Gnocchi di zucca, il primo piatto dell’autunno. Ricetta semplice per tutti

Per preparare gli gnocchi di zucca è necessario scegliere le qualità migliori che resistono alla cottura insieme alle patate

Tempo di lettura: 9 minuti

Se state pensando alla zucca, io vi propongo di preparare gli gnocchi di zucca. La zucca è il simbolo di Halloween e protagonista indiscussa delle tavole autunnali. Nelle sue molteplici declinazioni e varianti, si presta ad essere utilizzata in un’infinità di deliziose ricette che vanno dagli antipasti al dolce.  Ma è nei primi piatti che dà il meglio sé: risotti, tortelli, lasagne, ragù vegetali

E soprattutto con gli gnocchi. Non tutte le zucche sono però adatte a questo tipo di ricette che richiedono una consistenza farinosa e asciutta. Quindi, per evitare che la preparazione degli gnocchi diventi un vero e proprio incubo degno di Halloween, un impasto “alieno” appiccicoso e molle impossibile da manipolare, è fondamentale scegliere quella giusta.

Come scegliere la zucca migliore

zucca

La più zucca fra le zucche, la vera primadonna delle cucurbitacee è la Mantovana: polpa gialla, priva di filamenti, ha una caratteristica buccia grigio-verde ed è ideale nella preparazione degli gnocchi. Pare che fin dal XVII secolo, in tutto il territorio mantovano, gli gnocchi di zucca venissero offerti ai pellegrini e che Bartolomeo Stefani, cuoco alla corte dei Gonzaga, li preparasse regolarmente per la nobile famiglia.

Ma anche la Zucca Delicata, molto diffusa in Sicilia, proprio perché asciutta e povera di acqua, si presta bene per essere utilizzata nelle ricette di pasta fresca ripiena, pane e gnocchi.

Idem per la Marina di Chioggia, dalla polpa compatta e zuccherina di un bellissimo arancione brillante.

O la Berrettina piacentina, soda e farinosa, che rendono entrambe bene con i primi piatti.

Per dare sostegno e conferire maggiore consistenza all’impasto, alla zucca aggiungo sempre patate rosse, che si differenziano da quelle tradizionali per il colore della buccia e la polpa soda.

Altro accorgimento è la cottura. Mai lessare la zucca in acqua o in padella, meglio cuocerla al forno o addirittura al microonde: due metodi che scongiurano la presenza dei liquidi.

patate

Per quanto riguarda le patate, si lessano sempre con la buccia partendo da acqua fredda oppure si tagliano anch’esse a cubetti, si mettono in un piatto coperte da pellicola e si infilano al microonde fino al raggiungimento della consistenza ideale per poterle schiacciare.

Poiché sia zucca che patate hanno un sapore dolce, gli gnocchi si sposano bene con condimenti a base di formaggi dal gusto forte, che danno spinta al piatto. Io li ho preparati con una fonduta di gorgonzola piccante ma sono ottimi anche con un più nobile Castelmagno, sempre della famiglia degli erborinati, o con un formaggio dal sapore deciso come il taleggio.

La ricetta degli gnocchi di zucca

gnocchi di zucca ingredienti

Ingredienti per 4 persone

Per gli gnocchi

  • 800 g polpa di zucca cruda
  • 400 g patate rosse
  • 500 g farina circa più q.b. per la stesura
  • 1 uovo
  • Qb noce moscata

Per la fonduta di gorgonzola e la finitura del piatto

  • 300 g gorgonzola piccante
  • 150 g panna fresca
  • Q.b salvia
  • Q.b. Olio di semi di girasole
  • 30 g noci sgusciate
  • Q.b. burro
  • Q.b parmigiano reggiano

Come preparare gli gnocchi di zucca

zucca a cubetti

Taglio la zucca a cubetti a la cuocio in forno a 180°C coperta con la carta argentata. In alternativa posso tagliarla a pezzetti di circa 2 centimetri e cuocerla al microonde coperta di pellicola adatta all’uso.

Faccio bollire le patate intere con la buccia, partendo da acqua fredda, oppure le sbuccio e le taglio a cubetti regolari utilizzando lo stesso metodo di cottura della zucca al microonde.

patate

Con un passaverdure o uno schiacciapatate riduco tutto a purea.

gnocchi di zucca preparazione
gnocchi di zucca preparazione
gnocchi di zucca impasto

Aggiungo l’uovo, la farina setacciata, aromatizzo con un pizzico di noce moscata. Lavoro con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo.

Copro con la pellicola e faccio riposare in frigo per circa un’ora.

gorgonzola e panna
fonduta di gorgonzola
fonduta di gorgonzola

Intanto taglio il gorgonzola a pezzetti e lo metto in un pentolino a fuoco basso con la panna fino a completo scioglimento, senza farli bollire. In alternativa, se non si è sicuri di tenere sotto controllo la temperatura, optare per un bagnomaria.

salvia fritta

Friggo qualche foglia di salvia al naturale in olio di semi di girasole per la finitura del piatto.

gnocchi di zucca

Su un piano di lavoro precedentemente infarinato do all’impasto la classica forma cilindrica, di diametro più o meno grande a seconda dei gusti, e taglio con una spatola o con un coltello. Posso passare gli gnocchi così formati sui rebbi di una forchetta per conferire il tradizionale aspetto rigato.

In una pentola capiente porto ad ebollizione abbondante acqua, aggiungo sale, calo gli gnocchi.

gnocchi di zucca in padella

Quando iniziano a salire in superficie, li sposto in una padella in cui avrò precedentemente sciolto poco burro con qualche foglia di salvia tritata.

gnocchi di zucca mantecatura

Unisco la fonduta di gorgonzola, manteco, spolvero con il parmigiano.

Impiatto, sbriciolo le noci sopra ogni porzione e decoro con la salvia fritta.

Perché diciamo “giovedì gnocchi”

gnocchi di zucca

Una curiosità. Il modo di dire completo è “giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa”. È diffuso soprattutto nell’area romana e riguarda una tradizione ben precisa diffusa nel dopoguerra. Alla fine della seconda guerra mondiale infatti i generi alimentari scarseggiavano, mai nei negozi fecero la loro comparsa gli gnocchi. Questo piatto, molto calorico, veniva proposto a metà settimana per fare il pieno di energia in vista del venerdì. Durante la quaresima si osservava il digiuno dalla carne e si mangiava il pesce o i legumi. Il sabato invece si macellavano gli animali e le parti meno nobili come frattaglie, stomaco e trippa venivano venduti ai contadini.

Gnocchi di zucca

La ricetta regina dell'autunno
Preparazione1 h 15 min
Cottura15 min
Tempo totale1 h 30 min
Portata: Primo piatto
Cucina: Italiana
Keyword: gnocchi, patate, zucca

Ingredienti

Per gli gnocchi

  • 800 g zucca polpa cruda
  • 400 g patate rosse
  • 500 g farina circa più q.b. per la stesura
  • 1 uovo
  • qb noce moscata

Per la fonduta di gorgonzola e la finitura del piatto

  • 300 g gorgonzola piccante
  • 150 g panna fresca
  • qb salvia
  • qb olio di semi di girasole
  • 30 g noci sgusciate
  • qb burro
  • qb parmigiano reggiano

Istruzioni

  • Taglio la zucca a cubetti a la cuocio in forno a 180°C coperta con la carta argentata. In alternativa posso tagliarla a pezzetti di circa 2 centimetri e cuocerla al microonde coperta di pellicola adatta all’uso.
  • Faccio bollire le patate intere con la buccia, partendo da acqua fredda, oppure le sbuccio e le taglio a cubetti regolari utilizzando lo stesso metodo di cottura della zucca al microonde.
  • Con un passaverdure o uno schiacciapatate riduco tutto a purea. Aggiungo l’uovo, la farina setacciata, aromatizzo con un pizzico di noce moscata. Lavoro con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Copro con la pellicola e faccio riposare in frigo per circa un’ora.
  • Intanto taglio il gorgonzola a pezzetti e lo metto in un pentolino a fuoco basso con la panna fino a completo scioglimento, senza farli bollire. In alternativa, se non si è sicuri di tenere sotto controllo la temperatura, optare per un bagnomaria.
  • Friggo qualche foglia di salvia al naturale in olio di semi di girasole per la finitura del piatto.
  • Su un piano di lavoro precedentemente infarinato do all’impasto la classica forma cilindrica, di diametro più o meno grande a seconda dei gusti, e taglio con una spatola o con un coltello. Posso passare gli gnocchi così formati sui rebbi di una forchetta per conferire il tradizionale aspetto rigato.
  • In una pentola capiente porto ad ebollizione abbondante acqua, aggiungo sale, calo gli gnocchi.
  • Quando iniziano a salire in superficie, li sposto in una padella in cui avrò precedentemente sciolto poco burro con qualche foglia di salvia tritata.
  • Unisco la fonduta di gorgonzola, manteco, spolvero con il parmigiano.
  • Impiatto, sbriciolo le noci sopra ogni porzione e decoro con la salvia fritta.

LASCIA UN COMMENTO

Recipe Rating




Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui