Prato e dintorni

Una sfida a colpi di mortadella, farina, biscotti di Prato, vermouth e vino di Carmignano: venti tra le più seguite foodblogger d’Italia (19 donne più un uomo, per la precisione) gareggiano per lo scettro della miglior ricetta a base di prodotti pratesi.

Prelibatezze che difficilmente travalicano i confini della provincia, tanto è limitata e regolamentata la produzione. Ma che sarà possibile degustare e acquistare tra Firenze e Prato in occasione di EatPrato (17-19 giugno), weekend interamente dedicato alle eccellenze dell’enogastronomia pratese con degustazioni, cooking show e visite guidate nelle aziende produttrici.

24_eatprato

Regina della festa la particolare Mortadella di Prato, insaccato cotto che ricorda solo vagamente la più nota cugina di Bologna. Prodotta da un pugno di salumieri e norcinai del territorio secondo l’antica ricetta, la mortadella di Prato è oggi Presidio Slow Food.

A conferire colore e profumo unici l’aggiunta di spezie e alchermes, che originariamente serviva a conferire un colorito più accattivante a quelli che allora erano gli scarti dei salumi più pregiati. Oggi si utilizzano solo carni bio, provenienti da allevamenti della provincia e altamente selezionati.

16_eatprato

In “pentola” anche la famosa farina GranPrato, macinata a pietra secondo i rituali tradizionali, e i biscotti di Prato, spesso e volentieri confusi con i cantuccini toscani, che in comune hanno solo la forma e le mandorle. Ad accompagnare pane e companatico il vermouth e il vino di Carmignano, una delle più antiche Docg della storia, assieme al Chianti Classico, che quest’anno festeggia 300 anni di “vita”.

62_eatprato

Il contest online è già cominciato: nelle scorse settimane i pacchi con i prodotti pratesi sono stati recapitati nelle cucine di Chiara e Marta CalugiCoralba Martini, Cristina Popa, Daniela Rigli, Donatella Bochicchio, Elisabetta Cuturiello, Enrica Montella, Fabiola Puglieri, Gaia Innocenti, Jacopo Mariutti, Judi Francini, Sabrina Fattorini, Sandra Pillacchi, Sara Sguerri, Tamara Giorgetti, Teresa Balsamo, Tiziana Colombo, Valeria Fricano.

33_eatprato

Le tre ricette finaliste saranno protagoniste degli cooking show di EatPrato, sabato 18 alle ore 18.00 in piazza del Comune, quando sarà decretato il piatto più rappresentativo dell’incontro tra chef 2.0 e tradizione culinaria.

26_eatprato

Sul fronte fiorentino a sfidarsi saranno alcuni tra gli chef più rinomati di Firenze, che proporranno creazioni ad hoc per tutto il mese di giugno.

Marco Stabile chefLuca Cai

Marco Stabile porterà un piatto made in Prato nel suo Ora d’Aria a pochi passi dal Ponte Vecchio, così come Filippo Saporito a La Leggenda dei Frati sull’Erta Canina, Luca Cai al Magazzino di Piazza della Passera e Matteo Fantini da IO – Osteria Personale a San Frediano.

Da Burde

La storica trattoria Burde porterà in trasferta da Eataly un intero menu a base di prodotti pratesi: Mortadella tiepida e mostarda di fichi per cominciare, i classici Sedani ripieni per proseguire, Peposo di Razza Calvana e per chiudere Peschine del Salchetti. In abbinamento sei etichette di Carmignano, tra cui un vinsanto.

Giovanni Santarpia

La Mortadella di Prato sarà infine protagonista della pizza di Santarpia incoronata tra le migliori in città.

Il programma completo di EatPrato è online.

[Immagini: Scatti di Gusto, Facebook, controradio]

1 commento

  1. Perdona Francesca, ma il termine “norcinai” temo sia pura invenzione.
    Il plurale di “norcino” fa “norcini”, come ogni dizionario italiano riporta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui