Ricette. Ciambellone per stuzzicare la vostra voglia di Nero di Troia

ciambellone nero di troia

Lo confesso pubblicamente: di vini ne capisco poco, “et però credo che molta felicità sia agli homini che nascono dove si trovano i vini buoni“(cit. Leonardo da Vinci).

Buoni come il Nero di Troia, intendo, che finalmente sta conquistando i palati più raffinati e del quale ne ha scritto mirabilmente Giulia Nekorkina, tanto da conquistare al Vinitaly 2016  il  premio come miglior articolo sul Nero di Troia e sulla Daunia.

ciambellone nero di troia 2

E da qui che nasce l’idea del dolce che propongo oggi: si tratta della mia personale versione del Ciambellone al Nero di Troia, quale modo migliore per festeggiare Giulia Nekorkina come merita?

Ciambellone al Nero di Troia

Ingredienti (per 6 persone)

280 g di zucchero
150 g di farina 00
3 uova di grandezza medie ( 4 piccole)
150  gr di panna fresca
120 gr di Nero di Troia
100 gr di cioccolato fondente
60 gr di cacao amaro
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di fior di sale
(burro e cacao q.b. per imburrare e spolverizzare lo stampo)

Procedimento

Tritare il cioccolato fondente nel mixer e tenerlo da parte. In un pentolino scaldare il vino con tutto lo zucchero, i 60 gr di cacao e il pizzico di fior di sale. Mescolare e portare al primo bollore lasciandolo addensare, quindi toglierne 120 grammi e tenerli da parte per la glassatura finale. Mettere nel mixer  il composto rimasto nel pentolino, aggiungendo subito la panna fredda di frigo, la farina setacciata col lievito e azionare la macchina. A questo punto incorporare le uova, uno alla volta e lavorare il composto fino a renderlo liscio e spumoso. Spegnere il mixer e mescolare a mano, con una spatola, il cioccolato fondente già tritato.

Preriscaldare il forno a 160° in modalità statica. Imburrare uno stampo da ciambella (24 cm di diametro) e spolverizzarlo con il cacao amaro, quindi versarvi dentro l’impasto e infornare per circa 40 minuti.

ciambellone nero di troia (1)

A cottura ultimata, sfornare la ciambella; bucherellarla con uno stecchino e versarvi sopra la glassa al vino che tenuta da parte.




- mercoledì, 20 aprile 2016 | ore 16:22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.