Milano. Pausa pranzo a prezzi non milanesi alla toasteria Mi Casa

Quante volte siete tornati a casa e, non avendo voglia di cucinare, avete recuperato due fette di pane in cassetta, cotto e formaggio e vi siete fatti un toast gustandovelo più di ogni altra cosa, nonostante la vostra vena gourmet? Chissà se l’idea di Vincenzo Somma di aprire un locale dedicato a questo piatto/spuntino è venuta grazie a questi momenti leggeri.

Ho scoperto questo locale per caso, passeggiando dalla fermata Turro della metro milanese verso il ristorante Manna. Ho notato l’insegna “Toasteria Mi Casa” e mi sono incuriosito, le notizie in rete sono scarse e mi sono detto: “Perché non provarlo?”.

Niente di più facile alla base del locale, pane in cassetta Home Made, 35 tipologie di toast farciti, qualche piatto del pranzo, aperitivo (vino, birre artigianali e bevande lurisia) e qualche dolcetto ed il locale, con una ventina di coperti più un bancone da quattro, è un viavai di avventori.

La prenotazione è quasi d’obbligo se siete in più di due e se avete una gran fretta rischiate di rimanere a bocca asciutta. Ho atteso con pazienza il mio turno ed ecco che si è liberato un angolino con tanto di abat-jour e cestino del pane.

Ordino un Prezioso con pane del giorno, ossia alla rucola e grana, e farcito con speck, mozzarella, zucchine e crema di zafferano. Speck dal sapore deciso, non invadente la crema, mozzarella e zucchine che rinfrescano. Buono.

Ecco invece il Casalingo con arrosto di tacchino, zucchine e salsa tonnata. Simpatica l’idea del servizio nel lungo stizzicadenti, il toast è risultato semplice ma sufficientemente ben realizzato. Buono il pane classico (purtroppo era finito quello del giorno alle olive), mi sarei aspettato un arrosto di tacchino fatto da loro invece ho trovato il classico “insaccato” che, con la salsa (poco densa e tonnata) e le zucchine, ha portato ad una discreta soddisfazione (migliorabile).

L’Elegante: con pane ai cereali (quello del giorno) con bresaola, crema di robiola al basilico e scaglie di grana. Interessante il pane al gusto “integrale”, sapido al punto giusto il ripieno.

Un dolcetto ci vuole, punto su un muffin ai mirtilli. Morbido con un cuore marmellatoso di mirtilli.

Tortina con farina di mais, gocce di cioccolato, frutta secca e zucchero di canna (1,50 euro!!!). Una tortina ben equilibrata nei sapori, rustica negli ingredienti e nella fattura, adempie in pieno al suo fine ossia lasciare un gusto persistente al palato.

Prezzi finalmente non milanesi e un’idea vincente di base fanno di questo locale un indirizzo inusuale da provare se di passaggio.

Toast classico: 3 euro (con farcitura 3,50 euro).
Toast “rivisitati”: 4 euro.
Piadine: 4,50 euro.
Primi piatti: 4,5 euro.
Secondi piatti: 6,50 euro.
Insalate: 6,50 euro.
Torte: 2 euro (muffin 1,60 e croissant 0,80).

(Nb: le foto si riferiscono a prove fatte in diversi giorni)

Ristorante Toasteria Mi Casa. Via Matteo Maria Boiardo 19. 20127 Milano. Tel. +39 346 2138204

(Testo e foto: Luca Formenti)

14 Commenti

  1. Luca, hai sempre degli ottimi locali da proporre!!! Complimenti!
    L’idea di una toasteria mi intriga: mi sa che, dopo gli hamburger, i prossimi a diventare dei veri hit food, saranno i toast e i club sandwiches!

    • Grazie Silvia,
      questa volta non ho preso spunto dal tuo carinissimo blog 🙂 Diciamo che qui si esce con meno sensi di colpa rispetto ad un mamaburger (via agnello) dove si rischia l’insoddisfazione e anche una certa quantità di calorie sul groppone 😀
      Rimango comunque convinto del fatto che un panino farcito come Dio comanda e soprattutto realizzato con un pane adeguato possa tornare un must…
      Luca Formenti

  2. Indirizzo tra i preferiti. Non mi convince il tacchino (ma da busta di supermercato?), mi intriga il paninozzo con lo speck.

  3. Ricevuto: Totò mi ha già chiesto di portarcelo, prima che diventi troppo alla moda… ma non credo che il toast sarà il prossimo hit: dovrebbe mi sa prima passare dagli US e tornare come trendy toast… non siamo ancora riusciti a far diventare hit food il cibo di strada, non parliamo di una serie di altre cose…

  4. L’idea del locale secondo me è vincente ed interessante. Proporre ogni giorno un tipo diverso di pane poi stuzzica anche chi lo frequenta abitualmente. Forse, anzi sicuramente, sarà necessario seguire di più la stagionalità di qualche verdura e migliorare quel tacchino gommosetto che non mi è piaciuto.
    Punto a favore: le torte invece costano come un pasticcino mignon in pieno centro :p quindi chiunque può togliersi lo sfizio senza svenarsi, che nell’era della panna cotta a 6-7 euro è già buona cosa.
    Luca Formenti

  5. Sono stata al MI CASA e oltre all’accoglienza del proprietario ho mangiato benissimo… abbiamo cenato con una deliziosa zuppa e un toast … Ci siamo fatti consigliare lo spritz della casa ..con della cannella… mi è piaciuto molto…. Penso che ci ritornerò… Ottimo come aperitivo e anche come posto per cenare con prodotti di qualità.
    I prezzi sono ottimi considerando che il toast è pieno di ingredienti…
    Ho bevuto una birra artiginale al miele … la prossima volta assaggerò i frullati TVB !

    OTTIMA IDEA… non esistono posti così a Milano!!

  6. Da qualche tempo ho cambiato ufficio e sono arrivata in questa zona (Turro). Tra le prime meravigliose scoperte il MI CASA e il fantastico suo inventore, Vincenzo, un giovane pieno di entusiasmo e di grande talento.
    Ad ogni ora, dal mattino alla pausa pranzo, all’aperitivo si trova il locale con l’atmosfera giusta. E non solo: qui c’è ancora lo spazio e il tempo per un sorriso e qualche chiacchiera, mentre si gustano prelibatezze.
    Lo consiglio a tutti!!!!

  7. Il MI CASA è un posto speciale, accogliente, familiare.
    Con Vivi (il proprietario) che dopo la prima volta si ricorda dei tuoi gusti.
    Non conosco una persona che non si sia trovata bene..e non è difficile crederlo.
    Cibo ottimo, prezzi bassi nonostante l’ottima qualità.
    Curato nei particolari. Bella atmosfera luce/musica. Pulizia impeccabile.
    Mi Casa, continua così.
    lori

  8. Il toast è buono, nulla da dire. Una grande varietà di scelta, ingredienti selezionati e curati, ho preso un toast al salame, davvero gustoso. Peccato per il (pessimo) servizio: caotico, confusionario, disorganizzato. Va bene che è un posto dall’atmosfera informale, però almeno la tovaglietta del cliente precedente potetevate cambiarla! 20 minuti di attesa per un toast mi sembrano eccessivi. Bevande finite nel dimenticatoio. Atmosfera (fin troppo) rilassata, magari a molti piace così, dipende dai gusti…

  9. Buongiorno Marianne,
    sono Vincenzo il titolare del MI CASA. Mi sento in dovere di rispondere alle critiche da Lei sollevate per difendere l’operato dei miei collaboratori e il mio impegno costante.

    Il MI CASA nasce da una mia idea offrendo ai clienti un ambiente originale, di qualità ed a basso costo.
    Per ottenere questi tre principi fondamentali l’azienda deve fare numerevoli sforzi tra cui monitorare il costo del personale. Purtroppo, come ben noto a tutti, il costo aziendale di maggior rilevanza è proprio quello del personale e per mantenere dei prezzi concorrenziali dobbiamo limitare i costi e con l’ aiuto dei miei collaboratori che ce la mettono tutta a ottemperare alla mancanza di una persona riusciamo al meglio delle nostre capacità a soddisfare la clientela.
    Nell’orario di punta, ovvero durante la pausa pranzo, l’affluenza di clientela è concentrata in due ore e purtroppo per gestire tale afflusso vi possono essere dei ritardi nella preparazione.
    Come avrà notato tutti i toat sono preparati al momento direttamente da me.
    Per dare una maggiore qualità ritengo opportuno non preparare la mattina una linea base di toast da esporre in vetrina per parecchie ore, ma tutti gli affettati vengono tagliati al momento dell’ordine.
    Questa preparazione comporta sicuramente un attesa aggiuntiva rispetto a locali in cui i panini vengono prepararti parecchie ore prima per l’esposizione e serviti direttamente alla clientela.
    Mi scuso in prima persona per il ritardo nella consegna del suo toast visto che sono io l’ addetto alla preparazione, ma forse, senza cercare scuse alternative, in tale occasione vi possono essere stati anche ordini/servizi take away.
    Per quanto riguarda la sostituzione della tovaglietta ci può essere stato un errore e mi scuso.
    Colgo l’occasione per invitarla nuovamente al MI CASA e sarà mio piacere offrirLe un bel toast preparato al momento per scusarci dell’accaduto.
    Vincenzo
    MI CASA

  10. nel mio locale i prezzi sono anche inferiori!!!
    ad esempio tost classico 2.50 , farcito 3.00
    maxi tost ( equivale in pratica a 2) € 3.5, farcito 4.00
    piadina con farcitura a scelta 4.00
    e così via!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui