Milano. Ham Holy Burger ripropone la locanda tech a via Marghera

Ham Holy Burger sbarca a via Marghera. La catena del panino di Sebeto/Rossopomodoro, dopo l’avvio a Milano e l’apertura a Roma nella storica ghiacciaia della Birra Peroni, rilancia nella città meneghina con un nuovo locale disegnato da Gianfranco Berghich per Costa Group. Confermato il matrimonio tra hi-tech con l’ordinazione da effettuare via iPad (cui è dedicato un elemento di stoccaggio in stile vassoi fast food) disponibile anche in una postazione “Ham free zone” per la libera consultazione e aspettative gourmet con l’impiego di carne La Granda e pane realizzato su specifica.

La ricerca dell’elemento di tradizione che sempre di più vuole essere il richiamo alla qualità e alla genuinità del cibo si ritrova nell’ambientazione non precisamente identificata ma a metà strada tra gli stilemi degli inizi del secolo scorso e alcune descrizioni di locande fantasy.

Per l’ambientazione, si punta su un taglio informale che privilegia l’uso di matariali “crudi” e poco manipolati, così come gli ingredienti di un buon piatto. Declinazioni vere che fanno abbondante uso di colori tenui e sfumature del grigio, intonaci volutamente recuperati, su cui leggere i segni del tempo, metallo e borchiature alle pareti, lampade di juta e specchi dall’originale design. Mattoni, legno e cemento sono grezzi, ma inseriti in un contesto che li rende elementi caldi e decisamente “addomesticati”. Il tutto a rispecchiare un format che scommette sulla contrapposizione, tra la semplicità della proposta, un hamburger, e la ricercatezza degli ingredienti, e tra l’elegante essenzialità dell’ambiente e la tecnologia della formula ipad.

Ham Holy Burger. Via Marghera, 34. Milano. Tel. +39 02 36706382

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui