Roma. Finger, accontentarsi di un “mozzico” a 2,50 €

Tempo di lettura: 2 minuti

finger-food-cena-qualità-abruzzo-a-Roma

Mangiare lo street food con le mani mi dà soddisfazione. Mi sembra di “sentire” quello che mangio ancora prima di assaggiare il boccone.

Non potevo resistere alla tentazione di andare da Finger, il primo ristorante di Roma che basa la sua proposta solo sul finger food. Ecco, ho già messo due volte il cibo in salsa estera quando alla voce finger io penso al panino.

Che non manca da Finger.

Il menu cambia ogni giorno, anzi, ogni sera, perché qui la mattina si mangia cibo con porzioni normali da portare via in confezioni biodegradabili, mentre dalle 18 in poi parte la sfilata del finger food, rigorosamente senza ordinazioni. Le materie prime sono per lo più a chilometro zero, con eccellenze di altre regioni (come il cioccolato direttamente da Modica).

Prezzi contenuti.  Si parte da 1,50 €, mentre il mini cartoccio di fritti – gamberoni, carciofi o cruditè di verdure in pastella di zafferano – costa 2,50 €. A 3 € c’è l’hamburger di chianina, “che all’interno deve essere al sangue”. Il tutto servito, ovviamente, in piatti mignon molto simili a quelli di una casa delle bambole.

zuppa di fagioli lasagnetta finger

Come quello della zuppa di fagioli al profumo di mare.

Per chi ha voglia di forchetta e cucchiaio ci sono i primi piatti che sono quelli della tradizione romana leggermente rivisitati.

I tonnarelli cacio e pepe (50 grammi è la quantità di un piatto “finger”) con puntarelle.

bombolino

Non mancano i dolci. Va fortissimo il “bombolino” alla crema, da mangiare in un sol boccone, che non sarà la Bomba Reale ma saprà accontentarvi.

Il piccolo locale di Monteverde, in una stradina dietro ai Colli Portuensi, ha stuzzicato molti clienti che stanno assicurando successo a Finger. Tanto che è in animo di aprire a Prati subito dopo l’estate.

Ora potreste andare ad assaggiare e dirci se è tanto buono da meritare addirittura la (mia) replica.

Finger. Piazza Pietro Merolli 53. Roma. Tel. +39 06 83796538

5 Commenti

    • Vuol dire che non esiste un menu dal quale puoi ordinare cosa mangiare. Bensì il personale di sala esce dalla cucina con diversi piatti, che possono essere finger di ogni tipo, dall’antipasto al dolce. Sta a te scegliere quale prendere o aspettare che esca un altro cameriere che porti altri finger. In ogni caso, dato che la cucina è a vista, puoi interagire facilmente con la cucina e chiedere o sbirciare quello che stanno preparando. Sulla lavagna all’ingresso, tuttavia, scrivono sempre quali piatti andranno per la maggiore quel giorno.

        • Come scritto, ci sono pochi posti a sedere. Quindi dipende dai bimbi e da te. Se invece ti riferisci al cibo e alle pietanze, credo proprio che ci siano cose più semplici. Il menu varia ogni giorno e lo chef crea i piatti in base a quanto trova al mercato…in caso non penso sia un problema chiedere una piccola modifica su una portata. Chiedere non costa nulla. Facci sapere!

  1. Ho cenato in questo Ristorante, con un gruppo di amici che ha effettuato la prenotazione sulla piattaforma TheFork, in un Sabato sera di Gennaio u.s. La scomodità di sedie e tavoli è già stata segnalata da altri clienti, così come il sovraffollamento rispetto ad un locale piccolo ed angusto. Preme evidenziare che i clienti sono costretti, vista la impossibilità di svolgere un corretto servizio ai tavoli per carenza di spazio, a coadiuvare le operazioni al fine di far giungere le pietanze ai tavoli più decentrati, con possibile danno a causa dell’igiene non sempre perfetta. La qualità di quanto portato in tavola è men che mediocre e le porzioni sono più da bambola che da essere viventi. Il conto, uguale per tutti con o senza sconto, è comunque superiore ad euro 25,00. Terminata la sofferenza, si può finalmente fare ritorno a casa e mangiare qualcosa di serio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui