McPlant, il primo hamburger vegano di McDonald’s, la confezione

McPlant, hamburger vegano McDonald’s, è importante. Che vi piaccia o no

Non c’è ragione per preferire McPlant, primo hamburger vegano di McDonald’s, al rivale di Burger King, secondo i più autorevoli esperti

Notizie

Che vi piaccia o no, McPlant, il primo hamburger vegano di McDonald’s, cioè della catena di fast food più grande del mondo, ha la sua importanza. 

Se ignoriamo i pochi “hamburger” vegetariani elemosinati finora dalla multinazionale del cibo veloce, il panino, al debutto in questi giorni nel complesso mercato americano, è il primo hamburger di un colosso fondato sulla carne, non fatto di carne. 

McDonald’s ha un hamburger vegano?

McPlant, primo hamburger vegano di McDonald’s fuori dalla confezione
McPlant di McDonald’s fuori dalla confezione verde

Dopo tre anni di progettazione e sviluppo, soprattutto dopo un tour europeo che lo ha portato in fase sperimentale a Londra da fine settembre, per l’hamburger vegano di McDonald’s sono iniziati i test americani, contrassegnati da una pioggia di recensioni. I più autorevoli siti gastronomici a stelle e strisce si stanno cimentando nell’assaggio, e di sicuro non mancano le critiche. 

Impossible Whopper, il rivale di Burger King

McDonald’s arriva in ritardo rispetto all’arcirivale Burger King che ha iniziato a vendere il proprio panino vegano –Impossible Whopper– nel 2019. Dopo aver reclutato l’azienda californiana specializzata in prodotti sostitutivi della carne, Impossible Foods, primatista nella raccolta fondi del settore food tech e motore occulto del panino vegetale di Burger King. 

Arrivare prima significa anche affrontare per primi i problemi. Che non sono mancati per Impossible Whopper. Il panino è partito costando 1-2 $ in più rispetto alla versione originale a base di manzo. In seguito Burger King ha tagliato i prezzi a causa di un rallentamento delle vendite. 

La catena rivale di McDonald’s ha poi dovuto affrontare una class action, perché Impossible Whopper, pur essendo un hamburger vegano, veniva cotto sulle stesse superfici destinate alla carne e ai latticini. Alla fine il caso è stato archiviato, ma Burger King ha dovuto assicurare che, da quel momento in poi, i panini a base vegetale sarebbero stati preparati su superfici dedicate, senza contatti con carne e latticini. 

Chi fa McPlant?

McDonald’s ha chiesto di sviluppare il suo McPlant in esclusiva a Beyond Meat. La fortunata startup di carne vegetale, rivale di Impossible Foods, ha usato riso, piselli e patate al posto della carne. 

Ingredienti dell’hamburger vegano di McDonald’s

Il McPlant americano è leggermente diverso dall’hamburger vegano che McDonald’s vende nel Regno Unito, la cui ricetta, oltre alla “carne non carne”, prevede un formaggio vegetale e una speciale “salsa vegana”.

Negli Stati Uniti, stando alle prime recensioni, oltre a una fetta di formaggio americano, nel McPlant ci sono un groviglio disordinato di lattuga iceberg tritata, fette di sottaceto e, spalmate, maionese e ketchup in versione vegetale. 

Alla fine com’è l’hamburger vegano di McDonald’s?

Aspetto di McPlant, hamburger vegetale di McDonald’s
Nella pubblicità McDonald’s questo è l’aspetto di McPlant

Le critiche al panino sono state dure, a volte brutali. 

Secondo Eater, c’è poco da entusiasmarsi per il McPlant. Non tanto per il sapore della carne, è la sua consistenza, molle e floscia, a deludere e rendere poco pratico mangiare l’hamburger vegano di McDonald’s, specie in auto. 

Il panino potrebbe anche beneficiare, continua l’influente sito americano, di una maggiore quantità di condimento. Un pizzico di senape, poi, aggiungerebbe un gradevole tocco di acidità alla maionese e al grasso sprigionato dalla griglia.

In molti hanno fatto pesare le poche differenze di sapore tra McPlant e gli altri hamburger McDonald’s. Il ché potrebbe non essere un difetto. 

Meglio McPlant o Impossible Whopper? 

McPlant di McDonald’s esce sconfitto anche dalla contrapposizione con l’hamburger vegano di Burger King.

È meno succoso, inoltre Impossible Whopper ricorda più la carne, con una dose aggiuntiva di autenticità dovuta alla crosticina che si forma nella parte esterna leggermente carbonizzata. 

Ragione per cui, ora come ora, conclude il sito Endgadget: “se il cliente di un fast food si trovasse davanti alla scelta tra l’hamburger veg di Burger King e quello di McDonald’s, non c’è una vera ragione per cui dovrebbe scegliere il McPlant”.

Non la migliore delle pubblicità possibili per il debutto con la carne non carne del gigante degli archi dorati.