Cosa avresti voluto dalla Guida gamberacea?

Tempo di lettura: 2 minuti

Mi chiama un amico. “Come sono andati i tuoi ristoranti consigliati?” Scusa, in che senso? “La classifica del Gambero Rosso, ne avete scritto! Hai vinto?”. Ho vinto? Ma la Guida, una guida indica, suggerisce, indirizza. Mica stiamo parlando della Formula Uno. Le condizioni sono diverse: non stanno tutti sullo stesso circuito, non c’è un arco di tempo uguale per tutti, la benzina è diversa, i parametri regolamentari riguardano il giudice e non il concorrente, non c’è un solo direttore a sventolare la bandiera a scacchi. Vedo e capisco le obiezioni che verrebbero mosse a questo schema. La più importante: il direttore di gara è unico poiché è il curatore che armonizza anche i giudizi degli ispettori per tenere la linea coerente. Un intervento successivo allo svolgimento della “gara” che nei fatti esclude una visione da competizione. Sarebbe come se si ammettesse che con le squadre negli spogliatoi, l’arbitro guarda la moviola e cambia la decisione di un guardialinee chiedendo alle squadre di rifare quell’azione. Improbabile.

copertina-gambero-rosso

“Vabbé, ma i punti ci sono e quindi puoi mettere qualcuno avanti e qualcuno dietro”. Giusto. Fare l’esegesi di una Guida mi pare affare complesso, ma qualche spunto il Gambero Rosso a questa tornata mi sembra che lo offra. Innanzitutto una certa pluralità di vedute che potrebbe essere anche considerata un difetto e portare ad un discorso di doppia personalità.

Da un lato le scelte d’antan, e controcorrente rispetto all’attuale momento di crisi, che potrebbero essere ricondotte a Giancarlo Perrotta: la Pergola, l’Antica Pesa, la Terrazza dell’Hotel Eden, i molti ristoranti di pesce o il The Cesar di Ladispoli.

Al gruppo di stagisti potrebbero invece essere ricondotte le scelte super-trendy: in primis la new entry “di prepotenza” ai piani alti dell’Amanita, poi le Tre Zucche o anche All’oro. Clara Barra si è dedicata con attenzione al lavoro di “shopping” per creare un circuito di riferimento.

Un’interpretazione che spiegherebbe un certo schiacciamento di quella “categoria” in cui possiamo ascrivere il Glass, l’Arcangelo o il San Lorenzo. Forse ingiustamente sottovalutata rispetto ad un panorama che ha concesso punteggi elevati per alcune realtà. Si tratta ovviamente di scelte al pari di quelle soggettive del singolo che ha una preferenza per un ristorante anziché un altro (le pretese di oggettività nella critica gastronomica non sono oggetto di discussione perché non catalogabili nella sfera dell’esistente). Senza offrire un giudizio di merito si potrebbero elencare nei “preferiti” Settembrini, Cristalli di Zucchero o la Gensola.

Quindi come sono andati i miei cocchi? Il festeggiamento è per Dino de Bellis con l’Incannucciata che va a prendere la sua prima forchetta. Mi ha deluso il posizionamento di Arcangelo Dandini e di Cristina Bowerman che penso avrebbero meritato maggiore attenzione. E qualche punto in più.
Ma non si può vincere sempre 😉

scatti-di-gusto-stile-de-bellis-pagano

18 Commenti

  1. Caro Vincenzo, conoscendo piuttosto bene i gusti di chi tira le fila del gambero rosso, ti illumino su alcune stranezze che hai, giustamente, messo in luce.
    Fra le scelete d’antan la Terrazza dell’Eden e il Cesar di Ladispoli sono probabilmente decisioni di Perrotta. L’Antica Pesa, invece, va totalmente ricondotta a Cernilli, che ne ha fatto la sua mensa (insieme al Pagliaccio), con conseguenti risultati in guida.
    Le Tre Zucche è da sempre una grande passione della coppia Barra-Perrotta.
    Gensola, idem.
    Cristalli di Zucchero è la fissazione di Laura Mantovano.
    Detto questo, penso che la somma dei vari gusti personali non dia una visione reale della ristorazione romana. Peccato.

  2. ha risposto a Anonimo conoscitore: Caro Anonimo (direi di fatto, considerata la mail che hai inserito), io proponevo una possibile analisi derivata da letture e ipotesi. Non penso siano “stranezze”. C’è una cronaca e c’è una critica. E non è detto che la critica sia sempre migliore della cronaca. Oltre non andrei perché sono sempre disposto a credere alla buona fede. Che comunque è più difficile da dimostrare, perdonerai il pensiero, da chi avanza sospetti in forma anonima.

  3. Vincenzo, chiamale come vuoi, se non sono stranezze puoi chiamarle incongruenze oppure perplessità, cambia poco.
    Comunque sono sicuro di quello che dico.

  4. ha risposto a dino de bellis: Attento Dino che se la farò io la scheda il prossimo anno Er cortello te lo tiro… 😉
    giochi a parte, bravissimo e prevedo per te e per l’incannucciata una luuuunga carriera!
    Ciao A

  5. So che sembra strano ad alcuni che possa reagire così, ma io son contenta per noi e molto contenta per altri. Come giustamente ha sottolineato Vincenzo, non sempre si può vincere ed è anche giusto lasciar posto ad altri per sperare in una vittoria collettiva di Roma. Noi possiamo non piacere a tutti, ed è normale che sia così. L’importante è che si abbia l’umiltà di dichiarare che la ragione risiede nei gusti personali e non nell’offerta che proponiamo.

  6. Dinuzzo ma ce lo fai un discorso commosso per questa forchetta? su su 🙂

    e sapete una cosa? io sono contento che certi locali non vengano messi o non siano esaltati troppo in guida. discorso egoistico lo so e me ne scuso…

  7. ha risposto a cristina: leggendo la recensione – positivissima direi – ci si chiede poi il motivo dell’ “81” finale. Chiaro che ognuno ha le proprie preferenze, ci mancherebbe, ma credo che quel che colpisce sia un certo non allineamento tra parole e numeri… Ad ogni buon conto, va bene così!

  8. ha risposto a Alberto:

    Effettivamente questa è una cosa che ho notato leggendo le varie recensioni e molte volte la rece , non corrisponde al punteggio, come secondo me la str…..a dei bonus, leggi cose assurde , tipo passione , location ecc. alcuni vengono premiati con il bonus perchè hanno avuto il coraggio di fare ristorazione in un posto “difficile” altri per la location da favola, poi la passione, che str….a è , tutti noi che facciamo ristorazione ci mettiamo anima e passione altrimenti non si va da nessuna parte…e non dimentichiamo che i bonus fanno schizzare il punteggio in alto e non di poco….

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui