Parisi: la migliore carbonara la fai con maggiorana e parmigiano di pecorino

Non so quanti siano a conoscenza della mia passione smodata per la pasta e in particolar modo per la carbonara e per il cacio e pepe. Ognuno ha il suo benchmark nel piatto perfetto, quello che ti fa sentire protagonista di un mercoledì da leoni anche se surfi con la panza sotto al tavolo e più che l’onda da cavalcare aspetti che ti si ripresenti quel gusto, quel piacere supremo che ti ha sconvolto le papille. Io con la carbonara ho un rapporto atavico ma non in quanto tale, bensì con le sue materie prime e in particolare la pasta e l’uovo. La pasta perché da sempre, a Napoli, è risaputo che la pasta lunga è più pregiata, più difficile da realizzare. Quindi per gustare una pasta corta veramente buona devi trovare un grande pastificio che la produca. E poi c’è l’uovo, l’oggetto primordiale, il brodo di coltura delle passioni gastronomiche. Mio nonno aveva una salumeria al Vomero, ma aveva soprattutto un piccolo allevamento ai Camaldoli. E io ricordo quel traffico di uova fresche, freschissime nei “cartoni” e la lampadina poggiata sul tavolo per guardare in controluce l’uovo. Non so per vedere esattamente cosa. E la mano che mi tendeva l’uovo pulito con il forellino per tirarlo giù. O sul cucchiaio con una goccia di limone, un dolcetto goloso perché l’uovo va mangiato con l’albume. E non so in base a cosa mio nonno scegliesse l’uovo da darmi, ma era sempre buonissimo. E io pensavo che ci fossero le galline per le uova dei bambini. Che erano più galline delle altre. E le loro uova erano più uova delle altre.

paolo-parisi-oliviero-toscani

Pensate non sia vero? Allora non avete mai assaggiato l’uovo che è più uovo di tutte le altre uova che voi abbiate mai potuto mangiare. Perché c’è un signore che è il re delle uova, anzi delle galline che lo ripagano delle sue attenzioni deponendo uova strepitose. Io l’ho conosciuto in velocità a Londra quando con le sue uova Massimo Bottura preparò l’uovo cotto a bassa temperatura con guanciale e fonduta di Bitto. Mi ripromettevo di conoscerlo meglio Paolo Parisi. E sono andato da lui per chiedergli come mai le sue uova sono così famose. E sono ritornato indietro nel tempo, a quando ero bambino e gustavo quell’uovo sulle colline e sapevo che dentro quel pollaio c’era la gallina più gallina delle altre che deponeva l’uovo più uovo degli altri. Perché Paolo, nemmeno mi avesse letto nel pensiero, mi dice “preparo la carbonara” dopo che sono entrato nel suo regno, segnato da un cancello con le scope di saggina e recintato perché non vadano via i suoi animali che vivono allo stato semi brado (ma solo perché non possono decidere di allontanarsi oltre quelle staccionate). Paolo non ha solo le galline, tra l’altro di razza Livornese, le meno adatte a fare grandi rese. Ha anche le capre che nutrono le galline. E poi i bovini che pascolano fin dentro il bosco e a volte mangiano i cereali con le uova famose. E i maiali di Cinta Senese che fanno concorrenza agli spagnoli Pata Negra. Un allevamento integrato, lo chiamerei.

paolo-parisi-con-uovo

L’uovo più famoso del mondo gastrofanatico ha la barba e gli occhialoni neri. E tanti amici che vanno pazzi per le sue uova. Io e Francesco ne abbiamo conosciuto uno, Douglas Gayeton, che era lì per fotografare il mondo di Paolo. Fantastico come può esserlo quello di Alice e popolato di personaggi che qui alle Macchie vicino a Lari (Pisa) sono i componenti della sua famiglia che collaborano al successo di questa impresa: Manuela con Rocco, Filippo, Riccardo, Alice, Priscilla e il piccolo Brando che appaiono sulle scatole in una bella foto. Pioveva la domenica in questo tratto di Toscana tra Livorno e Pisa in un entroterra meno conosciuto di altre zone della Regione ma non certo meno interessante. Paolo Parisi è approdato qui nel 1981 e ha costruito con pazienza il suo regno del gusto e della qualità.

Parisi-uova-carbonara-fredda-douglas-cayedon

“Douglas sta arrivando”, mi avverte Paolo facendomi entrare nella cucina. Americano che ha una tale attrazione per questa Toscana da dedicarci un libro “SLOW: Life in a Tuscan Town” in cui ha costruito una tecnica di rappresentazione fotografica manuale che mette insieme il digitale, il graffito e la tradizione di luoghi per lui, dalla California, lontanissimi.

Parisi-uova-carbonara-fredda-libro-douglas

Giro le pagine e guardo i quadratini che compongono una panoramica ottenuta con un lavoro certosino selezionando 3000 foto. Douglas e Francesco, dopo un momento di comprensibile disagio per entrambi, inizieranno a danzare intorno al tavolo del laboratorio gustativo.

Parisi-uova-carbonara-fredda-parmigiano-pecorino

Paolo mi fa: “Conosci Casa Madaio?” Cilento, praticamente seconda patria, certo. “Ma questo non lo hai assaggiato”. E Paolo lavora intorno a una forma e mi raccomanda, sempre intera si compra la forma. E’ un parmigiano di pecora dal gusto incredibile affinato a sud di Salerno e arrivato qui in Toscana per essere curato ancora e dare ora a noi il piacere di una pastosità sconosciuta. Pensavo di conoscere la produzione di Antonio Madaio da Castelcivita, ma dovevo incontrare Paolo Parisi per arrivare a queste vette supreme. Rocco si prende cura del parmigiano di pecora e lo grattugia con movimento circolare. Noi assaggiamo e beviamo un prosecco naturale. Sapori che esplodono. Chi resisterà con ben due fotografi che si muovono felpati e chiedono un attimo di pazienza? Le uova miracolose sono là, ma è la volta del guanciale. E non è un guanciale qualsiasi. Paolo crea un altro tesoro in grado di sconfiggere l’avversario spagnolo e di costringerlo alle corde con la sua cinta senese che ha iniziato a selezionare nel 1989. Una razza che era stata abbandonata, non si direbbe oggi, a favore di altri suini più resistenti all’allevamento intensivo. Quelli di Paolo vagano e mangiano pinoli e ghiande. Il segreto è aiutare la natura ma con discrezione e poi ci vuole l’intervento dell’uomo.

Parisi-uova-carbonara-fredda-pane-guanciale

Taglia fettine di guanciale e le avvicina al pane di Eugenio Pol, un’altra storia ricca di grandezze. E’ come mangiare la seta e il profumo messi insieme. Resto attonito. Ma come fai a tirare fuori questa untuosa sontuosità? Accarezza le bolle dilatate della cotica del collo che racchiude questo guanciale. Ha i suoi anni il maiale e la rete che imprigiona le carni si avvicina e si allontana dal fuoco del braciere che consuma trucioli di faggio.

Parisi-uova-carbonara-fredda-guanciale

Occorrono 6 ore di affumicatura e vapori di torba per dare vita a questa sensazione di balsamico, di iodato e di erbaceo con un risultato da paura. “Lo preparo da Levoni vicino Mantova che è una realtà industriale con 200 persone ma ha ancora le grotte per l’affumicatura”. Per me potrebbe farlo anche su un Ufo nello spazio sarebbe lo stesso perchè devi avere una grande voglia e passione per creare un prodotto come questo. E taccio del salame che Paolo mi allunga conscio che i tempi del set potrebbero farmi andare a zampe all’aria. La julienne di guanciale è pronta. Ed ora è la volta del limone, della buccia che va grattata. Limone??? E che c’entra nella Carbonara? Digito l’indirizzo del sito per ricercare la ricetta arcangiolesca. Possibile che il vino biodinamico mi abbia atterrato così malamente? Paolo sorride. “Ci vuole un limone vero, come quello del mio albero, tagliato a capello”. Qui ha gelato un po’ tutto ma il limone profuma.

Parisi-uova-carbonara-fredda-uovo

Va bene, Carbonara creativa, ma le uova che facciamo le mettiamo. “Certo nella Carbonara a freddo sono la parte più importante”. Ecco l’uovo, bello perfetto che rotola sul suo piano inclinato per uscire pulito dal pollaio. Paolo scusa, ma fredda nel senso che ce la mangiamo fredda? Macchè, nemmeno risponde e prende la pasta, i tagliolini sottili all’uovo di Caponi di Pontedera che saranno pronti in due minuti.

Parisi-uova-carbonara-fredda-preparazione

La scodellona di ceramica accoglie 1 uovo per commensale, parmigiano pecorino, maggiorana, limone, il mezzo aglio spremuto. La danza si fa frenetica, i tagliolini sono nell’acqua. Le uova vanno battute poco, avverte Paolo, e il composto carbonaro è pronto.

Parisi-uova-carbonara-fredda-mantecare

Paolo ci lancia dentro la pasta e la gira veloce per evitare che il calore dei tagliolini faccia diventare frittata l’uovo. “Meglio tenere da parte un po’ d’acqua calda nel caso la pasta si impacchi”. Il forchettone gira una, due volte. Il profumo si spande veloce. Una girata di pepe.

Parisi-uova-carbonara-fredda-forchetta

Affondo con decisione la forchetta rapito dal colore intenso dell’uovo più uovo. Un connubio perfetto di materie prime si esalta in questo amalgama perfetto. Ritorno indietro nel tempo spinto veloce dal tuorlo che ha bevuto latte di capra. Il guanciale è lì a tenermi per mano mentre il pecorino crea bagliori nel canale della memoria che si allunga davanti a me. Non c’è paragone, anche se ho ascoltato qualcuno dire di non esagerare, che vuoi che sia un semplice uovo…

Riprendo il mio tempo. Paolo, stavo pensando, mi sa che oggi sono andato oltre il fresco e ho trovato il più fresco.

Parisi-uova-carbonara-fredda-primo-piano

Foto: Francesco Arena



lunedì, 8 marzo 2010 | ore 7:41

13 commenti su “Parisi: la migliore carbonara la fai con maggiorana e parmigiano di pecorino

  1. Grande Paolo e grande articolo 😉
    Paolo è veramente una persona unica, agitato da una passione sincera e travolgente. E’ un piacere stare con lui parlare e assaggiare i suoi gioielli, fatti apposta per essere gustati.
    Ciao A

  2. Bravo Vincenzo, bell’articolo.
    Interessante questa pasta alla carbonara senza guanciale e con la maggiorana.
    In realtà per non ottenere l’uovo frittellato la mantecatura si fa lontano dal fuoco.
    Dimmi s e ho capito bene, lui in realtà la fa nella ciotola e non nella padella, è questa la differenza.
    Non ho capito se Felice fa la mantecatura sul fuoco o a freddo ad esempio.
    http://www.youtube.com/watch?v=RQ27LXIA70Q

    Ho solo una domanda (bonariamente provocatoria): come mai chiami la (pasta) cacio e pepe al maschile?
    Mi chiedevo se fosse un’usanza partenopea che non conosco, tutto qui.
    Buona giornata
    :-))

  3. @ Lydia e Alessandro, grazie. Raccontare Paolo è molto divertente e molto gustoso 🙂

    @ Daniela. Il guanciale come hai visto c’è e che guanciale! Sull’uovo frittellato penso che la mantecatura vada fatta con la pasta ad una temperatura inferiore rispetto alle altre ricette. La Carbonara arriva a tavola un po’ meno calda di altre paste. Vediamo se qualcuno più abile di me in cucina ci dice qualcosa 😉 Paolo manteca tutto nella ciotola, quindi a freddissimo. Considera che il guanciale si scioglie al solo guardarlo. Fai caso alla foto in cui lo sta versando nella ciotola: le sue dita luccicano!

    Cacio e pepe: non so dirti il motivo. Vabbè facciamoci un blues e per assonanza con Pino Daniele facciamoci un cacio e pepe?

  4. Anche Arcangelo Dandini, e forse tutti i carbonari, mantecano nella scodella , nè fuori dal fuoco, tantomeno nella padella calda col guanciale crocante. Casomai un cucchiaio d’acqua di cottura o di essudato del guanciale sulle uova e formaggio, anche perché non tutte le uova, almeno nelle normali case, sono freschissime come quelle di Parisi a casa sua 😉
    Due cose: la prima, che mi sembra una novità , il guanciale non passato, quello sì, in padella a trasudare e a croccantizzarsi, ma messo direttamente con le uova.
    La seconda è una domanda: non capisco se Parisi mette solo i tuorli o l’uovo intero (meglio i soli tuorli, no?).
    Viva la carbonara, siempre.

  5. ha risposto a fabrizio scarpato: Parto dalla seconda. Paolo ha messo 1 uovo a testa e per intero come vedi nelle foto della preparazione. Se ci fai caso ho messo una foto più in grande dell’uovo aperto prima della sequenza in cui cala anche l’albume, ma ti dirò che con quella bontà di uovo saresti potuto salire anche a 1,5 e con la fame che avevo se ha messo di qualche uovo solo il tuorlo non me ne sono accorto. Tieni conto anche che la pasta era all’uovo, sempre di Paolo. Ad ogni buon conto ecco un dettaglio qui sopra della ciotola con l’amalgama pronto ad accogliere la pasta.
    La Carbonara in ogni caso viene mantecata ad una temperatura inferiore rispetto ad altre paste altrimenti l’uovo cuoce. Penso sia lì il segreto e il motivo per cui alcuni non amano la Carbonara che sembra “fredda”. Arcangelo riesce a mantenere la pasta al chiodo – ma veramente chiodo – e a mantecare qualcosa che altrove assomiglierebbe uovo con pasta croccante. Non ho pensato all’aspetto della temperatura differente ma penso che una decina di gradi in meno ci stiano.

    Guanciale. Quella è una novità perchè devi avere un prodotto infinitamente buono, curato, oleoso e setoso che si “squaglia” a guardarlo. Non l’ho chiesto a Paolo, ma suppongo che in estate il guanciale lo taglia all’ultimo secondo.

    Il cucchiaio d’acqua calda era pronto nel caso la pasta si impaccasse. Ma ti dico che abbiamo fatto il secondo giro di tavolo e non c’era alcun problema…

    Uova freschissime: non è solo questione di freschissimo (io in campagna ho il pollaio) ma di come sono quelle galline e quelle uova. In una parola, sapore e assenza di odori sgradevoli. Con l’uovo del supermercato non mi azzarderei.

  6. La carbonara come la faceva mio papà. Io ho sempre mantecato a freddo, ma il guanciale, appena riscaldato ce l’aggiungo dopo, alla fine. Anche i miei ragazzi ora qui la fanno così, viene buona buona. Poi, ovvio, a volte mi devo “accontentare” delle San Bartolomeo. Se avessi le Parisi, sarebbe ancora meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.