osteria-bartolini-bologna

Apre oggi a Bologna Osteria Bartolini, il nuovo ristorante di Andrea Bartolini che nasce dall’esperienza, riuscitissima, dell’Osteria del Gran Fritto di Cesenatico e di Milano Marittima.

andrea-bartolini

Andrea Bartolini guida la cucina (La Buca, l’altro ristorante di famiglia ha una stella Michelin) e ha al suo arco una bella freccia. È architetto e la sua formazione gli permette di mettere in linea contenuto e contenitore, piatti e interior saldando con cura il momento estetico e quello di sostanza.

Lo si vede in questa Osteria che evolve il Gran Fritto in una location suggestiva: il palazzo Dondini Ghiselli già Marescotti, in piazza Malpighi.

osteria-bartolini-bologna-giardino-ingresso osteria-bartolini-bologna-giardino osteria-bartolini-bologna-mangiare-aperto

Siamo nel cuore della città e non molti locali possono vantare anche uno spazio all’esterno così suggestivo come il giardino che si raccoglie intorno al platano secolare già diventato icona di questo nuovo luogo del cibo grazie a un’essenziale immagine promo che racchiude la filosofia di Osteria Bartolini.

apertura-invito-osteria-bartolini-bologna

La capannina del mare all’ombra dell’albero.

L’idea è semplice ed efficace. Portare il mare della Romagna a Bologna con un’onda che si allunghi dall’estate all’inverno. L’idea dell’osteria contemporanea ben si attaglia all’indole della città che ha un forte imprinting universitario. E questa osteria potrebbe rappresentare anche il luogo cult per i giovani appassionati di cucina alla ricerca di esperienze esaltanti.

Anche se il cuore della clientela sarà trasversale e animata dalla voglia di qualità del contenitore e del contenuto.

gran-fritto-di-pesce-paranza-bartolini

“Abbiamo voluto realizzare un’Osteria contemporanea partendo dal concetto di ‘Trattoria Italiana’ andando alla ricerca dei tratti e materiali distintivi di un modo di concepire lo stare a tavola informale ma allo stesso tempo di qualità. Ogni dettaglio è stato curato ma la ricerca che è stata fatta è proprio verso il concetto di “non disegnato”,”non progettato”. Abbiamo concepito uno spazio di fruizione immediata e soprattutto accogliente. Vogliamo che la nostra Osteria sia piacevole da vivere ma allo stesso tempo abbia la consueta ricerca del dettaglio che distingue i nostri progetti”, spiega Andrea Bartolini con la sua passione che ti travolge con i fatti.

I materiali utilizzati per Osteria Bartolini sono opachi e spesso ossidati. “Abbiamo voluto che ogni oggetto avesse già vissuto una propria storia da portare all’interno dei nostri ambienti. E’ così che i legni di frassino e di quercia hanno perso colore andando a trovare i toni del grigio propri della salsedine”.

Il ferro è stato brunito mantenendo saldature e rodature a vista. Il marmo è stato grattato per renderlo ‘polveroso’. Le grandi volte delle antiche stalle hanno riportato alla luce gli intonaci nascosti dal tempo.

Grande attenzione è stata data ai corpi illuminanti che fanno ben sperare in una corretta illuminazione, uno dei grandi punti deboli delle progettazioni dei ristoranti.

Le porte sono state realizzate con travi di quercia in patina, tutte provenienti da vecchi fienili dell’appenino bolognese.

“E’ uno spazio che ci piace: comodo, luminoso e confortevole”.

osteria-bartolini-bologna-menu

La cucina è quella della tradizione solida della Romagna che ha contraddistinto il percorso delle osterie di famiglia a partire dal nonno di Andrea, Marcello, e che è stata seguita anche da Stefano, il padre di Andrea.

gran-fritto-di-pesce-bartolinicalamaretti-e-zucchine-croccanti-bartolini

Sarebbe impossibile parlare di Osteria Bartolini senza citare il Gran Fritto di Paranza, piatto simbolo della cucina della famiglia Bartolini che fa parte della sezione Nostri Fritti assieme ad altre declinazioni.

O del risotto come si faceva una volta.

gamberi-al-sale-dolce-di-cervia-andrea-bartolini

E dei gamberi al sale di Cervia, must di tante liste ingredienti.

saraghina-piadina-romagnola

O di pesci di cui si erano perse le tracce come la saraghina sulla griglia, pesce azzurro dolce e burroso, da accompagnare alla piadina romagnola.

poverazze-alla-marinara patatine-fritte-vere

Una cucina di tradizione vista con occhio contemporaneo che significa costruire un locale ben accessibile con piatti come le poverazze alla marinara o delle semplici ma vere patatine fritte.

tagliolini-al-nero-al-sugo-di-calamaretti tagliolini-ragu-bianco-pesce-bartolini

I primi piatti a dare uno sguardo al menu sono quelli invitanti per un popolo che ama sempre misurare il confronto sulla pasta.

zuppa-di-cardi-e-aringhe zuppa-di-fagioli-e-vongole

E se il mare vi sembra fuori stagione ora che le piogge stanno cancellando le passeggiate sulla spiaggia, non c’è che da rifugiarsi nel perfetto confort food con le zuppe di cardi e aringhe o di fagioli e vongole.

passatelli-in-brodo

O passatelli in brodo.

La stagione del mare in fondo è sempre e qui a Bologna in molti potranno festeggiarla con questo nuovo locale che è tanto pop da non accettare prenotazioni.

Bisognerà solo assaggiarlo per confermare che il mare di Romagna si è trasferito in Malpighi, ma voi avete ragioni per dubitarne?

Osteria Bartolini. Piazza Malpighi, 16. Bologna. Tel. +39 051 262192