untitledI 100 migliori ristoranti di Roma. Ce li suggerisce il trio di curatori Cavallito & Lamacchia e Iaccarino – qui con la collaborazione di Federico De Cesare Viola – della guida I Cento di che ha edizioni anche a Milano 2016 e Torino (e c’è stata anche Bari).

“I Cento di Roma” adotta un sistema di divisione  delle 100 migliori tavole della città molto semplice: si affida al prezzo.

Nella categoria POP ci sono le 50 migliori trattorie all’ombra del Cupolone (e non solo) con osterie regionali, bistrot gastronomici, ristoranti etnici. Non c’è una classifica (sono tutti in ordine alfabetico), ma devono essere in grado di offrire un pasto “medio” sotto i 35 €.

I ristoranti TOP, ossia quelli dove si spende (ben) più di 35 € seleziona le tavole che la vulgata popolare indica come gourmet.

Ma cos’è un pasto ” di prezzo medio”? È quello che comprende due piatti – primo e secondo – più un antipasto o un dolce. Quindi la selezione va presa con un po’ di sale nella zucca.

Anche nell’edizione romana sono stati assegnati alcuni premi.

Ma partiamo con la parte succosa: i migliori che sono stati scelti con la squadra formata da Giulia Mancini, Claudio Persichella, Nico Pisanelli, Luciana Squadrilli.

La 50 Top ristoranti Roma 2016

Francesco Apreda

  1. Imàgo – Hotel Hassler
  2. La Pergola – Rome Cavalieri
  3. La Trota
  4. Il Pagliaccio
  5. Metamorfosi
  6. Colline Ciociare
  7. Pascucci al Porticciolo
  8. ilSanlorenzo
  9. Pipero al Rex
  10. Glass Hostaria
  11. Enoteca Achilli al Parlamento
  12. Enoteca La Torre a Villa Laetitia
  13. All’Oro – The First Luxury Art Hotel
  14. Il Granchio
  15. Antonello Colonna Resort & Spa
  16. Open Colonna
  17. Oliver Glowig
  18. Il Tino
  19. Salumeria Roscioli
  20. L’Arcangelo
  21. Armando al Pantheon
  22. Osteria dell’Orologio
  23. Mazzo
  24. Al Ceppo
  25. Romeo Chef and Baker
  26. Trattoria Epiro
  27. Marzapane
  28. Osteria Fernanda
  29. Giuda Ballerino – Hotel Bernini Bristol
  30. Stazione di Posta
  31. Massimo Riccioli Ristorante Bistrot– Hotel Majestic
  32. Antico Arco
  33. Primo al Pigneto
  34. La Rosetta Ristorante
  35. Ristorante Coromandel
  36. Il Convivio Troiani
  37. Aroma – Hotel Palazzo Manfredi
  38. La Baia
  39. Green T.
  40. Albos Club – Da Rosario
  41. Bistrot 64
  42. Kenko
  43. Tastevin
  44. Domenico dal 1968
  45. Trattoria Monti
  46. The Deer Club – D.O.M Hotel
  47. The Corner
  48. Casa Coppelle
  49. Pastificio San Lorenzo
  50. Zen Sushi

Le 50 migliori trattorie di Roma nel 2016

bir & Fud spine

  1. Beppe e i Suoi Formaggi
  2. Bir & Fud
  3. Celebrità
  4. Che te ne sa
  5. Court Delicati
  6. Cul de Sac
  7. Cus Cus
  8. Da Enzo al 29
  9. Dao Restaurant
  10. Felice al Testaccio
  11. Flavio al Velavevodetto
  12. Guerrini dal 1958
  13. Hua Qiao
  14. In Fucina
  15. L’Asino d’Oro
  16. L’Osteria di Monteverde
  17. La Barrique – Enoteca con Cucina
  18. La Gatta Mangiona Ristorante Pizzeria
  19. La Salsamenteria
  20. Le Tre Zucche
  21. Lo Sgobbone
  22. Lo’steria
  23. Mr Chow
  24. au
  25. Open Baladin
  26. Osteria del Velodromo Vecchio
  27. Pianostrada Laboratorio di Cucina
  28. Pizzarium – Bonci
  29. Pork’n’Roll
  30. ProLoco Pinciano
  31. Remigio Champagne e Vino
  32. Ristorante da Peppe a Tor Cervara
  33. Ristorante Sora Maria e Arcangelo
  34. Ristoro La Dispensa
  35. Rosti
  36. Salumeria Fedeli
  37. Settembrini
  38. Sforno
  39. Spasso Food
  40. Spazio Roma – Eataly
  41. Supplizio
  42. Taberna
  43. Tiberino
  44. Tonda
  45. Tram Tram
  46. Trattoria da Cesare
  47. Trattoria dal Cavalier Gino
  48. Trattoria degli Amici
  49. Trattoria del Pesce
  50. Trattoria Dell’Omo

I Premi della Top 100 del 2016

Anche in questo caso i premi permettono di stabilire almeno la migliore trattoria che è Spazio di Niko Romito a Eataly.
Una grande promessa sono il duo Francesca Barreca e Marco Baccanelli cioè i Fooders di Mazzo
Il Premio “Osti che sorridono” va alla Trattoria degli Amici.
Il Premio La Cantina Curiosa è appannaggio del Tino di Ostia.

Romani di forchetta a voi non resta che spulciare la classifica e del caso sovvertirla. Non prima, però, di aver detto la vostra sulle 50 migliori trattorie. Non siate stitici: almeno il podio va indicato!

20 Commenti

        • Ma perché non lei come atri non vi mettete l’anima in pace? Mi pare che il tanto buon lavoro fatto da sti ragazzi fa invidia a parecchi in questo portale, siate umili ed incoraggiate i ragazzi che rischiano, si metteono in gioco e realizzano progetti che funzionano e che tanto fanno ben sperare al nostro paese stile. Marzapane è una bella realta romana. Provi a prenotare un tavolo, io ho provato ben 4 volte, sempre pieno, questa settimana sono riuscito ad andare ed ho trascorso una gradevolissima serata, mangiato bene, bevuto benissimo ed ho visto circa dieci ragazzi lavorare, con passione e professionalità. Credo ci sia una sottile linea di rosicamento in queste sterili battute!

          • Sono completamente d’accordo. A me non fa invidia e il posto n 27 mi sembra troppo basso. Verrebbe il sospetto che che ha scritto nemmeno si sia seduto a questi tavoli.

          • Andrea, ma ti sei accorto che una è in ordine alfabetico e una è in ordine di merito? Cioè quella dove sta Marzapane?

          • Sono d’accordo…Marzapane e’ veramente una bella realtà “romana” anche se la Chef e’ spagnola…il che è’ una nota di merito in più visto che in Spagna non hanno tradizione culinaria…

  1. io credo che Marzapane invece debba stare più in alto in classifica.
    Chi ha stilato la classifica ha davvero provato tutti questi posti?

    La seconda non è una classifica, i locali sono in ordine alfabetico.

  2. Marzapane è stato sopravvalutato. Prezzi esorbitanti per piatti insipidi e scontati. A volte mi chiedo in base a cosa fanno queste classifiche. La mia domanda ovviamente era ironica. È un po’ come il festival di Sanremo.

    • Ma lei che non ha nemmeno il coraggio di metterci la faccia mettendo nome e cognome nei suoi commenti come fa a pensare di essere credibile quando parla di materia prima scadente? Faccia un esempio, la materia prima da quello che ho potuto provare da marzapane è alla base di ogni piatto, ho mangiato un gambero di Sicilia strepitoso ed alici del cantabrico con risotto da paura, credo che lei faccia parte dei rosiconi invidiosi.

  3. Ma invece di parlare sempre dello stesso ristorante, perché non parlate del fatto che Epiro, aperto piú o meno dallo stesso tempo é una posizione piu su ed é sempre pieno ugualmente senza sbandierarlo in maniera ossessiva a tutto il mondo? La ragione forse é che Epiro non ha il proprietario che briga e spinge e complotta per avere articoli su giornali, cene a 4 mani oppure recensioni a destra e a manca. Per non parlare del fatto che sono mesi che dichiara che é sicuro che riceverá la stella Michelin (poi, se ci dice come ha fatto, ci scriviamo un libro)! Non che la chef non sia brava, nessuno lo mette in dubbio, ma il proprietario é la ragione per cui si parla ancora di questo posto: un ristorante dove si mangia bene ma lungi dal gridare al miracolo.

    • Ho letto solo ora il suo commento, sinceramente lei mi fa pena, se vuole passi da marzapane che così capisce a cosa è dovuto il nostro successo. Siamo quindici persone che lavorano con amore, passione, fatica ed umiltà! Tutto il resto sono chiacchiere da bar… Complimenti comunque per la sicurezza che ha nell’affermare notizie che lei sa ed io no, chapeau! Angela fatti un bel bicchiere di vino, una buona Carbonara e non ci pensare! ?

  4. Si peró anche i giornalisti dovrebbero informarsi. Leggo sul programma di Taste of Excellence: “I Dialoghi della Cucina: quanto conta la stella Michelin?” talk show tra chef stellati” e indovinate chi c’é? Ma Ruiz e Del Duca sono stellati?

  5. ….Colui/Colei che ha stilato questa lista, conosce la differenza tra un ristorante e una trattoria?
    Voglio dare fiducia a questa persona, sperando che sia stato semplicemente un banale errore!!!!
    Grazie per la lettura.
    RISTORANTE Le Tre Zucche

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui