Anna Dente è morta, se ne va la cuoca della nota Osteria di San Cesario

Ha valorizzato come pochi il quinto quarto e la cucina romanesca

Tempo di lettura: 2 minuti

È morta Anna Dente, cuoca e proprietaria a San Cesareo, dove era nata il 25 dicembre del 1943, di un ristorante molto amato. L’Osteria di San Cesario, noto in particolare per i piatti della tradizione romanesca e laziale.

Solo un mese fa vi avevamo dato conto delle condizioni critiche di salute in cui si trovava la “regina della cucina laziale”. Il copyright è di Heinz Beck, lo chef di origini tedesche, “accasato” da tempo al ristorante romano La Pergola –tre stelle Michelin.

Anna Dente, volto conosciuto anche al pubblico della televisione nutrizional-popolare per la simpatia contagiosa e le frequenti apparizioni a “La Prova del Cuoco”, con Antonella Clerici, era riuscita a riaprire il suo ristorante dopo la chiusura causata dal primo lockdown.

I piatti indimenticabili di Anna Dente

Anna dente un piatto

Sui tavoli del locale, aperto per la prima volta nel 1955 con felice intuito, si erano rivisti i suoi piatti indimenticabili. Rigatoni con la pajata, amatriciana, la Sabbatina, ovverosia la trippa alla romana, animelle di vitello e l’abbacchio con mentuccia e pecorino.

Ma nonostante gli sforzi la cuoca, 77 anni, era stata costretta a fermarsi provata dalla malattia, per poi essere ricoverata nella casa di cura Ini di Grottaferrata.

Nata macellaia e norcina, Anna Dente è stata a lungo la vera vulcanica custode del “quinto quarto”, cioè dei tagli di carne meno nobili degli animali. Che ha saputo valorizzare come pochi grazie a una serie di libri ancora considerati indispensabili per conoscere i segreti della cucina povera romanesca e laziale.

Di sé diceva di essere tutto fuorché un manager della ristorazione, a iniziare dalle porzioni non esattamente micragnose. Ma ci teneva che i clienti del suo locale, compresi i numerosi vip, si alzassero sazi dai tavoli.

A dare l’annuncio della morte di Anna Dente è stata la figlia Angela sul profilo Facebook del ristorante.

Resta in pace “Sora Anna”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui