#OccupyFood | Lo spread sale? Bonci: investite nella terra!

Tempo di lettura: 2 minuti

Terrorizzati dallo spread Btp/Bund e in fuga dai Bot? E magari anche appassionati di bio, per giunta convinti che la terra sia il migliore dei beni rifugio? Se rientrate in questi target fermatevi un attimo a considerare un’idea di investimento che il pizzaiolo no-global Bonci ci ha gentilmente segnalato: una quota in una società agricola nel Parco della Maremma: 2-3% l’anno il rendimento medio previsto e 15/16.000 euro il costo di ciascuna delle 100 quote disponibili.

A gestire le attività orticole, cerealicole, agrituristiche, di ristorazione bio e di educazione ambientale sarà la Società agricola Parco Maremma Srl, appena fondata dal gruppo di acquisto di Alberese – Parco della Maremma.

Il ruolino di marcia prevede che tutte le attività andranno a regime entro il terzo anno. Si parte subito con la ristrutturazione dell’immobile seguita, il primo anno, dall’avviamento delle attività di agriturismo e ristorazione. Nel secondo anno è previsto l’avvio dell’attività agricola biologica certificata (almeno due anni di conversione al bio) e nello stesso anno partiranno anche le attività di educazione ambientale.

Un investimento alternativo in una società che già vanta il più green dei consigli di amministrazione. Dove siedono volti noti dell’ambientalismo: Roberto Barocci, Paolo Menichetti (presidente), Sergio Ghiglia e Pandavventure, braccio armato del Wwf nell’organizzazione dei viaggi eco-sostenibili. Sarà nominato un coordinatore operativo e un operatore cui verrà affidata la conduzione del fondo e delle attività.

Ogni socio avrà diritto ad un massimo di 4 quote e potrà usufruire di alcuni benefit come sconti su soggiorni in agriturismo, prodotti ortofrutticoli e organizzazione di eventi privati e la possibilità di dedicarsi all’orticoltura nell’orto dei soci. Il diritto di recedere matura solo dopo il 5° anno, per chi anticipa è prevista una penale del 5%.

Chi fosse interessato può scaricare, compilare e inviare il modulo della manifestazione di interesse all’indirizzo di posta elettronica info@gatparcomaremma.it. O partecipare agli incontri in calendario per la presentazione del progetto di investimento: da venerdì 11 a domenica 13 allo stand del gruppo di acquisto al Salone Nazionale dell’Agriturismo di Arezzo e mercoledì 15 novembre, alle 17,30, presso il bistrot bio della Valle dei Casali a Via del Casaletto, 44 (Roma).

[Foto: tmnews.it]

1 commento

  1. ” AVVISO IMPORTANTE. Si segnala la presenza sul web di progetti che utilizzano impropriamente il nome registrato del GAT ® ,riecheggiandone pedissequamente le modalità di costituzione. Si precisa pertanto, al fine di evitare spiacevoli e dannosi fraintendimenti, che i progetti riconducibili agli ideatori del GAT ® sono SOLO quelli che compaiono sul nostro sito http://www.gruppoacquistoterreni.it. Com’è noto la registrazione del nome o del marchio è finalizzata alla tutela ,non solo dell’idea come opera dell’ingegno, ma soprattutto della provenienza dell’iniziativa che, rivolgendosi ad una platea diffusa di utilizzatori-risparmiatori, necessita di opportune cautele. Si diffida l’utilizzo del marchio GAT® privo della nostra specifica autorizzazione che ,ad oggi, non è stata concesso ad alcuno. Nondimeno si diffidano i soggetti che attualmente lo utilizzano, in qualunque forma e modo, ad eliminare immediatamente il segno distintivo e/o qualunque riferimento ad esso dai propri siti, blog, comunicazioni comunque rivolte al pubblico tramite web o altro mezzo, pena azione giudiziaria per inibitoria e risarcimento danni ai sensi del Codice della Proprietà Industriale (Decreto legislativo 13.08.2010 n° 131)”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui