Per Luca Cordero di Montezemolo non ci sono dubbi sul futuro dell’Italia. A Napoli ha chiarito l’obiettivo di Italia Futura: ci vuole un Monti Bis e un rinnovamento del Parlamento che non veda più amici e fidanzate come deputati.

E non ci sono dubbi anche su dove andare a cenare. A Napoli ci vuole una pizza. Ed eccolo da Gino Sorbillo a via Tribunali per una degustazione. Il pizzaiolo non si è lasciato sfuggire l’occasione per creare una pizza molto veloce. Ecco le due pizze Ferrari e Italia Futura con Luca Cordero di Montezemolo e Antimo Caputo dell’omonimo molino napoletano.

Altra sperimentazione in vista dopo il forno a gas della Casa della Pizza?

4 Commenti

  1. Spero vivamente che la pizza all’affamatore di operai sia andata di traverso e che stia ancora lì a ruttarla col bicchiere di acqua e citrato vicino. Spero che si intorzi per il resto della sua vita lui, la sua famiglia, i suoi soci, colleghi, amici e tutta la sua scorta. è presente in qualcosa come 65 consigli d’amministrazione, incassa gettoni inimmaginabili e ci viene a impartire la lezioncina sul conflitto d’interessi.
    Spero che l’Italia futura gli arrechi solo dolore e sofferenza.

    PS: la pizza “Italia futura” e la pizza “Ferrari” sono brutte a vedersi e credo altrettanto cattive al gusto: Gino Sorbillo non aveva certo bisogno di pubblicità non capisco perché si vada a impomatare con chiunque pur di uscire in qualche fotografia…

    PPS: e comunque una pizzeria napoletana che non fa più il ripieno al forno perché “ci vuole troppo tempo” per me non ha più senso e significato.

  2. ‘ste pagliacciate già le abbiamo sopportate per 20 anni con quel pagliaccio di Berlusconi, mò dobbiamo replicare anche co’ questo qua??? e annamo su!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui