L'Altro Scalo gastronomia a Salerno asporto

L’Altro Scalo a Salerno, buona gastronomia con piatti tipici da asporto

Menu e prezzi dei piatti tradizionali partenopei dello chef Antonio Apicella alla gastronomia L'Altro Scalo in Corso Garibaldi a Salerno

Shopping

A Salerno ha aperto, in quello che possiamo chiamare quadrilatero della moda, L’Altro Scalo. È una gastronomia da asporto da segnare in rubrica per assaporare una cucina ispirata alla tradizione Campana e dai sapori decisi. 

l'altro scalo a salerno

Tra Hoshi, Casamare, Umi, il Pacchero, Pescheria e il suo temporary Osteria, garbatamente si inserisce questo locale di Silvio Sansone. Già noto alle cronache del food per il ristorante Scalo in Piazza Sedile di Portanova.

Ogni giorno puntuale via social o sui cellulari di clienti ed amici compare il messaggio con le proposte del giorno di una cucina che sa di casa. 

Nel menù sono sempre presenti piatti che strizzano l’occhio anche al controllo calorico. E su richiesta è previsto anche il senza glutine.  

La domenica la proposta è decisamente più incisiva e goduriosa. Compaiono sformati, lasagne, parmigiane, pollo ripieno, salsicce, polpette, contorni pronti a finire sulle tavole imbandite a festa. 

pomodori datterini Epoca

I prodotti sono frutto di una ricerca attenta e non casuale. Alla gastronomia L’Altro Scalo di Salerno utilizzano il pomodoro dell’azienda Epoca, la pasta Ducato D’Amalfi di Gragnano, una generosa scelta delle conserve dell’azienda Armatore di Cetara. Tra i vini primeggia per varietà di etichette la cantina San Salvatore. 

l'altro scalo a salerno cucina

Lo chef Antonio Apicella da anni ha condiviso i progetti di Silvio Sansone. Anche se in una cucina dalle dimensioni contenute, propone piatti dalle cotture espresse sia per la sala che per l’asporto. 

I primi piatti della gastronomia L’Altro Scalo a Salerno

L'Altro Scalo gastronomia a Salerno paccheri allo scarpariello

Il più classico dei classici: i paccheri allo scarpariello (7 €). La messa in carta di questa ricetta se la disputano vari ristoranti. Ma certo è che L’Altro Scalo a Salerno ne ha trovato equilibrio e misura tra cottura della pasta, sapore del sugo di pomodoro generosamente esaltato dal parmigiano supportato da un’idea di pecorino e dall’immancabile profumo di basilico.  

tomballo di tagliolini

La ricetta dello sformato o timballo di tagliolini (6 €), storico piatto partenopeo, non prevede sconti al generoso condimento di questa meravigliosa preparazione. Croccante all’esterno, risulta morbida all’interno grazie alla besciamella, ai piselli, al fiordilatte e al prosciutto cotto che sostituisce il canonico ragù bianco di carne. 

I secondi piatti

pollo farcito

Il pollo disossato e farcito è accompagnato dalle classiche patate schiacciate e piselli (8 €). La cottura al forno gli conferisce una consistenza tenera e umida e un gustoso sapore regalato dai profumi usati in cottura. 

L'Altro Scalo a Salerno maialino

La millefoglie di maialino (8 €) è un’alternanza di sottili fettine di tenero maialino intervallate da patate schiacciate e da saporiti funghi porcini. Un abbinamento in grado di deliziare il palato. 

L'Altro Scalo Salerno salsicce e peperoni

Tenere e profumate le salsicce di maiale (7 €) dalla macina grossa in una cottura lenta esaltate dai peperoni gratinati al forno (4 €), prima fritti e poi ripassati con pan grattato olive e capperi. Un abbinamento classico e stuzzicante qui alla gastronomia L’Altro Scalo di Salerno. 

L'Altro Scalo a Salerno polpette

Morbide e generose le polpette (2 € cadauna) sono il piatto che mette d’accordo tutti. Impastate con una piccola percentuale di pane ammollato nel latte e parmigiano sono uno dei  fiori all’occhiello dello chef per il bilanciamento degli ingredienti. La cottura al forno e il delicato sughetto ne fanno un confortante piatto di casa. 

L’Altro Scalo a Salerno dispone anche di sedute per la consumazione sul posto.

L’Altro Scalo. Corso Garibaldi, 239. Tel. +393440734670




Di Silvana Tortorella

Il cibo è uno dei piaceri della vita, il primo atto d’amore che una madre ha verso un figlio l’elemento con cui sopravviviamo. Un giorno ho aperto la porta di questo mondo ci ho sbirciato e mi è piaciuto da morire ... ancora non ho saziato la mia curiosità.