Sogliola da festeggiare con la ricetta del risotto e radicchio rosso

Ricette

rosetta-zancola-sogliola

Dal 15 ottobre al 30 novembre 2016 in Istria si tengono le Giornate della sogliola. I ristoranti e i locali del comprensorio turistico di Umago, Cittanova, Verteneglio e Buie presenteranno i loro menù a base di sogliola, abbinandola a diversi prodotti locali, in primis l’olio di oliva e i vini (bollicine comprese).

Potrebbe essere un’occasione per conoscere meglio questa regione (a noi vecchi nota quasi solo per la presenza dell’emittente tv Capodistria, quando c’erano solo la Rai e la tv svizzera) e la sua cucina.

rosetta-zancola-incucina-umago

Vi proponiamo un risotto con sogliola e radicchio pubblicato nel libro “Sogliola squisita sogliola” di Rosetta Zancola Martinčić, titolare di Villa Rosetta di Salvore, Umago.

Risotto con radicchio rosso, porri e sogliola

piatto-sogliola-umago-1

[do action=”jq”/]

Ingredienti (per 4 persone)

400 g di filetti di sogliola
320 g di riso Carnaroli
500 g di radicchio rosso di Treviso
100 g di porro
50 g di panna da cucina
50 dl cognac
olio d’oliva extravergine
sale
pepe

radicchio-rosso-01

Procedimento

Si preparano i filetti di sogliola, tagliandoli a striscioline.

In un tegame capiente antiaderente si rosola il porro tagliato a rondelle in un po’ d’olio e si aggiunge il radicchio rosso lavato, scolato e tagliato in piccoli pezzi.

Si fa quindi appassire lentamente il radicchio e quando l’acqua è evaporata si aggiunge il riso, lo si tosta brevemente, si aggiusta di sale e pepe, si bagna con mezzo bicchiere di cognac e si procede con la cottura come per un normale risotto.

Quando è quasi pronto si aggiungono i filetti di sogliola, si fa mantecare con la panna e si condisce con un cucchiaio di olio di oliva lontano dal fuoco.

Si chiude con il coperchio per circa due minuti per fare amalgamare bene i sapori e poi si serve.




Di Emanuele Bonati

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da quasi 50 anni. Legge compulsivamente da sessant'anni. Mangia anche da oltre 60 anni – e da una quindicina degusta e racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non. Tuttavia, verrà ricordato (forse) per aver fatto la foto della pizza di Cracco.