Crazy pizza porzio

Crazy Pizza: Porzio spiega Briatore con la recensione su TikTok

Il pizzaiolo Errico Porzio spiega il progetto Crazy Pizza di Briatore con una video recensione della pizzeria di Roma su TikTok

Notizie

Errico Porzio, pizzaiolo e creator di successo, è andato da Crazy Pizza a Roma per capire l’idea di Flavio Briatore. 

A Porzio, solida reputazione da pizzaiolo e imprenditore con (almeno) cinque pizzerie all’attivo, due a Napoli, il resto a Salerno, Aversa e Roma, rimane attaccata la simpatia contagiosa della napoletanità.

Così trova il tempo per fare (anche) il creatore di contenuti digitali, a tema pizza va da sé, che pubblica sui social. Va forte in particolare su TikTok dove lo seguono 780 mila follower e passa. 

Pizza Ventricina Crazy
Pizza Ventricina da Crazy Pizza
Pizza adriatica
Pizza Adriatica da Crazy Pizza

Le sue video recensioni, come la più recente di Crazy Pizza a Roma, piacciono perché Porzio non si erge a giudice. Ma tra concetti semplici intercalati dall’immancabile “Uagliù” prova a spiegare pizze *a loro modo* eccezionali.

La pizza di Cracco, per dire, con uno dei video più cliccati di Porzio, e ora la Crazy Pizza di Briatore.

Una catena di pizzerie

Crazy pizza esterno
Ingresso di Crazy Pizza a Roma

Crazy Pizza è una catena di pizzerie voluta da Flavio Briatore e parte del gruppo Majestas Ristorazione al pari di altri marchi quali Twiga, Cipriani e Cova.

Spensieratezza, eleganza, posizioni di prestigio e prezzi sostenuti, ma non irritanti, sono i tratti comuni delle pizzerie. Come nel caso di Crazy Pizza Roma, in via Veneto, dov’è stato Errico Porzio. 

Il marchio ha debuttato nel 2018 con un locale al Billionaire di Porto Cervo. L’anno successivo è stata inaugurata la pizzeria di Montecarlo nella zona affascinante di Port Hercules. 

A febbraio 2022 Crazy Pizza è sbarcato a Roma con intenti bellicosi. Perché, come ha spiegato lo stesso Briatore: “Roma è piena di pizzerie, ma di Pizza Antonio, Pizza Giuseppe. Non c’è un brand”.

Errico Porzio non c’è ancora stato per una delle sue video recensioni, ma Crazy Pizza un mese dopo, a marzo 2022, è arrivata anche a Milano

Oggi Crazy Pizza conta 6 pizzerie.

Crazy pizza milano
Interno di Crazy Pizza Milano
Crazy Pizza Milano dehors pizzeria briatore
Crazy Pizza Milano, dehors

Oltre a Porto Cervo e Montecarlo, due locali sono a Londra, in zona Marylebone e Knightsbridge (un milione di € perso nel primo anno di attività).

Uno a Roma e uno a Milano.

Altre due pizzerie sono in apertura a Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita e a Doha, capitale del Qatar. 

Crazy Pizza: menu e prezzi 

menu
Il menu di Crazy Pizza Roma

I prezzi di Crazy Pizza sono alti ma non irritanti, lo ha confermato anche Errico Porzio. Questo se prendiamo la pizza margherita come termine di paragone. 

Questi, invece, restando a Milano, sono i prezzi di altre pizze gettonate:

CRAZY PIZZA FOCACCIA 23 €

  • (Mozzarella, bresaola, pomodoro Cuore di bue, rucola e scaglie di Parmigiano Reggiano)

AL PROSCIUTTO 27 €

  • (Salsa pomodoro, mozzarella di Bufala e prosciutto cotto)

PATA NEGRA 65 €, il prezzo più alto di Crazy Pizza, come segnalato da Porzio

  • (Salsa pomodoro, mozzarella di Bufala e prosciutto Pata Negra Joselito)

BUFALINA 26 €

  • (Salsa pomodoro, bocconcini di Bufala, confit di pomodorini Datterini, olive Taggiasche, peperoncino secco e pesto). 

Com’è la Crazy Pizza secondo Errico Porzio

Errico Porzio mette alla prova la ”pizza di Briatore” da Crazy Pizza in via Veneto a Roma

Nel video girato a Roma il pizzaiolo napoletano, essendo del mestiere, ha fatto le pulci alla “pizza di Briatore”. 

Prezzo. Vero, nota Porzio, da Crazy Pizza la pizza con il Pata Negra costa 65 €. Ma ordinando una pizza Margherita non si prosciugano i sudati risparmi: 14 €.

Cornicione. In questa pizza il bordo che accende il desiderio nella pizza napoletana è praticamente assente. 

Panetto. Quello di Crazy Pizza, fa notare Porzio, è più piccolo di quello delle pizzerie napoletane: 170/180 grammi vs. 240/280 g. Viene steso molto largo, prima con le mani poi col mattarello. Il risultato è una pizza sottile, che si mangia senza sforzo e si digerisce in fretta.

Impasto: è senza lievito. Matura circa 20 ore. Una volta cotta la pizza, basta una leggera pressione per spaccarla come fosse un grissino. Lo spicchio tenuto tra le mani si piega, non resta dritto come quello della pizza napoletana.

Cottura: nel forno elettrico, quindi a una temperatura molto inferiore, circa 250 gradi, rispetto a quella di cottura della pizza napoletana, che oscilla tra 400 e 450 gradi.

Di conseguenza il disco di pasta resta nel forno di Crazy Pizza più o meno 3 minuti, segnala Porzio. Un paio in più rispetto alla pizza napoletana.

Qualità: non si può assaporare la qualità in una pizza del genere.

Replicabilità: mentre i bravi pizzaioli si dannano l’anima per calibrare tempi e lievitazioni, o per trovare la farina giusta, Briatore semplifica. 

Impasto diretto, senza lievito, panetto piccolo, cottura nel forno elettrico. Una pizza dalla qualità scadente ma leggera, digeribile. Soprattutto facilmente replicabile a ogni latitudine, a Roma come a Doha, a Montecarlo come a Riyadh. 

Una formula questa della Crazy pizza che, secondo Errico Porzio, fa del Briatore imprenditore “nu genio”.