La seconda edizione di The Milan Coffee Festival, l’evento internazionale dedicato al mondo del caffè artigianale, si terrà quest’anno presso il Superstudio Più di via Tortona a Milano dal 30 novembre al 2 dicembre.

Tre giorni di degustazioni gratuite, workshop interattivi, performance di baristi e torrefattori – e mixologist alle prese con una rivisitazione del classico aperitivo milanese. Tutto all’insegna del caffè, oggetto in Italia di un rinnovato interesse critico e di una riconsiderazione delle sue qualità e caratteristiche, accompagnati dalle inchieste televisive di Report sul caffè con Andrej Godina e sulle capsule e dall’affermazione del movimento degli Specialty Coffee.

«L’Italia – dichiara Ludovic Rossignol-Isanovic, co-founder di Allegra Events e ideatore del Coffee Festival – è al culmine di una rivoluzione del mondo del caffè e siamo molto orgogliosi di esserne parte integrante, rappresentando il cambiamento e colmando il divario tra la cultura del caffè espresso tradizionale e il movimento emergente degli ‘specialty’. Si tratta di un momento importante anche perché ci trasferiremo nella nostra nuova casa, il Superstudio Più; uno spazio così bello, in una posizione strategica, a dimostrazione di quanto l’evento sia cresciuto rapidamente. Abbiamo grandi progetti per il ‘Milan Coffee Festival’, per cui il nostro consiglio è di stare bene attenti ai prossimi sviluppi.»

Vi segnaliamo un po’ di cose da fare in questi tre giorni.

• The Lab, Powered By Lavazza e supportato dai macinacaffè Eureka, dedicati al filtro, offrirà un programma interattivo di dimostrazioni, workshop, degustazioni, conferenze e dibattiti. Fra gli altri, Francesco Sanapo, pluripremiato proprietario di Ditta Artigianale, parlerà di etica, qualità e sostenibilità dell’industria degli “specialty coffee”.

• Si parlerà anche di coffee mixology sostenibile, con l’intervento del brand ambassador Dennis Zoppi (Hotel Bar Consultant e Mixology Coach, Producer of New Spirits Generation), e dei progetti İTierra! di Lavazza.

• Con Women in Coffee” si parlerà del ruolo delle donne nell’industria del caffè, a cura della coffee blogger Valentina Palange (Specialty PaL), con Nadia Rossi (Bargiornale), Simona Colombo (Gruppo Cimbali), Serena Falcitano (Ditta Artigianale), Manuela Fensore (campionessa italiana e mondiale di Latte Art 2019), Helena Oliviero (campionessa italiana di “cup tasting” 2018) e Ilaria Nocentini (Espresso Academy).

• Un panel analizzerà l’evoluzione “dal vecchio al nuovo” delle caffetterie milanesi, prendendo in esame le nuove aperture, nonché l’importanza dei social media per lo sviluppo del settore in Italia.

• La MUMAC Academy, l’accademia della macchina per caffè di Gruppo Cimbali, propone un viaggio degustativo e sensoriale che vedrà pregiate monorigini di caffè in abbinamento a diverse tipologie di cioccolato in collaborazione con Gianluca Fusto, attività di degustazione con specialty coffee in espresso e in filtro in accostamento a panettoni e dolci senza zucchero realizzati da Eutopia di Milano.

• Marta Kokosar e Massimo Battaglia dell’Accademia del Caffè Espresso presenteranno il nuovo centro creato da La Marzocco per lo sviluppo culturale e la ricerca, che mira a costruire un futuro sostenibile per il caffè espresso.

• Ancora Gianluca Fusto, in collaborazione con La Cimbali e Faema, sperimenterà originali combinazioni della bevanda con cioccolato, panettone e dolci senza zucchero.

• Da La Marzocco True Artisan Café si alterneranno le migliori caffetterie e torrefazioni indipendenti, italiane e non, che proporranno bevande e cocktail d’autore offrendo al pubblico la possibilità di incontrare gli artigiani del caffè. Sempre a cura de La Marzocco, ma all’esterno dell’area espositiva, sarà allestito anche un Winter Garden per immergersi nell’atmosfera natalizia tra abeti, caldarroste e vin brulé.

• Alla Latte Art Live, un’area interamente dedicata alla Latte Art con una serie di dimostrazioni e competizioni fra i maggiori esperti in tecniche di decorazione della superficie di espressi e cappuccini tramite l’uso del latte: in prima linea Matteo Beluffi (campione azzurro di Latte Art 2017), il campione olandese Merijin Gijsbers, Ambassador di Alpro, che guiderà una serie giornaliera di masterclass di Latte Art basate sull’utilizzo del latte vegetale, Andrea Antonelli, Ambassador di Eureka, Manuela Fensore (campionessa italiana e mondiale di Latte Art 2019), che svelerà sul palco i segreti che l’hanno portata alla vittoria, Carmen Clemente (Barlady Cafè Academy di Milano), Eva Palma (Ditta Artigianale) e Serena Falcitano (Ditta Artigianale), che sfiderà all’ultima goccia quanti tra il pubblico vorranno cimentarsi nella Latte Art Speed Challenge.

Saranno riproposti inoltre THE BREW BAR, in collaborazione con BRITA, dove protagoniste saranno le preparazioni a filtro e l’acqua, elemento importante per valorizzare l’aroma e il gusto del caffè, e THE ROASTER VILLAGE, punto di incontro dei piccoli torrefattori italiani di qualità (quest’anno His Majesty The Coffee, Tomassi Coffee Roaster, Cafezal Specialty Coffee, Nero Scuro, Flash Back e Il Manovale).

La Cimbali e Faema Espresso bar proporrà oltre al caffè tradizionale all’italiana anche i monorigine di alcuni dei torrefattori italiani più apprezzati. Da non perdere l’Espresso Negroni con Campari, una rivisitazione a base di caffè di un classico senza tempo.

Due i contest all’interno del Festival, Roast Masters, focalizzato sull’arte della tostatura degli “specialty coffee”, con 15 torrefattori italiani emergenti ch si sfideranno in 2 diverse discipline e Crush the Rush, che vedrà impegnati team di baristi alle prese con la realizzazione di drink a base di caffè.

Le prime due giornate del “Milan Coffee Festival” – sabato 30 novembre e domenica 1° dicembre – saranno aperte al pubblico, previa registrazione al MCF Coffee Club, una community di appassionati i cui membri, oltre a poter accedere gratuitamente all’evento, riceveranno inviti a iniziative ed eventi legati al mondo del caffè durante tutto l’anno. La giornata di lunedì 2 dicembre sarà invece riservata esclusivamente agli operatori del settore HoReCa, che possono accreditarsi a questo link.

1 commento

  1. L’aeropress in foto fa schifo. E’ un caffè ancora più slavato di quelo americano. La moda sta tutta nel giocattolo e nel fare qualcosa di “nuovo”, ma fa schifo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui