Roma. Cosa mangerete da Peppino a Mare ora che apre a piazza Navona

piatti pesce Peppino a Mare Roma 1

A Roma continuano ad aprire ristoranti (ve ne abbiamo parlato qui, qui, qui e qui). L’ultimo arrivato, che aprirà domani 20 gennaio, è Peppino a Mare, che basa il suo menu sul pescato del giorno. Ha già un ristorante all’attivo in quel di Ostia, sul litorale romano, ma ha voluto fare il bis nel cuore della Capitale, con un locale in via della Posta Vecchia, a un tiro di schioppo da piazza Navona.

peppino a mare

In cucina c’è una giovane squadra capitanata dallo chef Fabio Bauzullo, mentre in sala c’è il maître Mario Bauzullo, entrambi nipoti della proprietà del ristorante di Ostia. I due assicurano: “Non utilizziamo pesce di allevamento: viene nutrito con mangimi, pertanto ha una concentrazione di grasso non consona ai nostri piatti.

peppino a mare roma

Quando chiedo il menu, sono pochi i piatti che lo chef mi sa dire. “Questo perché dipende esclusivamente dal pescato del giorno: i crudi sono certamente uno dei nostri cavalli di battaglia, quindi il pesce deve essere freschissimo. Le nostre materie prime arrivano direttamente dalle acque del Circeo“.

bocconcino di ricciola

Ma – pesce pescato permettendo – consiglia il bocconcino di ricciola su vellutata di patate viola con riduzione di birra artigianale siciliana e fiori eduli.

crudo di ombrina

Non da meno, spiega, è il crudo di ombrina e spigola al sidro di mele e barbe di finocchio.

riso e baccalà

Ecco poi il riso Carnaroli, pesto aromatico di pistacchio di Bronte e baccalà pil pil (cottura a bassa temperatura in olio d’oliva 46° Parallelo – Riva) e maionese di baccalà.

Da bere non c’è solo il classico vino, con una cantina con centinaia d’etichette. “Daremo la possibilità di accostare il pesce anche ad alcune esclusive birre artigianali, come la tedesca Erdinger Kristall, e ad alcuni distillati“, spiegano i due.

Ora parliamo di prezzi. Mi aspetterei un conto non proprio economico, vista la qualità che assicurano dal ristorante e la posizione centralissima. Gli antipasti vanno dai 18 ai 25 €, i crudi dai 28 € in su “e vanno a peso, così come i secondi”, a partire dai 22 €. Per i primi si va dai 18 ai 28 €.

piatti pesce Peppino a Mare Roma 2 piatti pesce Peppino a Mare Roma 3

Ora lascio giudicare a voi questi colorati piatti. Riuscirà a farsi strada questo ristorante in mezzo ai locali per lo più turistici del Centro?

Peppino a Mare. Via della Posta Vecchia, 4. Roma. Tel. +39 06 68307152



18 commenti su “Roma. Cosa mangerete da Peppino a Mare ora che apre a piazza Navona

  1. I commenti di Titticanarinomannaro e Mattiaz mi danno lo spunto per parlare “ancora” di Tripadvisor.
    .
    Da un ostracismo quasi totale di qualche anno fa, Tripadvisor si è fatto largo nel “pubblico che frequenta” i food blog e, grosso modo, le due posizioni estreme(di rifiuto e di consenso) sono alla pari(vi sono anche posizioni intermedie).
    Sono convinto che i più assidui frequentatori di T siano proprio i food blogger che lo vorrebbero chiuso(per ovvi motivi).
    Io sono da sempre un lettore(non commentatore)(e con spirito critico) di T che trovo utile per avere informazioni.
    Ed è normale confrontare quanto leggo in una recensione con altre fonti, in primis T.
    In questo caso particolare, effettivamente, sono rimasto un po’ stupito dalla forte differenza tra T e la recensione:
    addirittura Puntarella Rossa, in una recensione di pochi anni fa, lo stronca come il peggior ristorante di Roma(Ostia è, diciamo, Roma).
    .
    Ora è chiaro che un ristorante(o pizzeria ecc…) può avere degli alti e bassi.Ma io, come eventuale cliente, devo tener conto di quello che altre fonti hanno scritto?

  2. Non prendo per oro colato quel che si scrive sul web: quanti pareri positivi mi hanno tratto in inganno!!
    Ma in questo caso i commenti sono tragici e di certo non invogliano per nulla a provare, a fronte anche di un conto non “leggero”

  3. Quello ad ostia è squisito, ci vado sempre in estate con la famiglia-prezzo in linea considerando si tratta di pesce fresco. Spero conservi anche a Roma gli stessi sapori, sono estremamente incuriosito: speriamo.

  4. E’ ovvio che le recensione di TA debbano sempre essere prese con le pinze; un numero così alto però di valutazioni negative non l’avevo mai visto. E’ altrettanto ovvio che l’opinione di Edoardo sia da rispettare; a lui è andata meglio di altri oppure, dato che è abituale, ha un trattamento differente.
    Resta il fatto che inserire un articolo completamente promozionale su un ristorante il cui gemello sembra – e dico sembra – essere scarso, lascia perplessi. Cosa sta diventando questo sito? Critica non ne fa, recensire non recensisce, ma promuovere posti non aperti o mai provati ne promuove. Capisco che per mangiare bisogna pur vendere, ma qui non vedo spirito critico alcuno da un po’ di tempo (dalla rissa sul Trabant, per l’esattezza).

  5. Ci sono stata più volte ed è mortificante al punto tale che ti vien voglia di entrare in cucina e chiedere cosa ci vuole a fare una cicoria ripassata in padella…figuriamoci il resto…ma per carità! Appunto: recensioni non recensioni. A proposito andateci senza annunciarvi e senza dire chi siete poi ne riparliamo!

    • Io ci sono stato a Piazza Navona e mi risulta abbia appena aperto, dalla loro pagina facebook l’inaugurazione era il 20 gennaio.
      Come è possibile che tu ci sia stata più volte se hai scritto il 23?

  6. Sono stato a mangiare per caso sabato 23 gennaio,ho mangiato molto bene, il pesce era freschissimo e cucinato divinamente, credo che spesso i commenti negativi siano frutto di concorrenza sleale, altrimenti non si spiegherebbe quanto a me accaduto.
    Ristornate in posizione invidiabile, personale gentilissimo, piatti deliziosi e una novità che mi ha lasciato stupito una carta dei vini ma sopratutto delle birre davvero notevole.

  7. Sono stato ieri sera con la mia Fidanzata, devo dire che ho trovato tutto veramente ottimo,
    ottima tartare e lista dei vini superlativa.
    Ad Ostia non ero mai stato quindi non ho termine di paragone ma qui in centro è un rispettabilissimo ristorante.
    Tornerò!

  8. Sono stata venerdì a Piazza Navona e ora cercando in rete ho trovato anche il TP ma del ristornate di Ostia, e sono convinta che si tratti di cose diverse. La mia esperienza è assolutamente e squisitamente positiva , la location è in posizione invidiabile, il personale attentissimo ma sopratutto quanto abbiamo ordinato è stato impeccabile .
    Ho mangiato davvero bene e piatti non banali preparati con moltissima cura , direi perfetti .
    Sono rimasta sconcertata da quanto ho letto perchè o sono stata in un altro ristornate o hanno cambiato tutto oppure si tratta di commenti falsi.
    Per quanto mi riguarda ottimo, prezzo non banale ma commisurato alla qualità dei piatti.

  9. TRIPADVISOR————————-
    Gli ultimi interventi sono stati positivi, tranne Sabrina che penso si riferisse a quello di Ostia.
    Alcuni commentatori dicono che T è inattendibile e pieno di recensioni malevoli e false per danneggiare il ristorante.
    Purtroppo, oltre a T non ci sono recensioni di questo ristorante in rete:
    ho trovato soltanto una forte stroncatura del 2011 su Puntarella Rossa e una sul Mangione del 2005, sempre negativa.
    .
    Questi 4 commenti positivi sono riusti a convincermi che T è un covo di incompetenti e bugiardi?
    No
    Perché potrei portare decine di esempi che dimostrano l’attendibilità di T.
    .
    Rimane il problema di questo ristorante.
    Lo accennavo nel mio primo commento: un locale può avere degli alti e dei bassi ed è probabile che sia questo il caso.
    E’ soltanto un’IPOTESI che formulo in base alle considerazioni che ho fatto nella prima parte.
    Ed il ristorante si trovi in una nuova fase di rilancio: e può darsi che si mangi bene ad Ostia(perché è quello il locale che ha scatenato tutto il dibattito)
    Quindi, non scarto ancora il locale soltanto perché ho letto T, ma aspetto di leggere altre recensioni che confermino o meno i commenti positivi.
    Se il locale merita gli apprezzamenti non mancheranno neanche su T.
    .
    Conclusione:
    Tripadvisor resta uno strumento utile.
    1 Da leggere con spirito critico.
    2 Da confrontare ed integrare con altre fonti d’informazione.

  10. Questa vicenda romana ci fa riflettere su un aspetto importante della critica enogastronomica.
    1
    E’ vero che, con internet, le centinaia di migliaia di locali(in senso generale, ristoranti pizzerie bar ecc…) sono più visibili e si trovano moltissime recensioni in rete.
    2
    Ma sono ancora MOLTI i locali che trovano visibilità soltanto in Tripadvisor
    3
    Sui Food Bloog vediamo decine e decine di post dedicati ai “SOLITI PERSONAGGI”in un anno:
    viene “comunicata” anche la più silenziosa scorre…a che fanno.
    E’ chiaro che molti locali non vengano recensiti
    4
    D’altronde vediamo pochissime recensioni negative o stroncature:
    il mondo “reale” viene nascosto: spetta agli “INCOMPETENTI”
    di T di farci sapere qualcosa della variegata realtà.
    5
    Da ultimo: qual è il TARGET dei FOOD BLOOG? Quanti post vengono pubblicati per “GLORIFICARE” gli Stellatici, in un anno?
    E tantissimi locali frequentati dalla gente comune chi li recensisce?
    .
    Da ciò si evince l’utilità di T.
    La sua indiscutibile Democraticità.

  11. Sono andata sabato sera con il mio ragazzo per caso…non so che dire, l’ho trovato eccezionale anche se senza dubbio un po lento. Oltre alla lentezza del servizio non capisco le recensioni negative..mah…forse è un altro ristorante rispetto a quello di ostia???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.