Parini Re delle Erbe con la Stella Michelin. Come si mangia (bene)

«Non è vero che uno più uno fa sempre due; una goccia più una goccia fa una goccia più grande».
(Tonino Guerra)

Ci si deve voler venire a Torriana. Difficilmente ci si capita per caso e senza intenzione, uno spicchio di stivale defilato e nascosto su monti romagnoli. Rimini è li a due passi, l’Adriatico dalla finestra sembra quasi di toccarlo, ma la confusione della Riviera rimane lontana, solo un rumore di fondo. Tutto è quieto e schivo su questi colli, lo capisci subito appena entri dentro questa locanda, con il sapore delle buone cose di una volta.

Parini-Diavolo-tavolo

La sala è semplice, linda e essenziale. Un giusto tocco di rustico: legno, lino candido, cristalli giusti, stigliature eleganti, il grande focolare al centro scalda la sala e lo spirito. Insomma un luogo che sa accogliere con quel senso antico, rustico ed elegante. Fausto Fratti recita la parte del burbero, in realtà è un padrone di casa attento e sollecito e una fonte inesauribile di conoscenze gastronomiche e memorie alimentari. La moglie Stefania è deliziosa nel sua contezza e sollecitudine. Seduti al tavolo di legno fuori dalla cucina, serviti e coccolati dallo chef e dal servizio si sta veramente bene, una sosta in cui riesce la difficilissima sintesi tra testa e pancia, tra cuore e cervello.

Parini-Diavolo-ritratto

Il solo imbarazzo sarà orientarsi tra il menù degustazione, una gragnuola di sensazioni e suggestioni stordente, e le solide proposte tradizionali. Noi non abbiamo avuto dubbi, e con risolutezza draconiana, abbiamo optato per il degustazione a cena e un menù squisitamente locale per il pranzo domenicale. In entrambi i casi un successo! La cucina di Parini è solida e stupefacente, si nutre di territorio di sapori e profumi stagionali. Ma anche di suggestioni intellettuali e colte, senza smargiassate e autocelebrazioni. Niente pugnette al Povero Diavolo, ma tanta sostanza!

La terra è presente fisicamente nella cucina di Parini, ma una terra che è heimat e climat, un luogo dell’anima fatto di Adriatico, boschi, erbe, frutta, suggestioni poetiche e antiche. Tutto ciò è intellegibile e comprensibile nei piatti che si susseguono in tavola con un ritmo e un’incisività folgorante.

Parini-Diavolo-insalata

Insalata al cetriolo, finocchio con maionese al dragoncello: un piatto che vive di contrappunti, tra la dolcezza del finocchio, l’acidità del cetriolo e la sontuosità della maionese. Cartesiano.

Parini-Diavolo-mazzancolle-cavolo-nero

Mazzancolle crude cavolo nero ed erbe aromatiche: un piatto bellissimo, giocato apparentemente sulle contraddizioni, la nota verde e vegetale, di clorofilla, veste magistralmente le mazzancolle. Frizzante.

Parini-Diavolo-baccala

Baccalà, caldarroste e polvere di the affumicato: un piatto che sa di autunno e boschi, tutto risolto in morbidezza. Spiazzante.

Parini-Diavolo-carota

Carota arrosto, giuggiole e tonno disidratato: sono in brodo di giuggiole. La terra e il mare. Il dolce e il salato. Magistrale.

Parini-Diavolo-tortellino-mare

Zuppa di canocchie e tortellino ai frutti di mare: un boccone di Adriatico. Sole, rena e ombrelloni. Sapido e intenso. Struggente come un Alba nel mare.

Parini-Diavolo-cioccolato-latte

Cioccolato al latte: il piatto che non ti aspetti al momento giusto. Il latte di baccalà e delizioso, le sfoglie di cioccolata con le polveri di essenze (sale, rafano peperoncino) sferzanti. Corroborante.

Parini-Diavolo-riso-bianco

Riso in bianco: l’infanzia in un piatto. Un sapore che sa di casa e di cose buone. Il fondo Bruno è succulento il riso dolce ma con un guizzo acido del cipresso. Proustiano.

Parini-Diavolo-uovo-tartufo

Uovo al tartufo: buono, suadente. Un errore di gola: l’abbiamo imposto vinti dall’aroma del tartufo. Aveva ragione lo chef a non inserirlo, non c’entrava niente. Buono.

Parini-Diavolo-rapa

Insalata di rape: il profumo acidulo mi colpisce come una sberla, afrore di terra,di humus. Chiude su una bellissima nota di liquirizia. Territoriale.

Parini-Diavolo-animella-angelica

Animella salsa d’angelica: la cottura dell’animella è magistrale, rosata e fondente. Il sapore è antico ed insieme modernissimo. La nota piccante dell’angelica si sposa alla perfezione. Tecnico.

Parini-Diavolo-agnello

Agnello sorbe ed erbe selvatiche: un piatto molto solido, così tanto per gradire e far notare con stile che qui si fanno le cotture. Didattico.

Parini-Diavolo-crema-limone

Crema di limone con liquirizia: una cagliata di latte e limone, dolce e pungente, poi arriva la freschezza e complessità della liquirizia. Goloso.

Parini-Diavolo-autunno

Autunno: una corsa all’alba nel sottobosco in autunno. La terra, i fagioli, le castagne, gli umori, le sensazioni. Poetico.

Abbiamo chiuso così la prima, tornata. Una cena piena di emozioni, confortata da uno straordinario barolo Rinaldi 89, scelto da una carta magistrale e pensata. Non un almanacco di etichette ma il frutto di una antica e appassionata conoscenza. Seduta stante prenotiamo per il giorno dopo a pranzo, con una proposta di un menù stringato, costruito intorno ai passatelli proposti da Giorgio.

Parini-Diavolo-colazione

Mattina sveglia, una colazione semplice e da sballo, con torte fatte in casa e frutta cotta dal sapore perduto. Alle 13 nuovamente a tavola. Ovviamente tutti i buoni propositi della sera prima ci mettono pochissimo ad andare farsi fottere e i piatti diventano un pranzo completo.

Parini-Diavolo-nasturzo

Foglie di nasturzi e uova di aringa: Un piatto zen, minimale come una massima buddista. Le foglie di nasturzi pungenti, le uova di aringa fragranti e intense. Essenziale.

Parini-Diavolo-brodo-muschio

Brodo di muschio, finferli e tagliolini: Un sapore modernissimo ed insieme antico. Stupisce per finezza e classe. Elegante.

Parini-Diavolo-passatelli-2

Passatelli in brodo: uno spettacolo! La tradizione con sprint. Il brodo è da urlo, il limone e la noce moscata danno lo spunto. Classico.

Parini-Diavolo-tortelli-fossa

Tortelli con il formaggio di fossa: Buonissimi e classici. Sontuosi nel ripieno di carni miste e il formaggio di fossa gli da uno dinamica tutta sua. Il solo rischio è mangiarne un secchio. Goloso.

Parini-Diavolo-piccione

Tutto il piccione: La cucina magistrale passa in secondo piano, parla il prodotto. Semplicemente il più buon piccione degli ultimi anni. Straordinario.

Da bere solo un trebbiano sfuso delizioso dalle colline di Loreto, se non sbaglio 😉

Povero Diavolo. Ristorante e Locanda. Via Roma 30 – Torriana (Rimini). Telefono +39 0541.675060

Foto: Francesco Arena, Vincenzo Pagano

Abbiamo parlato di Pier Giorgio Parini anche in altre occasioni.



20 commenti su “Parini Re delle Erbe con la Stella Michelin. Come si mangia (bene)

  1. altra grande notizia di Adriatico…
    Stella michelin a Villa Majella, coronamento di anni di lavoro faticato e talentuoso… Ne parleremo presto! Bravi a Peppino e Angela…
    Lungo la costa adriatica sta accadendo qualcosa di importante…
    Ciao A

  2. Me ne avevano parlato di questo posto. Bisognerà andarci. Ma non sta vicino ad un altro rinomato che invece di stare al mare sta in montagna?

  3. Bocchetti mi piace l’idea del piatto in una parola. Che diavolo tutta sta prosopopea di chiacchere e po i un racconto così barocco nalla ricchezza di spunti e sintetico nella descrizione. Magistrale

    …lo so il figlio mi ha rincoglionito…

  4. Ma in quel risotto,di un acidità’ devastante,c’ e’ cipresso o acqua di pomodoro? Straordinario il dolce con la rapa.Scarso il servizio.Non perfetto il
    Piccione.Grandi i cappelletti.Parini leggermente pieno di Se.La stella ci sta con quello che c’e in giro.Perché non pubblicate mai i conti che pagate?

  5. ha risposto a Stefano Rossi: Mah la stella cistratà! Magari anche due… A me Giorgio ha convinto come persona e come cuoco: semplice e concentrato, non mi sembra che se la tiri affatto… Ma questa è un parere personale, ognuno di noi ha i suoi gusti e le sue idiosincrasie. Il servizio poi è proprio nelle mie corde, semplice e caldo, privo degli orpelli e ofanerie che, personalmente, mi hanno assai stancato.
    È vero non pubblichiamo mai i conti (solo per Pinchiorri abbiamo fatto un’eccezione, ma ne valeva la pena) per il semplice fatto che non pubblico neanche la foto del sapone in bagno… Pagare i conti è normale, lo faccio da quasi 30anni, non una medaglia da esibire. Cmq per cena, stanza, colazione e pranzo abbiamo speso €285 a testa.
    Ciao A

  6. ha risposto a Vincenzo Pagano:
    Avete mai mangiato un risotto di Elia Rizzo del Desco?provatelo e poi ne riparliamo.
    Io e mia moglie abbiamo speso in agosto 220 euro,solo per mangiare.io da Parini ci sono stato la prima volta tre anni fa quindi come voi so di cosa parlo,non bisogna cazzeggire sui blog per capire di cucina.E comunque il suo risotto e’ di un acidità’ devastante ,così come il piccione assoutamente sanguinolento.Provate quello di Arnolfo come paragone

    Bb

  7. Per me è stata una delle cene migliori dell’anno, entusiasmante, e il pranzo che è seguito il giorno dopo, incentrato sulla tradizione ( passatelli, tortelli e piccione), dimostra che Parini ha stoffa da vendere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.