pompi nuova apertura

Pompi stupisce ancora. A ottobre 2014 aveva minacciato chiusura dicendo che il locale di piazza Re di Roma sarebbe stato acquistato da imprenditori cinesi che l’avrebbero trasformato nell’ennesimo ristorante o bazar. Poco dopo arriva la smentita e a fine marzo 2015 l’apertura di un nuovo Pompi store a viale Marconi 149, a fine luglio quella a Pomezia, in via Roma 31. E non è tutto, perché oggi pomeriggio alle 17 aprirà un altro locale. Dove? Nella lussuosa via Cola di Rienzo, a due passi dal Vaticano.

ragazze pompi san pietro

Giusto in tempo per ingranare il ritmo e far conoscere al mondo – sono attesi decine di migliaia di pellegrini da ogni angolo del globo – il tiramisù più famoso di Roma (ma non per forza il più buono, come dimostra questa classifica dei migliori dolci al caffè del pianeta, dove cinque sono di Roma). Non a caso due fanciulle sono già in piazza San Pietro a consegnare volantini per la nuova apertura.

Inutile dirvi cosa si mangerà, nel settimo Pompi tra Roma e provincia. Piuttosto, sono curiosa di sapere cosa ne pensate voi.

6 Commenti

  1. Secondo me i cinesi si sono comperati Pompi ed investono. Scherzi a parte quando sei in crisi o lasci o raddoppi e magari loro puntano a questa seconda strategia.
    Ma parliamo dei loro prodotti che sono standard e quindi eccezionali x la marea di turisti che affolleranno ed affollano sempre la zona di San Pietro.
    Il prodotto Pompi trova il suo target a San Pietro. Nome e tradizione radicata ( 100% italia) prodotto medio basso prezzo non economico è l’ optimum per il turista che crede di fare centro e comunque rispetto alla media detti tiramisù che potrebbe mangiare a casa sua andrà a migliorare. In sintesi l’ idea imprenditoriale non si discute sulla qualità del prodotto rispetto ad altre eccellenze romane e non permangono i miei dubbi

    • Caro signor Enrico finché parliamo di gusto, mi sovviene il proverbio latino noto a tutti “de gustibus non est disputandum”; ossia i gusti non si discutono.. se invece il suo è un dubbio allora lo potrà dissipare facilmente provando e non pensando.. come cita un vecchio slogan pubblicitario…Provare per credere! Assaggi il Tiramisù di Pompi e forse si ricrederà

  2. Che furbo Pompi, tutto quel battage con la finta vendita di via Albalonga. Il prodotto è medio – mediocre (industriale) o almeno così mi pareva 4 o 5 anni fa quando ho smesso di mangiarne.

    • Buona sera Signora Roberta, guardi che come lo chiama Lei: “il bottage”, della finta vendita di Via Albalonga è stata una cattiva interpretazione di quanto dichiarato. Per quanto riguarda la mediocrità questo è soltanto il Suo parere che, Suo malgrado, non rispecchia minimamente il pensiero comune di centinaia di clienti che ogni giorno consumano L’OTTIMO TIRAMISU’ Di pompi. Comunque potrebbe considerare l’ipotesi di riassaggiarlo…magari cambia opinione

    • Signora Silvia, lo stile può anche non piacere e sinceramente dispiace che questa sia la Sua opinione. Pensi che il nuovo arredo è frutto di una ricerca di Architetti appassionati della Roma antica che hanno preso a modello il disegno e il colore di un Portone di una casa romana risalente al 1400. Comunque al di la dell’arredo quello che conta è la sostanza…e i Dolci di Pompi sotto questo aspetto mi lasci dire… sono UN SOGNO.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui