Diteci se Farinetti con il Valle aiuta la cultura meglio della tassa sulla benzina

Tempo di lettura: 1 minuto

Va bene, lo ammettiamo. Abbiamo avuto una soffiata e siamo sicuri al 90%. Ma c’è sempre quel 10% di incognita che ci fa star male. Nei nostri giri di cazzeggio gurmé perlustrazione gastro-orientata a Roma ci siamo imbattuti in questa notizia. Mentre si costruisce il Ponte della Musica che unirà la sponda del Macro a quella dello stadio Olimpico e il Governo ha pensato di mettere una tassa di 2 centesimi sulla benzina per finanziare il Fus, il Fondo Unico per lo Spettacolo, Oscar Farinetti ha acquistato per davvero lo storico Teatro Valle. Ma come, non aveva rinunciato?

E che ci farebbe Farinetti con il Valle? La stessa cosa che farà con lo Smeraldo a Milano, ovvio. Una gastro-mangiatoia-trendy-e-fighettissima in cui il cibo sarà alternato a spettacoli ed esibizioni. Il cibo sale sul palcoscenico, altro che food porn di casalinghe in solitudine da padella o guardoni con obiettivo al ristorante. Capito ministro dimissionario e nuovo ministro come si deve fare cultura in Italia? Mangiando. E non come lo intende il 95% della popolazione italica quando si parla di politica.

PS Se la notizia non fosse confermata, non si potrebbe chiedere a Farinetti di mettere su la divisione tv e spettacolo?

PS 2 E non mi dite che per queste cose c’è già il Centrale Ristotheatre a Piazza del Gesù che è un’altra cosa.

Foto: tiptashow.it

3 Commenti

  1. Ce ne fosse di gente così. Quante strutture stanno marcendo per l’incapacità di amministratori che si riempiono la bocca di cultura senza nemmeno sapere da che parte cominciare. Ben vengano persone come Farinetti che, nel rispetto del passato, rendono fruibili nell’attuale e nel futuro strutture destjnate alla più completa decadenza.

  2. vorrei aggiungere una cosa: Nel ‘ 700 il teatro veniva considerato come un’appendice di casa propria, infatti si diceva “ho affittato un palco”
    Leggendo alcuni avvisi d’epoca che mi è capitato di vedere nei corridoi di antich teatri, vi erano indicate delle norme di comportamento e, più o meno, si proibiva di portare nei palchi fiaschi di vino, di cucinare, di gettare cose in platea ed altro: Ciò significa che ciò si faceva normalmente……..ed anche altro.
    Tutto questo per dire che l’idea di Farinetti è un ritorno all’origine e quindi ripristina un’antica cultura.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui