Antico Vinaio apre 3 botteghe a Firenze e ne chiude 2 in via de’ Neri

A causa delle numerose e accese polemiche, il paninaro più famoso del mondo se ne va da via de’Neri a Firenze

Tempo di lettura: 3 minuti

C’è stato un tempo in cui All’Antico Vinaio, in via De Neri 74R, a Firenze, era una quieta stazione di sosta, simile ai tanti bacari che puntellano Venezia. Lì i cicchetti e le ombre di vino. Qui i crostini, la sbriciolona e i gotti di rosso. Ti fermavi un momento in pausa pranzo o al tramonto e, gottino dopo crostino, i problemi svanivano.

Oggi All’Antico Vinaio si è moltiplicato. Di fronte alla bottega originaria sono state aperte altre due osterie con tavoli in legno, prosciutti, Nobili di Montepulciano e salumi appesi alle pareti.

Le poche decine di avventori del quartiere sono diventate centinaia. Si sono poi aggiunti i turisti provenienti –prima a centinaia, poi a migliaia– da ogni parte del mondo. Siccome il posto non bastava è arrivata l‘apertura a Milano. Quindi, in un impeto di globalizzazione, anche quelle a New York e Los Angeles, in collaborazione con Joe Bastianich.

Antico vinaio

Questa è, in breve, la storia di un miracolo economico che ha trasformato All’Antico Vinaio nel paninaro più famoso del mondo. Anche se, nel diventarlo, è incappato in numerose (e accese) polemiche per le code in via de’Neri, tanto lunghe da diventare insostenibili, soprattutto per i residenti.

Bene, ora All’Antico Vinaio cambia la sua storia di nuovo.

La Nazione ci fa sapere che, il locale con più recensioni al mondo, chiuderà a breve 2 delle 4 sedi nella strada vicina a piazza della Signoria e ne aprirà altre 3, in zone diverse di Firenze. Una decisione presa soprattutto in seguito alle già citate e mai dimenticate polemiche sull’affollamento della strada.

Dove saranno e quando apriranno le nuove botteghe?

Code
Code

Troveremo la prima, entro la fine di quest’anno, nel centro commerciale I Gigli. Per le altre dovremo aspettare il 2021 e il 2022.

Nel 2021 ci sarà un nuovo All’Antico Vinaio vicino alla stazione di Santa Maria Novella.

Nel 2022 l’insegna debutterà in piazza San Marco.

È interessante capire la ratio di questo cambiamento. L’ha raccontata al quotidiano fiorentino Tommaso Mazzanti, rampollo di Daniele, che ha aperto All’Antico Vinaio nel 1989. E che oggi, nelle 4 botteghe aperte, dà lavoro a 80 persone

“La decisione arriva dopo due anni di riflessione. Lo facciamo per i residenti e i colleghi di via de’ Neri. Inizieremo con il punto vendita all’interno dei Gigli –chiarisce Mazzanti– poi quando apriremo alla stazione e in piazza San Marco chiuderemo, uno alla volta, i due in via de’ Neri”.

Antico vinaio

Dove, comunque, insieme alle radici del locale fiorentino, resterà la bottega in cui tutto è cominciato. E dove, prima del milione di follower tra Instagram e Facebook, decine di fiorentini seduti su uno sgabello o sul marciapiede, alla mercé dei piccioni, scrutavano la merlatura della torre d’Arnolfo con il bocca il sapore d’olio delle mitiche schiacciate.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui