Nel giro di pochi giorni ci sono stati tre incontri tra i food blogger, Roscioli, Bombay Sapphire e un brunch domenicale all’Open Colonna organizzato da LeFrancBuveur

open-colonna-antonello-ambienti.

Prima che Antonello Colonna si trasferisse a Roma avevo aperto molte volte la porta rossa di Labico, una delle ultime per una storica cena con i forumisti del Gambero Rosso. Non credo che abbia senso fare paragoni tra il vecchio ristorante e la proposta per pranzo del nuovo. Tuttavia ho sentito pareri diversi sull’Open da persone che erano state a Labìco e altre che non ci sono mai state. Quindi credo che la scelta più corretta per me sia attenermi all’esperienza fatta domenica a pranzo senza preconcetti o aspettative e rimandare il giudizio tra il vecchio e il nuovo ristorante. Il Palazzo delle Esposizioni di Roma è davvero molto bello secondo me. E l’Open Colonna vi si sviluppa su due livelli moderni e luminosi con un grande soffitto trasparente da cui entra altra luce. Belle anche le terrazze, dove prendere un aperitivo o rilassarsi dopo cena.

open-colonna-antonello-ambiente

Dopo un saluto ad Antonello Colonna, in cui lui passa varie volte dal tu al lei (che usa per rimproverarmi indignato che i geologi si siano fatti sfuggire la sede storica di Largo Santa Susanna. E ha ragione, aggiungo io) per poi tornare al tu, mi unisco agli amici per il pranzo.

open-colonna-antonello-piatti

La formula del pranzo è molto semplice, dal lunedì al venerdì per 15 € si possono assaggiare due piatti scelti dalla carta del ristorante gourmet, il sabato e la domenica invece c’è il brunch a 28 € con piatti della tradizione. La scelta è grande, tra tanti piatti proposti ho preso la crema di ricotta, la robiola col miele, una zuppa, cous cous freddo, insalate di pasta e di riso, un assaggio di lasagne e parmigiana servite in cocotte.Tra i secondi, una decina almeno, ho assaggiato la porchetta d’Ariccia tagliata finissima, le polpettine al sugo, involtini, spuntature al sugo e in bianco, frittata di zucchine, salsiccette, tutti piatti molto romani. I dolci erano tradizionali, l’unico slancio innovativo come presentazione lo offrivano i bicchierini di sbriciolata di millefoglie e di zuppa inglese. Ho assaggiato anche i bignè, il Mont Blanc e una cassata.
Il mio parere sull’offerta di cibo è nel complesso positiva con alcune cose ottime e altre soddisfacenti, la carta dei vini a pranzo è molto ridotta, tutte le bottiglie sono anche in mescita, e con ricarichi non sempre giustificati. Servizio veloce e cordiale, che essendo un pranzo a buffet si limita a liberare i tavoli dai piatti usati e servire le bevande sempre con solerzia e cortesia. Qualcuno ha apprezzato poco il costo eccessivo dell’acqua microfiltrata, in effetti poco giustificata.
Vista la vicinanza con il mio ufficio, mi riprometto di provare la proposta dei giorni feriali e al più presto il ristorante.

Grazie della piacevole compagnia a: 
Nadia di Mamma che buono! , Elisa di Elisakitchen, Antonella di Croce e delizia, Enrico di Lefranc buveur, Max di Cucina Sms, Stefano di la mia vita tra la carne e tanti amici.

Open Colonna. Palazzo delle Esposizioni – via Milano 9A Roma. Tel. +39.06.47822641. www.opencolonna.it

[Daniela Delogu]