sir simon hamburger milano

Esiste – non lo conoscevo – un film tratto dalla Metamorfosi di Kafka. Che a Milano mi permette di arrivare a Sir Simon, metamorfosi – datata un sei mesi fa – della vecchia Taverna del Sacripante.

Come nome non penso agli hamburger. Era sicuramente meglio il precedente – Sacripante era un re saraceno in Boiardo prima e Ariosto poi, passato a indicare uno spaccone, gradasso e simili. Ma la crisi generale (e quindi anche della Taverna) ha consigliato Simone Suardi, il Sir dell’insegna, a cambiare rotta, metamorfosizzando il locale e facendolo diventare un’hamburgeria.

Lo stesso percorso di Del Vuoto, ora diventato The Different Burger. Lo so che vi chiederete se può rientrare nella mitica Classifica degli hamburger a Milano. Vediamo.

Il risultato è decisamente positivo: non ho mai mangiato al Sacripante, ma ho mangiato un paio di volte qui, limitandomi agli hamburger, nonostante il nome completo del locale preveda lo slogan Hamburger e altro. Dove per “altro” si  intendono piatti di carne (costoletta di vitello alla milanese con patate al cartoccio e panna acida, fish n’chips – sic -, pollo marinato e grigliato, controfiletto e simili – dai 14 ai 18 €), inslate (da 6,50 a 8,50 €) e un’interessante pizza fritta con mozzarella di bufala, pomodoro confit e jamòn serrano (8 €).

hamburger buffalobuffalo hamburger

Hamburger: dieci le proposte, da 10 a 14 €. Cambiano: non so se stagionalmente o periodicamente, ma ad esempio l’altro giorno non ho trovato il German (pane, salsicce alla griglia, uovo fritto, lattuga, cipolle bionde stufate e mayo) che avevo visto l’ultima volta e ho dovuto ripiegare, si fa per dire, sul Buffalo: pane, 170 grammi di hamburger di bufalo appunto, bacon, cheddar, patè di melanzane, lattuga e pomodoro. Pane ottimo, molto buono l’assemblaggio (e il panino regge, non si sfalda, non si decompone nei suoi ingredienti, non si ammolla), la cottura (media) ok – gustoso, particolarmente buoni i pomodori, ma tant’è.

hamburger sir simon

Anche il Sir Simon non è male, anzi: pane, 170 gr hamburger di manzo, bacon, avocado, cheddar, lattuga, pomodoro, mayo. Mi piace l’aggiunta dell’avocado.

Mi mancano gli altri – dal classico Classic, sempre 170 gr di manzo con cheddar pomodoro cetrioli cipolle caramellate, salsa bbq, al Fish Burger, con branzino impanato (120gr), lattuga pomodoro avocado e oyster sauce, al Pork, con costine di maiale alla griglia, alla Michetta (con manzo taleggio patè di fegato pomodoro lattuga). C’è anche un hamburger Vege, vegetariano, con hamburger di verdure, mozzarella di bufala, patè di melanzana, lattuga, pomodoro e basilico.

Contorni a scelta – patatine fritte, buone, anelli di cipolla fritti, insalata, patate al cartoccio con panna acida – compresi nel piatto. Birre artigianali (Menabrea, Birrificio S. Andrea), la carne proviene da allevamenti fra Milano e Lodi, il pane dei panini è fatto da loro, così come i dolci. Ma qui ho avuto un momento di debolezza, e mi sono lasciato tentare dalla Banana split, sull’onda dei ricordi d’infanzia (ovvero di una …ina d’anni fa, al mare…). Niente di che, devo riprovare per rifarmi con un dolce più “autentico”.

Belle le pareti di un verde violento ma piacvevole, i tavolini, i libri di cucina sparsi su scaffali ad altezza di giraffa – non che volessi leggere, ma se ci sono… Brutto il televisore, ma il volume non è invasivo, direi.

Un difetto? Niente sito, solo una pagina statica, ma le informazioni essenziali (orari) ci sono.

Comunque – la metamorfosi mi piace. E a voi?

Sir Simon Hambuger e altro. Viale Coni Zugna, 52. Milano. Tel +39 02 83.39.00.65

10 Commenti

  1. Scusate la franchezza, ma con tutte le bontà presenti in Italia, con tutti i nostri piatti e prodotti tipici e la nostra storia gastronomica, è davvero necessario postare quasi un giorno si e uno no un articolo sugli hamburger??

    • In aprile su Scatti, 2 articoli sull’hamburger, 4 in marzo, 6 in febbraio, 1 in gennaio dopo la classifica degli hamburger milanesi – che ha avuto decine e decine e decine di migliaia di contatti: a rigore, avremmo dovuto davvero scrivere un post su hamburger un giorno sì e uno no, in modo da diventare il sito più letto e competente sulle moderne svizzere…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui