La prima guida dell’anno 2013. Tutti i nomi di Identità Golose

Tempo di lettura: 2 minuti

Miglior chef, Migliore chef donna, Miglior chef straniero, Miglior sommelier, Miglior maître, Miglior sous-chef, Miglior chef pasticciere, Sorpresa dell’anno, Birra in cucina, Giovane famiglia, Miglior giornalista sono le categorie che appaiono sulla Guida Identità Golose (834 pagine a 19,00 €) che recensisce 633 locali tra l’Italia (472 locali), il resto d’Europa (139 le schede) e il Mondo (52) affidata al lavoro di 120 autori.

12 – le città raccontate. Le firmano i cuochi Ferran e Albert Adrià (Barcellona), Alain Ducasse (Parigi), Gastòn Acurio (Lima), Daniel Humm (New York), Moreno Cedroni (Marche), Alfio Ghezzi (Trento), Cristina Bowerman (Roma), Enzo Coccia (Napoli); i giornalisti Pietro Cheli (Genova), Bruce Palling (Londra) e Paolo Marchi (San Marino) e il designer Stefano Giovannoni (Milano).
258 – i cuochi sotto i 40 anni di età raccontati. Nel dettaglio: 223 loghi chef30 (sotto i 40 anni d’età) e 35 chef20 (under 30) apposti (in Italia, rispettivamente 135 e 26).

Il miglior chef è Antonino Cannavacciuolo come mostra subito Carlo Spinelli

 Il premio Miglior Chef Donna va a Antonia Klugmann.

Primi commenti.

Mi sovviene la pancia di maiale assaggiata di recente. Federico De Cesare Viola, giornalista del Sole 24 Ore che tiene sul sito di IG la rubrica De Cesars Palace, vince il premio di giornalismo.

Miglior Maître è Alessandro Pipero di Roma che ha messo in carta il tavernello e la carbonara a peso nel menu. Il caso più evidente di un uomo di sala che supera in notorietà lo chef (per la cronaca, il giovane Luciano Monosilio).

Mica solo i francesi la sanno fare la pasticceria 🙂

Allunghiamo lo sguardo. La sorpresa dell’anno per la squadra guidata da Paolo Marchi è Silvio Salmoiraghi dell’Acquerello di Fagnano Olona.

La giovane famiglia del 2013 è a Guardiagrele in Abruzzo: Pascal e Arcangelo con Angela e Peppino Tinari di Villa Majella.

Il sommelier del 2013 per la Guida di Identità Golose è Mauro Mattei del ristorante Piazza Duomo ad Alba.

Segnatevi la data del 21 ottobre: Enrico Cerea, Cesare Battisti e Alessandro Negrini presentano il pranzo benefico all’Opera San Francesco.

Intanto mica vi sarete persi il nome del migliore Sous Chef del 2013? Salvatore La Ragione, in cucina con Gennaro Esposito alla Torre del Saracino di Vico Equense.

5 Commenti

  1. Di tutti i premiati ho avuto l’onore di pranzare al Villa Majella di Guardiagrele. Ristorante che mi ha lasciato uno splendido ricordo per cibo, professionalità e la bellezza stessa della Majella a farci compagnia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui