I presupposti per una grande stagione gastronomica a Ischia ci sono tutti e l’entusiasmo e la qualità dell’offerta gastronomica in primis, abbinata ad una imbarazzante bellezza dei luoghi, pare voler rilanciare l’Isola Verde.

Ecco allora i migliori indirizzi da assaggiare per voi che avete scelto Ischia come meta delle vostre vacanze estive.

1. Danì Maison, Nino Di Costanzo

Ovviamente partiamo dal capo fila Nino Di Costanzo, 2 stelle Michelin con il suo Danì Maison che insegue il massimo riconoscimento delle tre stelle e noi non possiamo che augurare il meglio allo chef, e se prossimamente riuscirò ad accomodarmi nuovamente alla sua tavola, vi racconterò anche più dettagli, ma il mio sostegno per l’intatta stima e fiducia, posso darlo serenamente e a prescindere, conoscendo i suoi grandi trascorsi e le sue enormi capacità.

Ristorante Danì Maison. Via Montetignuso, 4. Ischia (Napoli). Tel. +39.08199319

2. Indaco, Pasquale Palamaro

Altro ristorante stellato in un luogo incantevole e ricco di storia ischitana è guidato da Pasquale Palamaro. Si tratta dell’Indaco del Regina Isabella di Lacco Ameno, che durante il periodo estivo organizza anche alcune serata di Summer Dinner, con cadenza mensile, ospitando colleghi stellati provenienti da tutta Italia. Il tema di questa stagione è quanto mai attuale e vede come protagonista il mare e l’eco sostenibilità e si inizia con Paolo e Barbara di Sanremo il 19 giugno.

Ristorante Indàco. Piazza Santa Restituta, 1. Lacco Ameno (Napoli). Tel. +39 081 994322

3. Momento, Giovanni De Vivo

Ma veniamo alle altre interessanti novità e agli stellati “in pectore”, che con le nuove sistemazioni logistiche potrebbero riservare interessanti sorprese positive e magari gli ispettori della Rossa premiarli già da quest’anno, ed intanto gli rendiamo pure una utile informazione di servizio per andarli a trovare magari .

Giovanni De Vivo, dopo i tre anni al Mosaico ha optato per un progetto molto bello ed intrigante  dell’hotel La Madonnina di Casamicciola con il ristorante Momento. Le garanzie che offre lo chef sono alte e la proprietà attraverso un intervento di sapiente restyling vuole puntare su di lui. Il ristorante è affacciato sul mare e in cucina lo chef ha trasferito per intero la sua brigata che gli ha permesso di conquistare la stella Michelin al Mosaico.

Hotel La Madonnina. Via Salvatore Girardi, 8. Isola d’Ischia (Napoli). Tel. +39 081 333 0170

4. Zi Nannina a Mare, Kisung Park

Un altro ristorante che ha decisamente alzato l’asticella, convocando sull’isola uno straniero che negli ultimi anni ha difeso la stella per lo storico Penati in Lombardia, è Zi Nannina. Il proprietario, Giorgio Ospici, ha affidato la cucina del suo storico locale al coreano Kisung Park che mi ha fatto deliziare con i suoi piatti.

La location è molto fascinosa nella sua semplicità con una bella terrazza giardino a ridosso della scogliera del lungomare Colombo, dove è possibile cenare in modo gastronomico e pranzare in modo più easy, ma sempre con grande qualità. Su prenotazione è possibile avere il menù dinner anche a pranzo.

Zi Nannina entra di diritto nel percorso gastronomico di qualità isolana e si gioca il podio con i primi tre.  Una vera rivelazione ed in assoluto la novità più interessante sull’isola.

Zi Nannina a Mare.Via Vincenzo Telese, 18. Ischia Porto (Napoli). Tel. +39 081 991350

5. Tuga, Crescenzo Scotti

Crescenzo Scotti è al Tuga, dopo aver lasciato Villa Cimbrone ed in attesa di prendere possesso come executive dell’ambizioso progetto ad Amalfi del Borgo Santandrea, 5 stelle lusso che già sarebbe dovuto partire questa stagione. A causa di un forzato rallentamento dei lavori se ne parlerà nel 2020 e quindi questa stagione vedremo Scotti all’opera nell’affascinante cucina del Tuga, a Costa del Capitano a Forio come consulente ma con forte presenza in loco.

La Tuga. Via Provinciale Succhivo, 36. Serrara Fontana (Napoli). Tel. +39 349 985 7364

6. Hotel Excelsior, Libera Iovine

Libera Iovine, storica chef stellata del Melograno, primo locale a raggiungere il prestigioso traguardo della stella sull’isola, ha lasciato il Pignatiello di Lacco Ameno per approdare all’Hotel Excelsior di Ischia e la sua stima guadagnata negli anni fanno di questa tavola un indirizzo da segnare in rubrica.

Grand Hotel Excelsior. Via E. Gianturco, 19. Isola d’Ischia (Napoli). Tel. +39 081 991522

7. Umberto a Mare, Umberto Mattera

Il giro gastronomico continua con le granitiche certezze rappresentate dai fratelli Regine, da Umberto a Mare a Forio ma anche all’Eden ad Ischia. Due luoghi fantastici dove l’esperienza a tavola vi ripagherà e non solo per la bellezza del panorama.

Umberto a Mare. Via Soccorso, 2. Forio d’Ischia (Napoli). Tel. +39.081.997171

8. Il Mosaico, Enzo David

Il Mosaico del Manzi Terme, a Casamicciola, formalmente detiene la stella Michelin conquistata tre anni fa da Giovanni De Vivo. A difenderla è stato chiamato Enzo David e la rotta della proprietà, la famiglia Polito, non sembra essere cambiata.

Il Mosaico. Piazza Bagni, 4. Isola d’Ischia (Napoli). Tel. +39 081 994722

9. Il Saturnino, Ciro Mattera

Il Saturnino a Forio di Ciro Mattera è tra gli indirizzi più gettonati di Ischia. Speriamo riprenda il suo posto ritornando alla ottima cucina confortevole di cui conservo sempre bei ricordi.

Il Saturnino. Via Marina. Forio (Napoli). Tel. +39 081 998296

10. Seasons, Gianni Mattera

Un posto easy, ma con grande qualità e ricerca è il ristorante Seasons sulla spiaggia della Chiaia a Forio che la sera offre un percorso gastronomico ed a pranzo è una ottima soluzione con il menu snack messo a punto da Gianni Mattera che sta compiendo un buon lavoro di qualità e ricerca.

Seasons Beach Bar & Restaurant. Via Spinesante. Forio (Napoli). tel. +39 081 333 2530

E ora tocca a voi conoscitori dell’Isola Verde: avete qualche altro indirizzo da consigliare?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui