tutta verdure a esaltare il pubblico di Wine&Thecity che ha colto l’occasione per abbinare i vini Abbazia di Crapolla e i cocktail di Compagnia dei Caraibi.

Prossimo appuntamento sempre al Malandrino per un’altra festa della pizza che guarda all’estate e (si spera) alle belle giornate.

Restate sintonizzati sulle pagine di Scatti di GustoPalazzo Petrucci, il Malandrino e Mulino Caputo per conoscere i dettagli.

Intanto, musica!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui