Marianna Vitale BMW 01

Pubblicità nativa. O native advertising. È quella che ha fatto la fortuna di Monocle e di Tyler Brûlé, l’editorialista del Financial Time conosciuto per il suo stile di vita lussuoso.

Ha venduto una quota alla Nikkei per 10 milioni di dollari. Monocle è stato valutato 115 milioni di dollari ed è stato lanciato nel 2007.

Sul web è un riferimento per quanti guardano a un certo modo di fare pubblicità. Che non vuol dire fare “marchette”, a scanso di equivoci.

Uno sguardo alla voce corrispondente su Wikipedia cancella ogni dubbio.

… il Native Advertising è un metodo pubblicitario contestuale che ibrida contenuti e annunci pubblicitari all’interno del contesto editoriale dove essi vengono posizionati (sia dal punto di vista grafico sia dal punto di vista della linea editoriale), indicando chiaramente chi è l’inserzionista che ‘sponsorizza’ tale contenuto. È distante dal Pubbliredazionale, che invece cerca di mascherare contenuti pubblicitari come articoli editoriali su prodotti o servizi

Il comparto del food, ovviamente, non è nuovo a questa tendenza. Monocle ha addirittura il suo Caffè a Londra.

Marianna Vitale BMW 02 Marianna Vitale BMW 03

Ma mi è piaciuto molto la campagna studiata da Vanity Fair per la BMW Active Tour. Sono state scelte sei donne e tra di loro una chef: Marianna Vitale.

Lo scopo del “contenuto promozionale” è di posizionare la vettura presso il pubblico femminile.

Ma Marianna Vitale non dice mai “quanto è bella questa vettura”.

Marianna Vitale BMW 04 Marianna Vitale BMW 05 Marianna Vitale BMW 06 Marianna Vitale BMW 07 Marianna Vitale BMW 08

L’auto l’accompagna al mercato del pesce di Porta Nolana a Napoli e scopriamo che per Marianna vive a Baia e che la stella Michelin è stata accordata anche perché il progetto di Sud era molto molto giovane.

C’è anche il momento di autopromozione: “Marianna viene qui perché è la più bella pescheria di Napoli”. Ma lo dice il pescivendolo.

Scopriamo anche che Marianna ha bisogno del navigatore e dell’iDrive. Per sapere del traffico, dai. Mica per tornare a casa.

Ma volete mettere tutto questo con la diffusione di un messaggio di qualità, legata al mare, di fantasia e sostanza.

C’è anche Pino che spiega la reinterpretazione della fresella. Un occhio al passato e uno sguardo al futuro. La cucina come la tecnica di un’auto. Mica male, vero?

Marianna Vitale BMW 09 Marianna Vitale BMW 10 Marianna Vitale BMW 11

La scelta di Marianna e Pino è stata di restare e di investire. A Quarto e su un ristorante.

Investire anche sulla propria immagine che farà conoscere a potenziali acquirenti di BMW la realtà di un ristorante di cui forse non avevano ancora sentito parlare.

Triglia secondo Marianna Vitalei

Vogliamo demonizzare per questo il Native Advertising o tirarne fuori gli ingredienti (e i piatti migliori) migliori come fa Marianna Vitale nel suo ristorante?

Non è che dopo questo post non vi piace più? Insomma, la pubblicità nativa accredita o discredita?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui