Aspirare l’odore del burro dei pop corn e ammalarsi. Maxirisarcimento in Usa

Tempo di lettura: 1 minuto

Ha inalato a lungo, e con piacere, l’odore del burro che usciva dai suoi pop corn preferiti passati al microonde.

Oggi paga il prezzo di quel lento (e inconsapevole) avvelenamento e incassa il maxirisarcimento che gli ha appena riconosciuto la giustizia americana.

Bronchiolite obliterante, malattia irreversibile che danneggia le funzioni respiratorie, è il nome della patologia diagnosticata nel 2007 a Wayne Watson, 59 anni e il diacetile è il veleno che Cecile Rose, consulente per l’industria degli aromi alimentari, ha individuato oggi come causa della patologia dell’uomo, la stessa che colpisce anche gli operai che lavorano nelle fabbriche dove si producono i pop corn.

Utilizzato per conferire al mais il profumo di burro e invogliarne il consumo, è all’origine della malattia anche secondo i giudici del Tribunale federale del Colorado che hanno incolpato produttore e rivenditore per non aver informato il consumatore e li hanno condannati al pagamento di 7 milioni di dollari (80% il primo, 20% la catena di negozi, la Kroger) a titolo di risarcimento del danno.

[Link: corriere.it Immagine: nanopress.it, indianapublicmedia.org]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui