Terry Giacomello chef

È tempo di Cibus, il grande appuntamento internazionale del cibo che si svolge a Parma dal 9 al 12 maggio. Tantissime persone saranno in quella che viene considerata come la capitale gastronomica dell’Italia. Per questo abbiamo chiesto a Terry Giacomello, chef fresco di stella Michelin al ristorante Inkiostro, di consigliarci 5 ristoranti dove mangiare a Parma (e dintorni).

Dopo Arcangelo Dandini e Andrea Berton anche lo chef di origini friulane ha voluto dire la sua con proposte che saranno la perfetta chiusura di ogni giornata del salone internazionale.

Per questi quattro giorni dedicati al settore agroalimentare e alle eccellenze gastronomiche del nostro Paese agende alla mano e segnate i 5 indirizzi per saziare i vostri appetiti migliori.

  1. Ristorante Cocchi

parma ristorante cocchi brodo

Nel centro di Parma, troverete c’è la trattoria Cocchi “in stile chic“, dove a farla da padrone è la cucina tradizionale parmigiana. Da assaggiare gli anolini in brodo, il carrello dei bolliti e i salumi.

Ristorante Cocchi. Via Gramsci, 16/A. Parma. Tel. +39 0521 981990

2. Ristorante Da Poli “Alla Stazione”

Parma Ristorante Poli

Da Poli “Alla Stazione” è un ristorante classico nelle fattezze e nella cucina. Per raggiungerlo bisogna allontanarsi un po’ (circa 18 km da Parma). Infatti il ristorante si trova a Castelnovo di Sotto e – nomen omen – è costruito nella vecchia stazione ferroviaria. Fiore all’occhiello è la grande griglia a legna e carbone, ma notevoli (parola di chef) sono i crostacei siciliani, i crudi come le ostriche selvagge della Normandia e le cotture sotto sale.

Ristorante Da Poli “Alla Stazione”. Viale Repubblica, 10. Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia). Tel. +39 0522 682342

3. Ristorante Pizzeria La Zagara

parma pizzeria la zagara

Per Terry Giacomello è uno dei migliori posti dove mangiare la pizza a Parma: grande ricerca sugli impasti e sulle farine, lunghe lievitazioni e ingredienti di qualità.

Ristorante Pizzeria La Zagara. Via La Spezia, 226. Parma. Tel. +39 0521 959201

4. Enoteca Il Tabarro

Parma enoteca il tabarro

Cantina profonda con etichette frutto di ricerca appassionata: è qui che Terry Giacomello si concede un momento di relax davanti un calice di vino.

Enoteca Il Tabarro. Via Farini, 5/B. Parma. Tel. +39 0521 200223

5. Locanda Mariella

parma ristoranti locanda mariella

È una trattoria, una di quelle semplici ma mai banali che opera che punta sulla scelta della materia e sulla capacità di dare nuova vita a piatti tradizionali come i tortelli cacio e pepe; ottime le carni. Altro punto di forza è la cantina con interessanti proposte biologiche e biodinamiche.

Locanda Mariella. Frazione Fragno, 59. Calestano (Parma). Tel. +39 0525 52102

parma2

Vi basteranno questi 5 indirizzi per i 4 giorni di Cibus o avete da scoccare altri indirizzi per fare centro a Parma e dintorni?

[Immagini: Il Giornale, Ristorante Cocchi, Da Poli “Alla Stazione”, Ristorante Pizzeria La Zagara, Enoteca Il Tabarro, Fotogustando]

7 Commenti

  1. Se avete voglia di pizza con farine macinate a pietra e prodotti slow food e degli ottimi piatti di pesce vi consiglio la Grotta Azzurra di Modena
    Chiuso la domenica tutta la giornata
    Consigliatissimo

  2. Decisamente ‘mAriella’
    Inoltre mi perplimo: Castelnuovo di sotto non è in provincia di Reggio Emilia?
    Da ultimo, sul tema pizzeria, segnalerei la grande tradizione di Tramonti, ottimamente rappresentata dalla Buca dei Diavoli, a Noceto

  3. Da Poli è in provincia di RE. Uno dei titolari, Marco, era famoso nel modo motociclistico perché in piega toccava il gomito sulla pista.
    Ora lo fa anche Marquez, ma allora…

  4. Dovrebbero bastare le parole.
    Ma le immagini aiutano e chiariscono meglio le parole che accompagnano.
    Nel caso della pizza si integrano bene e possono dare al lettore la possibilità di farsi un’idea, che potrebbe già incidere sulla decisione di andare o non andare in un locale.
    .
    Sulla pizzeria del post La Zagara non ho trovato nel web parole chiare sulla tipologia di pizza e sulle sue caratteristiche,
    in particolare sull’impasto, che, per me, viene prima di tutto.
    Né le immagini hanno schiarito completamente i dubbi.
    Vabbè, è chiaro che non è una napoletana ma sembra diversa dalle tipo 1 nordiche.
    Non è una sottile, non ha un bordo ben definito ma è spessa ai bordi e non è neanche la gourmet-focaccia nordica.
    Mi hanno colpito una coloritura poco accentuata dell’impasto.
    Molti sono quelli che l’apprezzano ma, come dicevo, non ho trovato delle recensioni complete e chiare.
    .
    Mentre, ad esempio, è stato più facile farmi un’idea dell’ottima pizzeria segnalata da Paolo, che rimane nella tipologia napoletana.
    .
    Purtroppo non in tutte le regioni italiane ci sono blog specializzati come quelli di Milano (Io e Margherita e Il Cornicione) che fanno recensioni approfondite ed anche tecniche.
    Una volta le faceva anche ing Pizza ma ora non le vedo più.
    PS
    Guardate che spettacolo è questo cornicione di ing Pizza.
    Non lo trovate neanche nelle più famose pizzerie.
    https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRjh1UWcExUJ-8jioI_7znuKKH-TsbfV8bJhmFXFkS1veqg2tn_PQ

  5. Da Poli oltre ad essere in provincia di Reggio Emilia, è di proprietà della stessa famiglia proprietaria dell’Inkiostro, dove Giacomello lavora e prende lo stipendio. Chiara ora la presenza di questo posto in questa lista….

  6. Buongiorno Manuela,

    Complimenti per gli articoli e per il sito che apprezzo moltissimo.
    Le chiedo se ha a disposizione anche quest’anno i biglietti omaggio per il cibus.
    Io ne avrei bisogno di 3 se fosse possibile. Le lascio la mia email: aletali@libero.it
    Grazie mille per la gentilezza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui