Panettone Maximo Roma: 23 pasticcieri in gara per il titolo di re del Natale

Panettone Maximo si svolgerà in modalità streaming il 6 dicembre con la giuria chiamata a decidere il migliore panettone di Roma e del Lazio

La caccia al panettone migliore di Roma si apre domenica con Panettone Maximo, la manifestazione dedicata al lievitato del Natale della Capitale e del Lazio.

È la seconda edizione e, forte del successo dello scorso anno, si ripropone ma in modalità anti Covid-19 e dunque in streaming.

Per garantire la sicurezza, Panettone Maximo 2020 si svolgerà con i dovuti distanziamenti e con la sola presenza della giuria di esperti. Saranno loro a decretare i vincitori delle due categorie in gara: tradizionale e al cioccolato.

La giuria di Panettone Maximo 2020

Scatti di Gusto, media partner dell’evento, sarà in giuria. La diretta streaming è prevista per domenica 6 dicembre a partire dalle 13. Il collegamento sarà stabilito da Settimo – Roman Cuisine & Terrace, all’ultimo piano del Sofitel, boutique hotel a 5 stelle a due passi da Via Veneto.

Del tavolo fanno parte tre campioni del mondo di pasticceria, vincitori nel 2015 a Lione con il Team Massari. Sono Fabrizio Donatone, Francesco Boccia ed Emmanuele Forcone. Tra i “tecnici” il Maestro Lievitista Attilio Servi, il pasticcere Angelo Di Masso, miglior pastry chef d’Asia 2019 per i “50Best” Fabrizio Fiorani. E poi il pastry chef del ristorante tri-stellato La Pergola Giuseppe Amato e il “padrone di casa” e chef di Settimo Giuseppe D’Alessio.

Completano la giuria i giornalisti ed esperti di panettone Valeria Maffei, Marco Lombardi, Vincenzo Pagano, Luciano Pignataro e Pamela Panebianco. Affiancati dalla docente di antropologia del cibo allo IULM Annalisa Cavaleri, dal critico enogastronomico Luigi Cremona e dalla food designer Nerina Di Nunzio.

I partecipanti a Panettone Maximo 2020

Panettone Maximo

Al concorso parteciperanno 23 tra le più rinomate pasticcerie di Roma e del Lazio, selezionate tra le decine di candidature pervenute all’organizzazione. Ognuna di loro avrà l’opportunità di concorrere per entrambe le categorie.

Per la valutazione dei panettoni si terrà fede al disciplinare, secondo gli standard dettati dal D.M. 22 luglio 2005 e successive modifiche del D.M. 16 maggio 2017.

Miglior Packaging e Miglior Comunicazione Digitale sono i due premi speciali assegnati.

1. Pasticceria Barberini

Panettone Barberini

Nata alla metà degli anni ’20, la pasticceria Barberini è da sempre un riferimento per gli amanti dei dolci e dei lievitati nel quartiere Testaccio. Gusto, eleganza e cortesia sono le parole chiave del team giovane e appassionato capitanato da Giorgio Derme. Pochi ingredienti, semplici e di qualità, sono il punto di forza dei prodotti realizzati con lievito naturale.

2. Il panettone di Pasticceria Bompiani

Panettone

Caffetteria, pasticceria, tavola calda e lounge bar ma anche galleria d’arte. Sì perché da Bompiani, arte e pasticceria vanno a braccetto. Walter Musco, il patron, è un ex gallerista. Nel suo laboratorio artigianale, l’attenzione al dettaglio è legata all’accurata selezione delle materie prime. Cornetti, piccola pasticceria, dolci e grandi lievitati, qui ogni creazione è una tela finemente dipinta, perfetta per esser gustata con tutti i cinque sensi.

3. Il panettone di Cakao Pasticceria

Panettone al cioccolato

Un team giovane, affiatato e professionale. Questo il punto di forza di Cakao, il laboratorio artigianale di pasticceria di Cisterna di Latina guidato da Roberto Molitierno. Cavalli di battaglia, oltre ai grandi lievitati delle feste, croissant, krapfen e cornetti, crostate, semifreddi e torte decorate ma anche monoporzioni e piccola pasticceria.

4. Il panettone di Cantiani Bar Pasticceria

Panettone

Storica insegna capitolina, Cantiani da oltre ottanta anni si affaccia lungo via Cola di Rienzo a due passi passi dalla Basilica di San Pietro. Inaugurato da Romualdo Cantiani, è un bar con pasticceria a conduzione familiare.

5. Casa del Dolce

Casa del Dolce è un laboratorio artigianale punto di riferimento per bombe fritte ripiene di crema, cioccolato, confettura o pistacchio. Fiore all’occhiello, i grandi lievitati delle feste.

6. Cocco Sweet Lab

Panettone

Il percorso di Cocco Sweet Lab nasce nel 1974 a Rieti con la pasticceria La Gardenia fondata da Vincenzo Cocco e Vincenzo Imperatori. Oggi, Marco Cocco, terza generazione della famiglia di maestri pasticceri, insieme ai figli Manuel e Simone, ha creato una nuova azienda artigianale.

7. Cristalli di Zucchero

Panettone

Cristalli di Zucchero, fondata da Marco Fontana, è una pasticceria di qualità nel quartiere Monteverde di Roma. Rinomata anche per la colazione e per le proposte salate. Oltre che per i panettoni.

8. D’Antoni dal 1974

panettoni

D’Antoni è stata inaugurata nel 1974 dai maestri pasticceri Luigi e Otello D’Antoni. Oggi è Andrea D’Antoni a portar avanti l’attività di famiglia. La missione è rimasta la stessa: garantire alla clientela un eccellente livello qualitativo, dalla piccola pasticceria alle torte e ai panettoni.

9. Divino

Inaugurato nel 2019 ad Aprilia, Divino è un laboratorio di cioccolateria. È nato dall’amore per la fava di cacao di Valerio Esposito, già proprietario della gelateria Tonka. Fiore all’occhiello sono le praline assortite, gli spalmabili, le tavolette di cioccolato monorigine e la frutta candita. Oltre ai dolci delle feste e al panettone al cioccolato fondente realizzato con il cacao del Perù.

10. Il panettone di Dolcemascolo

panettone e confezione

Fondata a Frosinone nel 1990, guidata da Matteo Dolcemascolo, questo indirizzo è da 30 anni un punto di riferimento per la pasticceria di alta qualità. Materie prime selezionate, lunghe e scrupolose lavorazioni, esperienza e tanta passione sono gli ingredienti alla base del progetto. Si tratta di un locale polifunzionale, suddiviso in laboratorio e zona bar che accoglie i clienti dalla colazione alla merenda. Fiore all’occhiello, i panettoni: classico, ai frutti di bosco, al cioccolato fondente e con cioccolato e pere.

11. Fiori

Inaugurata nel 1984 nella piccola cittadina di Rieti, Pasticceria Fiori è un’azienda a conduzione familiare che ha fatto dell’alta qualità la sua missione. I dolci sono realizzati da Alessio Formichetti, giovane pastry chef che incarna la tradizione mista a costante innovazione di gusti e tecniche di lavorazione.

12. Il panettone di Grué

Grué

Nasce dall’arte pasticcera di Marta Boccanera e Felice Venanzi. Grué è entrata nell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani. Il laboratorio di pasticceria è una fucina di idee.

13. Il panettone di Luna

Panettone

La pasticceria Luna è specializzata nella produzione di dolci a base di cioccolato ed è subito diventato indirizzo di riferimento a Rieti.

14. Marazza

Nata nel 2018 dall’idea di Davide Marazza, questa pasticceria è a Priverno. Le ricette dei dolci di Marazza vengono ideate e ragionate in collaborazione con esperti nutrizionisti per garantire ogni giorno freschezza, qualità e benessere.

15. Il panettone di Max Pasticceria

Panettone

Nato e cresciuto nel laboratorio di pasticceria del nonno, Massimiliano Toppi sviluppa fin da piccolo una forte passione per la pasticceria. Da oltre 20 anni la pasticceria Max a Roma ha due punti vendita nel quartiere Don Bosco.

16. Il panettone di Officina dolciaria Woods Sweet

cioccolato

Nata dall’incontro tra il maître pâtissier Alessandro Fabbri e il Gruppo Woods, l’Officina fornisce caffetterie, bar, tea room, ristoranti e hotel della città. Il laboratorio produce grandi lievitati, semifreddi e dolci stagionali. I panettoni sonoispirati all’arte in tutte le sue forme: musica, cinema, poesia e letteratura.

17. Panificio Nazzareno

panettoni

Inaugurato nel 1888 a Ponte Milvio, il Panificio Nazzareno è locale accogliente e polifunzionale, ideale per una pausa golosa in ogni momento della giornata. Aperto dall’alba fino a notte fonda, è un’officina di sapori e di odori. Inebriante il profumo di pane caldo, della pizza appena sfornata e dei dolci fatti in casa come biscotti, mignon, crostate e ciambelloni. I lievitati delle feste sono a base di burro francese e lievito madre.

18. Panzini

Meta prediletta per tutti i golosi di Subiaco e dintorni, la pasticceria Panzini, aperta dall’alba fino al tramonto, si trova quasi all’uscita della cittadina. Propone ogni tipo di sfiziosità, dolce e salata. Dal cornetto appena sfornato al mattino, fino alle bombe fritte farcite di goduriose creme, rigorosamente fatte in casa. Qui, tradizione e innovazione si fondo all’alta qualità delle materie prime utilizzate. Frutto di questo incessante lavoro sono i dolci, dai mignon ai grandi lievitati delle feste, preparati con la ricetta autentica e il lievito madre.

19. Patrizi

La storia della Pasticceria Patrizi di Fiumicino inizia nel 1959 con i fondatori Aldo e Agnese e prosegue oggi con Arcangelo, il nipote. Patrizi è l’indirizzo prediletto soprattutto per i dolci delle Feste. Tradizione e innovazione camminano di pari passo per garantire ogni giorno l’eccellenza dell’arte pasticcera.

20. Il panettone di Roscioli

Panettone Roscioli

Quella di Roscioli è una storia che si intreccia a quella di Roma. Nato negli spazi di un antico forno risalente al 1824, Roscioli è sinonimo di panetteria di qualità nel centro storico della città. Qui il lievito naturale, utilizzato per la panificazione e la pasticceria, gioca un ruolo fondamentale, così come la scelta delle materie prime per gli impasti.

21. Il panettone di Valentini

panettone al cioccolato

Pasticceria con cucina del quartiere Monte Sacro, Valentini è da anni il luogo di ritrovo per tutti gli appassionati di buona tavola della zona. Aperto fin dalle prime luci del giorno, accoglie i suoi clienti in ogni ora del giorno, per una colazione, un pranzo o per una merenda. Tra le proposte: croissant, torte variegate, mignon, piccoli e grandi lievitati, dolci e salati. Fiore all’occhiello, il panettone, prodotto anche nel periodo estivo.

22. Vizio

Aperto nel 2019 in zona San Pietro, Vizio è l’ultimo punto vendita dei due giovani imprenditori cresciuti professionalmente nella storica Pasticceria Antonelli, Dalila e Simone. Del gruppo fanno parte anche il negozio We Love Tiramisù di San Cesareo e il laboratorio di pasticceria artigianale, sempre sancesarese.

23. Zest

Nata nel novembre 2019 con concetti innovativi rispetto alla zona, Zest è stata costretta alla chiusura a causa delle restrizioni anti Covid. Ma ciò non ha ostacolato i giovani proprietari a ricominciare con entusiasmo diventando un punto di riferimento per i dolci artigianali di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui