Opa Balkan Food Milano

Ed ecco che arriva anche un locale (piccolo piccolo, come sembra essere di gran moda di questi tempi a Milano) di cucina balcanica: Opa!

Una dozzina di posti a sedere, una vetrina refrigerata, la cassa, qualche scaffale con prodotti balcanici.

Il locale è aperto da poche settimane in viale Bligny che, per i non milanesi, è uno di quei viali della circonvallazione Vittorio Veneto-Piave-Premuda-Montenero-Sabotino-Bligny e vai fino ai Navigli. Un polo di attrazione per molte delle nuove aperture mangerecce di questi ultimi tempi: vi abbiamo raccontato  di Piano, Flower Burger, Mariù, Coq.

opa_03

Ma torniamo a Opa. Il nome è un’interiezione esclamativo-esortativa (oh…) generica dell’est europeo, “su”, “dài” – la si sente se non ricordo male durante il sirtaki di Anthony Quinn in Zorba il Greco (per far vedere che sono colto, cinefilo, e ahimé anziano…).

musaka di patate

Il menù dicevamo è di street food balcanico, anzi jugoslavo: Valentina, la padrona di casa, è originaria del Montenegro, a Milano da sempre. I piatti spaziano fra le varie repubbliche post-jugoslave. Ed è un menu ancora in evoluzione, ad esempio stanno studiando il modo di proporre gli spiedini di carne che sono il loro street food per eccellenza.

opa_burek

Troviamo il burek bosniaco, ovvero una pita fatta da un sottilissimo foglio di pasta fillo senza lievito con diversi ripieni: carne bovina spezie cipolla paprika (4,80 €: buona!), formaggio di pecora panna acida spinaci e uova (zeljanica, 4,30 €), formaggio fresco di mucca panna acida (pavlaka) uova (sirnica, 4,80 €), zucchine a cubetti, uova, spezie (tikvenjača, 3,80 €), zucchine insaporite di aglio, formaggio rumeno di pecora in salamoia (4,30 €), patate, cipolla, spezie (krompiruša, 3,80 €),  verdure miste in padella, formaggio (Pita sa povrćem, 4,30 €).

proja preparazione burek

Tutto preparato nella cucina, a vista, in diretta (non al momento, ovviamente: ma se finisce un’infornata, la successiva viene cotta in 11 minuti circa).

burekburek Opa Milano

Ottimo il mio burek di carne: avvolto su se stesso a spirale, ben cotto, saporito il giusto, la pasta fillo che si sfogliava da tutte le parti (ho visto stenderla sottile sottile sottile in cucina: uno spettacolo). E mi è piaciuta molto anche la musaka di patate, una delle proposte diciamo fuori carta.

Medenjaci

I dolci sono buoni, anche se non mi fanno impazzire (non sono dolcissimi). Ho assaggiato la torta plazma (1,80 €), fatta con i biscotti omonimi. Mentre ho trovato piacevolissimo il sidro Somersby (c’è anche qualche bibita locale e la birra Lasko).

Ma aspetto con impazienza i ćevapčići – spiedini di polpettine di carne cotte alla griglia. Li voglio – il mio è un interesse culturale, ovvio: lo condividete?

Opa Balkan Food. Viale Bligny, 43. Milano. Tel. +39 338 294 0315