Bonci Bo, le lezioni di pizza a casa e l’effetto Parodi a Tricolore Monti

Tempo di lettura: 2 minuti

Calma, calma, prima di mettere mano alla tastiera e sbraitare verso questa similitudine (che potrebbe essere allargato ad Antonella Clerici). L’effetto cui mi riferisco è l’attrattiva che Gabriele Bonci ha verso il pubblico dei discenti che frequentano la tavola di insegnamento di Tricolore Monti, la nuova vetrina gastronomica di Roma che sta facendo furore ed è la vera novità della Capitale, forse ancor di più del pur celebrato Settembrini.

L’idea delle tre fanciulle di rigorosa osservanza gamberacea (Gambero Rosso) funziona, anzi, funzionissima come ha dimostrato subito all’apertura la meravigliosa performance di Massimo Bottura impossibilitato a svolgere la lezione inaugurale per effetto attacco al forno delle grucce. La partenza sprint ha messo il pepe anche al riflessivo Papero Giallo (pronto ai blocchi di partenza con il nuovo progetto editoriale targato Giunti) che ha pubblicato un servizio in tempo reale addirittura prima della chiusura della giornata inaugurale.

Che Roma e la cucina casalinga romana avessero bisogno di un luogo trendy sembra innegabile anche considerato il tam tam che sulla rete risuona (basta guardare le foto, ad esempio, di Elisabeth Minchilli che ha documentato la prima lezione di panificazione di Gabriele Bonci). E’ ancora troppo presto per tracciare un bilancio a nemmeno 2 mesi dall’inaugurazione del 25 novembre 2010. Ma un dato è sotto gli occhi di tutti se si va alla pagina del calendario corsi. Tutti quelli sold out sono tenuti da Gabriele Bonci e sono riferiti al pane e alla pizza.

La formula è su due giorni (tra l’altro con il costo più elevato e pari a 170€) e le richieste inevase hanno costretto le tre gentili gerenti di Tricolore a programmare in fretta e furia due date a marzo con Bonci Bo (il 17-18 il pane e il 24-25 la pizza). Meno gettonati il Quinto Quarto di Stefano Preli (24 gennaio, corso e cena, 80 €), Cupcakes e biscotti di Eva Baker (25 e 26 gennaio, corso e degustazione, 110 €), Pesce di Bartolomeo Errico (2 febbraio, corso e cena, 90 €) Al mercato con lo chef sempre di Bartolomeo Errico (12 febbraio, corso e pranzo, 108 €), Cena di classe di Adriano Baldassarre (24 febbraio, corso e cena, 140 €).

La domanda conseguente è se nel successo di questi corsi pesa di più il nome di Gabriele Bonci, la sua indiscussa bravura, la sua presenza nella cucina televisiva di Antonella Clerici o il desiderio dei capitolini (e delle capitoline) di liberarsi dall’assillo di trovare vicino casa un pane decente o di fare e farsi felici con la pizza fatta in casa.

Mentre provate a trovare la risposta fate in fretta e chiamate lo 06 88976898, andate sul sito o mandate una mail a info@tricoloremonti.it per accaparrarvi uno dei 15 posti a disposizione ed evitare di dover registrare qualche puntata della Prova del Cuoco per cercare di scopiazzare la pizza made in Bonci. A giudicare dalla soddisfazione dei partecipanti, l’esperienza è fantastica! (Gli altri, come il sottoscritto, attenderanno inevitabilmente la riapertura del Pizzarium)

13 Commenti

  1. ke bella faccia c’ha Bonci… una faccia vera e intensa, ke sa di cose buone… quasi come le rotondità della clerici 😀

  2. senza necessità di iperbole, voli pindarici e quant’altro. basta la foto del pane che pubblicizza pizzarium. EH DIMOSTRIAMO UN Pò D’ORGOGLIO VERSO QUEGLI ITALIANI CHE CI METTONO IL SENTIMENTO!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui