granita al limone e brioche

Le 10 migliori granite siciliane? Sono queste, al limone, caffè, cioccolato

Granita siciliana: le 10 migliori dell’estate 2021. Come si mangia e i gusti da scegliere cioè granita al limone, al caffè, al cioccolato

Locali

Tirare fuori una classifica aggiornata della migliore granita siciliana visto che l’aria lungo le spiagge rettilinee dell’isola è calda come mai? Ora o mai più.

Meteo in Sicilia: a Floridia ci sono 48,8 gradi, la temperatura più alta mai registrata in Europa, titola preoccupato il Corriere. 

Per forza i tedeschi svengono, il caldo è così opprimente e la luce così eterna che l’unica cosa da fare, a parte serrare le finestre, chiudersi in casa e praticare l’immobilità, è cercare l’ombra di un bar per farsi congelare anche il cervello. Da una granita al limone (una?).

Granita al caffè: Messina

Mezza con panna

Meglio a Messina, dicono i messinesi. La densità è corretta, lo zucchero più accentuato, la consistenza, legata alla temperatura, è quella che deve essere. Non è mai ghiacciata e non è mai liquida, staziona in una condizione di permafrost che è un mistero capire come accada. Ma accade.

Del resto, se chiedete a un messinese qual è la vera granita vi risponde la mezza con panna. Il nome che ha a Messina la granita al caffè. 

Viene servita nel bicchiere di vetro insieme a una brioche (in siciliano brioscia) soffice e calda, da inzuppare con una certa sapienza nel bicchiere mescolando la panna al caffè. 

C’è chi sostiene che ci voglia arte per mangiare la mezza con panna. A ruota seguono la cremolata di fragole e la granita al limone.

Granita al limone, al cioccolato, alle mandorle: Catania

Granite

Meglio a Catania, dicono gli etnei. La granita qui è meno zuccherata e più morbida, quasi una crema densa.

C’è più varietà di sapori nella granita catanese, la fattura è più originale. Diffusi sono il pistacchio (originario di Bronte), la mandorla (la minnulata catanese, cioè mandorlata, su cui si versa un goccio di caffè caldo), la frutta: limone, gelsi neri, pesca, fragola.

Quotata anche la granita di Salina, come ha ricordato orgogliosa la giovane chef siciliana Martina Caruso.

Nella classifica della migliore granita siciliana estate 2021 che vi apprestate a leggere la sfida Catania/Messina finisce 4 a 4. Manco a farlo apposta. Con un inserimento a testa per le provincie di Siracusa e Trapani. 

Come si mangia la granita

Granita Marzamemi

I numerosi frequentatori dei bar siciliani lo sanno alla perfezione, queste istruzioni riguardano gli altri. Ai meno avvezzi si può dire qualcosa su gusti, brioche e panna. 

La granita siciliana è differente: consistenza

Diciamo prima di tutto cosa non è la granita siciliana. Non è ghiaccio tritato. Non è una grattachecca, per capirsi. Anzi, la presenza eccessiva dei cristalli di ghiaccio è un difetto. 

Gli ingredienti, acqua, zucchero, limone o altra frutta, vengono ghiacciati con lentezza e mai del tutto, sempre mescolando. A finire nel bicchiere è una bevanda inconfondibile nella consistenza, cremosa e leggermente granulata. Che va mangiata con il cucchiaino, non bevuta.

Tanti gusti ma pochi indimenticabili

Alcuni bar siciliani, anche di buon blasone, elencano nei menù una sfilza di gusti. Volete andare sul sicuro? Ve lo diciamo da tempo, scegliete nei posti migliori tra pochi gusti: caffè, limone, mandorla, gelsi, pistacchio, fragola, cioccolato. 

Perché proprio questi? Sono la combinazione ideale tra zuccheri e acidità oltre che tra gusto e polpa.

Un avvertimento: se non volete vedere siciliani che gesticolano, gridano e si fanno il segno della croce per l’eresia, non mangiate la granita a fine pasto. La granita si mangia a colazione o come spuntino.

La panna 

La panna, densa e zuccherata (se non lo è girate i tacchi e cercate un altro posto), si può mangiare prima o insieme alla granita. La seconda opzione è più accreditata tra gli intenditori perché –dicono– regala al palato momenti di estasi. 

E siamo alla brioche, con la coppola

Nonostante la tentazione di azzerarla prima possibile, mantenete il controllo e mangiate la granita siciliana lentamente. Insieme alla brioche calda (se non lo è fate come per la panna senza zucchero), dal sapore dolce e agrumato insieme che con la granita vive in simbiosi. In Sicilia la chiamano brioscia col tuppo. Il tuppo è una specie di cappello (coppola) sopra la brioche vera e propria.

I più affondano subito la brioche nella granita, è comprensibile oltre che corretto. Ma c’è chi ama tenerne un morso per l’ultimo cucchiaio di granita, così da finire tutto insieme. Alcuni baristi, nelle zone meno turistiche, potrebbero darvi il “pesciolino” al posto della brioche, un panino al sesamo di forma allungata.

Mara Pettignano, scrittrice di culto della granita siciliana 

Mara Pettignano

Nata a Cesarò e cresciuta a Catania, la food writer Mara Pettignano ha redatto numerose classifiche a tema migliore granita siciliana. Qualche estate fa ha sperimentato granite in oltre 100 bar siciliani. 

In ognuno provava 5/6 gusti, la brioche e, a parte, la panna. Per riprendersi dall’abuso di zuccheri a cena mangiava acciughe salate e speck. Non contenta, ha ripetuto tutto l’anno dopo. 

Questo per dire che, probabilmente, ha assaggiato più granite lei di chiunque altro.

Le sue classifiche hanno convinto residenti e viaggiatori a sobbarcarsi chilometri pur di levarsi lo sfizio di una granita siciliana autentica e sopraffina. Per lo più in posti improbabili, anonimi o addirittura “arripizzati”, che vuol dire scrostati, sgarrupati.

I migliori bar gusto per gusto

Fiumara di Messina per la granita al caffè. La Timpa a Santa Maria alla Scala (Catania) per la granita alla mandorla. BamBar di Taormina (Messina) per quella al limone. Musumeci a Randazzo (Catania) per la granita al pistacchio. Caffè Apollo di Siracusa per la granita al cioccolato. 

Granita siciliana: classifica delle migliori, estate 2021

Impossibile non partire dalla scrittrice di culto, che oggi trovate su Facebook nel gruppo Food Club Sicilia, per elaborare la classifica della granita siciliana aggiornata al 2021.

Tra conferme e delusioni abbiamo fatto qualche scoperta. 

1. Bar Pasticceria Musumeci

Granita Bar Musumeci Randazzo

La granita è cambiata (oggi è migliore) e Giovanna Musumeci le ha preso le misure. Una tristezza buia vi crollerà addosso quando ve ne andrete. Non ci si separa a cuor leggero da uno tra i gelati più buoni di tutta la Sicilia e da queste granite. 

Granita al limone, al (vero) pistacchio di Bronte, alla mora selvatica, alla pesca tabacchiera. Tutto davanti al gotico-normanno in pietra lavica della basilica di Santa Maria a Randazzo, un’ora d’auto da Catania. 

Bar Pasticceria Musumeci. Piazza Santa Maria, 5. Randazzo (CT)

2. Pasticceria Russo 

granita pasticceria Russo

Tanta concentrazione di bontà in un paesino di 8 mila anime della cinta etnea sembra miracolosa. L’innamoramento inizia lungo le strade che precedono la pasticceria, profumate di canditi. Prosegue una volta entrati con l’imponente vetrina ereditata da una farmacia in dismissione. 

Ma non vi formalizzate, siete in uno dei numerosi –e meravigliosi– improbabili bar siciliani. Dove la seconda migliore granita dell’isola, da preferire ai gelsi, al limone o alle mandorle, è solo uno tra i piccoli capolavori dolci. Affondateci un cornetto al miele per capire. 

Via Vittorio Emanuele III. Santa Venerina (CT)

3. La granita di Alfredo

granite in Sicilia Da Alfredo Salina

Neanche il tempo di sbarcare a Salina, storditi dalla bellezza intorno a voi, e state chiedendo una granita da Alfredo. Istituzione dell’isola, Alfredo Olivieri è in piazzetta dal 1968 con il pane cunzato più decantato di Sicilia e una granita al limone che perfino i liparoti, gli abitanti di Salina, vengono a mangiare per non morire di caldo.

Piazza Marina Garibaldi. Salina (ME)

4. Bar La Timpa

Bar La Timpa Zia Tanina

Bar improbabili, si diceva. Mini trattoria nel borgo marinaro di Santa Maria La Scala, con pochi piatti di pesce scelto dallo zio Turi e la granita alla mandorla più buona di Sicilia, quindi del mondo. Preparata dalla moglie, zia Tanina, figura di donna siciliana d’altri tempi giustamente leggendaria.

Piazzetta Santa Maria La Scala. Acireale (CT)

5. Caffè Sicilia

Notorietà planetaria, il tocco del maestro: Corrado Assenza è il guru del Caffè Sicilia, a due passi dalla facciata dorata del duomo di Noto. Ci sta a fatica uno dei migliori bar all’italiana del mondo, santificato anche da Netflix, in questa lista di posti semplici. Eppure la granita al limone verdello, quelle alla mandorla e ai gelsi neri, più impalpabili rispetto all’ortodossia siciliana, sono altamente raccomandabili.

Corso Vittorio Emanuele, 125. Noto (SR)

6. Mezza granita con panna da De Luca

Mezza cgranita on panna De Luca

La notorietà del bar De Luca, una sicurezza per la granita ma pure il gelato non scherza, è pari a quella di Briga, appendice marinara di Messina. Per dire che i messinesi vengono a Briga principalmente per una granita al limone, al caffè, ai frutti di bosco o ai gelsi del piccolo ma solido bar. 

Via Nazionale, 208, Briga Marina (Messina)

7. Granita alle fragoline di bosco da Alecci

granita Alecci

Un posto semplice nel trafficato sobborgo catanese di Gravina con ampio spazio all’aperto zeppo di tavoli costantemente pieni. Seduti all’ora della colazione o per spuntini fuori orario sono soprattutto i catanesi. 

Sui volti dei quali è dipinta l’espressione spiritata di chi sta gustando una granita alle fragoline di bosco, al limone o al pistacchio da visioni e miraggi. E per una volta non è colpa del caldo.

Via Antonio Gramsci, 62, Gravina (Catania)

8. La granita al Bambar? Uno spettacolo

Granita BamBar Taormina

Due sono le cose principali per guadagnarsi un tavolo al Bambar di Taormina. Rosario “Saretto” Bambara, il funambolico proprietario che aggiusta questioni, riduce distanze, trova occasioni di divertimento per tutti, snocciola lingue, si sente un benefattore. 

I numerosi vip di passaggio sgomitano per farsi un selfie con lui (non il contrario, per dire). L’altra cosa? I bicchieroni di granita. Una goduria l’anguria. Il limone segue. 

Via Di Giovanni, 45, Taormina (Messina)

9. Fiumara

Dei dolci il rassicurante signor Fiumara conosce un segreto più del diavolo. Le sue granite sono finalmente arrivate a Messina, ma il piacere di tuffarsi in quelle al cioccolato o al caffè è la stessa. Se vi avanza spazio, è una buona idea gelarsi il cervello con la magica “mattonella”: fuori gelato gianduia dentro semifreddo.

Via Ugo Bassi, 118, Messina

10. Gelateria Liparoti Erice

gelateria Liparoti Erice

Sconfiniamo verso Trapani per la prima volta in questa classifica. pPr Liparoti, blasonato gelatiere, si sconfina nella città del sale, del vento e del mare. Per salire tuttavia a Erice, dove da un mese, vicina all’arrivo della funivia, c’è una nuova gelateria Liparoti. Occasione ghiotta per abbinare ai pasticcini di Maria Grammatico, la stella della pasticceria ericina, una granite siciliana capace di resuscitare i morti. Granita al limone, ai fichi, ai gelsi neri. 

Via Vittorio Emanuele, 36, Erice (Trapani)

[Immagini: Alfio Bonina, Orazio Esposito, Restaurant Guru]