Mozzarella di bufala congelata sulla pizza di Franco Pepe. È polemica

La partecipazione di Franco Pepe al Tg5 Gusto non è piaciuta ai tradizionalisti che sulla pizza pretendono solo prodotti freschi

Si arricchisce di polemiche la vicenda della pizza fritta con mozzarella di bufala congelata e grattugiata. A presentarla in un servizio del Tg5 Gusto è stato Franco Pepe.

Non risulta vero lo storytelling dell’incontro casuale a Roma tra il giornalista del Tg5 Gioacchino Bonsignore e “il più famoso pizzaiolo italiano” (copyright Bonsignore).

L’incontro con il proprietario della pizzeria Pepe in Grani nel ristorante stellato Pipero di Corso Vittorio Emanuele non è stato casuale, come sostenuto nel servizio.

Lo riconosce lo stesso Franco Pepe rispondendo a un commentatore intervenuto nel post pubblicato sulla pagina Facebook della pizzeria Pepe in Grani.

Ma se si ha la pazienza di ricostruire fatti e fatterelli della vicenda, emerge un secondo elemento nuovo: la ricetta con la mozzarella di bufala congelata è approvata dal Consorzio di tutela della Dop.

Come dimostra la risposta fornita da Franco Pepe a un lettore indignato che ha usato l’espressione “uccidere” riferita alla mozzarella congelata.

“Mi spiace non le sia passato il giusto messaggio, anche perché parla di ‘uccidere’ un prodotto per il modo in cui viene usato. Quando invece vuole preservarne le proprietà nutrizionali.

La ricetta è nata in collaborazione con il Consorzio della Mozzarella di Bufala e supportata da una relazione di una biologa nutrizionista. Tra l’altro, come leggevo in risposta ad un altro post, non sono stato neanche il primo ad utilizzarla in questo modo. Esiste un precedente ad opera dello Chef Davide Scabin che ne faceva un utilizzo anche più articolato al congresso Le Strade della Mozzarella.

COVID permettendo spero di avere l’occasione di poterne riparlare de visu presso la mia pizzeria. Magari assaggiando proprio questa ricetta.
Franco Pepe”.

Altra novità. Nel titolo del precedente post sulla stessa faccenda, abbiamo scritto che Franco Pepe ha sdoganato la mozzarella di bufala congelata sulla pizza. Sbagliato, pare. Dobbiamo fare ammenda.

Perché a inventarsi l’uso della mozzarella di bufala congelata non è stato Franco Pepe. Bensì l’ambasciatrice del Consorzio di tutela, la chef stellata Rosanna Marziale. Che ha messo la sua rivendicazione nero su bianco, con tono abbastanza irritato, in risposta al solito post pubblicato sulla pagina Facebook di Pepe in Grani.

“Franco Pepe giustamente sei orgoglioso di presentare la nuova ricetta nel ristorante stellato del caro amico Alessandro Pipero ma hai dimenticato di citare la fonte di ispirazione della Mozzarella di Bufala Campana DOP congelata e grattugiata che è tutta mia !!!realizzata e scritta in due libri dal 2008 .sarebbe stato un gesto carino è rispettoso !”

Come vedete, la mozzarella di bufala congelata e grattugiata sulla pizza non ha mancato di creare polemiche.

Ma la principale è un’altra. Quella che oppone tradizionalisti e innovatori.

Per i primi sulla pizza vanno messi solo prodotti freschi. Mentre gli altri sostengono –come del resto il Consorzio di tutela– che per aumentare il giro di affari vada modificato il disciplinare di produzione della mozzarella di bufala campana Dop. E introdurre il prodotto congelato.

In mezzo i consumatori e i supporter che pendono dalle labbra del pizzacelebrity di turno.

2 Commenti

  1. Tagliamo la testa al toro: una bella linea di pizze “gourmet” surgelate in vendita in tutti i supermarket e passa la paura… Tanto l’ha detto lasceff che surgelato=fresco..
    Che tristezza..

  2. Il fatto che si discute ha solamente una tesi da perseguire :tutti gli ingredienti che vengono congelati perdono i loro nutrienti e le caratteristiche organolettiche, il resto sono chiacchiere.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui