eat market Milano

Zona Ventura è una zona periferica di Milano, dietro la stazione di Lambrate. Zona industriale ormai deindustrializzata, oggetto di un recupero intelligente e ben eseguito, che l’ha resa uno dei centri principali dei vari FuoriSalone del Mobile. In un capannone di via Ventura si svolge in questo weekend, da mezzogiorno a mezzanotte, Eat Market, “il primo Flea Food Market italiano. Due giorni dedicati al cibo proveniente da varie parti del mondo, Italia compresa, dove poter gustare diverse specialità internazionali nel tipico clima di East Market” (ovvero del mercatino delle pulci che si tiene qui di solito).

Bello spazio, grande: ci stanno dentro molti furgoni, apecar, camioncini e addirittura roulotte, banchetti e bancarelle. Ci sono gli ormai noti e collaudati furgoni, come Pop Dog con i suoi hot dog, Rock Burger, food truck dell’omonima hamburgeria, o come Caravin, con la sua attenta scelta di vini. C’è anche una serie di “nuove proposte”, che non ho ancora incrociato nei vari eventi di street food o per strada. Alcune particolarmente interessanti.

zibo_2

Come Zibo Cuochi Itineranti, un progetto interessante, su strada da circa sei mesi: cucina italiana, fritti, ravioli fatti a mano, panini, dolci. E al centro dell’attenzione dei mass media, con articoli e interviste sulla loro idea e sul loro modello di business. Ho assaggiato i loro ravioli alla carbonara con guanciale croccante: ne vale la pena.

loy_imperiale_1

Invece Marco Loy, del ristorante Imperiale, ha messo su ruote le sue (ottime) idee di Street Food Asiatico “crossover” – buoni gli Arancini di sushi California, ovvero nigiri di riso crispy, tartare di salmone, avocado e salsa teriyaki.

el caminante

Come da provare sono le arepa, focaccine di mais (e quindi gluten free) venezuelane di El Caminante. Contemporary Gourmet Arepas. Anche qui le arepa vengono italianizzate farcendole con ingredienti “nostri”, come la Parma, coppa cipolle mele verdi. Ho mangiato la Caracas, che ripropone una loro ricetta: pollo cotto a bassa temperatura, avocado, succo di lime, maionese, senape, pepe. Da provare.

Fra le altre proposte etniche, ravioli cinesi, discreti, churro, e piatti thailandesi (che non ho potuto assaggiare causa mancanza temporanea di corrente).

Fra gli italiani regionali, Ape…ria, con le pittule salentine;  La Pestolotte, trofie al pesto in roulotte a 6euro; Dal Parmigiano, anolini in brodo a 6 euro; Bedda, pane cunzato (6/7) e cannoli dalla Sicilia. E Cucinando su ruote, cucina vegana con canapa. E le polpette di Meatball Family.

E naturalmente hamburger: Cheezy Weezy da 4,50 a 7,50 euro, Myke a 6/7. E 202 Hamburger & Delicious.

dog sweet dog

E per finire la “snackery” Dog Sweet Dog: non sono hot dog dolci, ma torte pasticcini biscottini snack per cani. Se volete portarci Fido, piuttosto che fargli inseguire le polpettine cadute per terra, potete coccolarlo con prodotti pensati apposta per lui.

Ci fate un salto subito?

4 Commenti

  1. Ci ho fatto un salto ieri e me ne sono andata sconsolata e un pò incazzata dopo aver mangiato una microscopica e dimenticabilissima arepaz proprio come la tua (pasticciaccio di pollo e senape al miele, non sapevi di un ca…o) per 7 euro sette! una verguenza, per un cibo da strada venezuelano, una lastima come l’intera manifestazione. Prezzi gonfiati, porzioni minime. Per milanesi gastro chich da paranza.

    • Mi riferisco al commento di Grazia.
      .
      Perché
      non accettiamo passivamente TUTTO.
      c’è un Pensiero Critico vivo
      c’è una sana incazzatura

      perché sei anche MILANESE.

  2. Io ho avuto il piacere di incontrare el caminante (e la sua storia) al tank e ne ho un buon ricordo. A me invece colpisce il fatto che ormai su milano e limitrofi ci siano moltissimi appuntamenti con lo street food. Forse troppi?
    I prezzi fanno sempre discutere: non tutto lo street food è “povero”, soprattutto a milano, ma a giudicare dal fenomeno e dal seguito, dubito che i furgonisti siano interessati ad abbassare i prezzi.
    All’ultimo “international street food milano 2015” (ottobre) parlavo con chi proponeva una birra confezionata a 4€ che in sicilia ad Agosto in spiaggia è venduta a 50 cent. Intendo 8 volte il prezzo per il medesimo prodotto.
    Tre anni fa avevo più entusiasmo, ora vedo sempre le stesse cose…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui