Ci chiameremo pipaioli, pipani o piamigiani? La domanda se la pone il sito Pramzanblog e si riferisce alla spending review delle province che dovrebbe abbassare i costi dello Stato Italiano che ha inaugurato una nuova stagione di centralismo dopo quella del federalismo a tutti i costi. Si accorpano le province e in Emilia Romagna avevano pensato di averne solo due con la Romagna e con una che raggruppasse Modena, Parma e Reggio Emilia. Nome proposto anche intrigante: Provincia del Gusto, una pacchia per qualsiasi sistema, ente, operatore dedito alla comunicazione e al turismo.

Invece, contrordine. Da 9 si passa a 5, con Parma/Piacenza e Modena/Reggio. Dopo qualche agitazione iniziale dei piacentini che “non volevano morire parmigiani”, il nome sarebbe quello storico ma invertito: Piacenza-Parma (e Reggio Emilia-Modena).

Nomi ingarbugliati da promuovere. Volete mettere i tortellini nella Provincia del Gusto? Ma si sa, le cose semplici sono troppo facili a farsi…

[Link: La Stampa]