Marco Bianchi suggerisce la vera ricetta per battere il cancro

Notizie

marcobianchi

Ragazzi, stringetevi: ai guru della medicina alternativa Eleonora Brigliadori (seguace del metodo Hamer) e Red Ronnie (“i pidocchi hanno dei sentimenti, non vanno eliminati”) , anni trascorsi ad animare le più sfigate notti Mediaset, si aggiunge in queste ore un altro luminare: Marco Bianchi, prestante ricercatore della scuola di Veronesi che snocciola le sue ricette anticancro.

Anticancro signori. Non so voi, ma io se leggo ANTICANCRO penso che uau me le mangio e non mi ammalo.

alici-con-marinata

Bianchi, intervistato dal quotidiano Libero suggerisce di mangiare quinoa con alici e pomodorini secchi, hamburger di ceci e plumcake di grano saraceno al posto di lasagne, arrosti e tiramisù, perché ‘se di cibo puoi morire, di cibo puoi guarire’.

costine-di-agnello

Nulla questio: la storia che i cibi di origine animale facilitino la comparsa di malattie e viceversa, quelli di origine vegetale aiutino il nostro organismo la sappiamo tutti, anche se forse non sempre ci pensiamo quando stiamo per addentare una costoletta di agnello.

Ma una corretta alimentazione che prediliga legumi, cereali e verdura, è un conto, una dieta ANTICANCRO è ben altra cosa.

Personalmente mi spaventano non poco tutti coloro che siano animati da certezze incrollabili, ancorchè supportate da una base scientifica. Potrei raccontarvi di crudisti morti a 40 anni o di fumatori incalliti che ci seppelliranno.

libro-bianchi

Ma sono storie che appartengono a ciascuno di noi, ne sono certa. Così come sono abbastanza persuasa che usare un linguaggio semi terroristico per aumentare il numero di follower sulla propria pagina facebook o vendere libri (il dottor Bianchi sta a quota 14 se non erro) sia una sorta di atto criminale.

Avere una condotta di vita sana è quello che riconosce logico chiunque di noi –salvo non applicarlo- mangiare in maniera regolare ed equilibrata idem con patate. Ma agganciare lettori e disperati con titoloni ad effetto ed elisir di lunga vita non mi sembra, francamente, un gesto umano.

[Link: sardegnamedicina.it, liberoquotidiano.it]