Bologna. Cucina, pizza, macelleria, bar al Mercato delle Erbe: serve Altro?Tempo di lettura: 3 min

altro-mercato-verdure

“Il miglior museo è il mercato”, questo è il mio dogma. Il mercato è il luogo migliore per incontrare la gente, scoprire usi e costumi del posto, i prodotti locali e le abitudini a tavola. Di sicuro, mangiare al mercato non è una novità per nessuno.

Non dimenticherò mai le panelle bollenti che bruciano la lingua al Ballarò di Palermo, il mio primo panino con lampredotto al Mercato Centrale di Firenze (che ora aprirà anche a Roma e non vedo l’ora), una scorpacciata di ostriche alla Boqueria di Barcellona e quella mancata al Marché des Capucins di Bordeaux.

E ora a Bologna c’è Altro?. No, non è una domanda, il nome  del locale deriva da un modo di dire tipicamente bolognese: “Altro? Altro!”, è la risposta che vuol dire “Nient’altro, sono a posto così, grazie!

Altro? è nato un anno fa, all’interno del Mercato delle Erbe di Bologna per rivalutare uno dei mercati più antichi – e il più grande – del centro città.

Incuriosita dal format, sono andata a Bologna per scoprire cosa e come si mangia al mercato 2.0, e ora ve lo racconto.

altro-mercato-delle-erbealtro-mercato-pesce

Il Mercato delle Erbe è un mercato coperto costruito all’inizio del secolo XX. Edificio alto, con la scalinata imponente, spazioso all’interno, pieno di movimento e di colori, soprattutto da quando i giovani imprenditori hanno deciso di dargli una seconda vita aprendo al suo interno locali e bistrot.

Altro? è uno spazio piuttosto ampio e multifunzionale, aperto dall’alba fino alla tarda notte. Intorno alla piazzetta centrale si trovano le botteghe, realizzate all’interno di vecchi spazi cui i commercianti hanno dato nuova vita.

pizza-altro

E se sotto l’insegna Forno si vende pizza, sotto l’insegna Ex Macelleria Equina si trova la bottega vegano-vegetariana, fornita di tutto quello che offre il mercato in questa stagione.

altro-al-bar

Le botteghe di Altro? sono 5: La Cucina (che è un ristorante), Ex Macelleria (take away vegano-vegetariano), Il Forno (pizza), Alimentari (panini di tradizione e gourmet, birra e vino) e Al Bar (caffé e cocktail).

altro-pizze

Inizio dalla pizza che a Bologna ha una 10 indirizzi da non mancare: impasto con farina integrale misto manitoba, preparato con lievito madre (secondo il metodo Pediconi), alta e bassa, tanti ripieni. Scelgo una con patate, mozzarella e salsiccia (croccante e leggera) e una “rovesciata” con i pomodorini (alta e soffice). I prezzi di pizze variano da 1,50 a 3,00 € al pezzo.

altro-panino-ragù

Passo ai panini, e addento subito uno tradizionale, al ragù bolognese (4 €). Che dire, mai mangiato, ma sicuramente è più adatto alla stagione sotto i 20 gradi.

altro-panino-cacio-pere

Assaggio uno gourmet, con culatello, pere e pecorino (5 €) Ora ci siamo.

altro-vegetariano

Vado a curiosare all’Ex Macelleria: i piatti unici (tortino di miglio o di quinoa o arrosto di seitan con contorni e salse) sono abbondanti (da 8 a 12 €), i piatti componibili (dove posso farmi mettere tutte le verdure che voglio) sono sicuramente in tema del mercato, ma non mi invogliano perché desidero provare la cucina.

Altro-insalata

Il menù di pranzo e cena sono diversi, ci sono anche piatti di tradizione bolognese, come tortellini alla panna (12 €) o cotoletta petroniana con patate al forno (12 €), che non ho azzardato ad assaggiare con 35 gradi fuori, ma un’insalata con mazzancolle, pomodorini e mela (14 €), pacchetti al sugo di pesce (12 €) o una tartare di manzo (15 €) che ho visto passare, mi sono piaciuti.

altro-burger-gamberi

Alla fine ho scelto un hamburger di gamberi alla catalana (14 €). Aspettavo una “polpetta”, invece no, erano gamberi freschi appena scottati, con la cipollina di Tropea tagliata sottile e i pomodorini. Pane soffice, salsa rosa sfiziosa, insomma, un piatto estivo e molto easy.

Un bicchiere di Pignoletto alla mescita (4 €), e il mio pranzo al mercato è concluso.

Altro-tagliere

Dovete sapere che Altro? offre di più: cocktail e aperitivi, cena e dopocena, ma anche eventi e e mostre. Ho saputo che sono stati organizzati anche i matrimoni, ovviamente non convenzionali.

Altro? Via Ugo Bassi, 23-25, 40121 Bologna

[Immagini: Giulia Nekorkina, Altro?]

1 commento

  1. Interessante articolo su un luogo che sta sicuramente vivendo nuovi fasti. Una precisazione: tortellino alla panna, a Bologna è un abonimio.

    Esiste, si trova, si fa, si mangia, ma non può essere considerato piatto della tradizione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui