Milano. Appuntamenti di Gusto dal 17 al 23 novembre

Notizie

terrazza-triennale-ristorante

Cosa vi aspetta questa settimana? Le nostre scelte cercano, al solito, di essere appena un poco fuori dalla “norma”: e se vi proponiamo una classica “Cena tartufata”, con lo chef Ugo Alciati, vini, caviale e champagne, e non ci facciamo mancare un paio di libri, proviamo a “sfidarvi” con uno spettacolo teatrale, magari seguito da una cenetta…

1. Alla ricerca del Duende alla Cieca Pink, giovedì 17

la-cieca-pink-vini-duende

Il  Duende in Spagna è il demone del fuoco notturno, indescrivibile, inafferrabile, eppure talmente forte da possederti totalmente. E l’enoteca La Cieca Pink organizza una serata con quattro vini spagnoli provenienti dalle Asturie e dalla Galizia (più un intruso), dalla sapidità tagliente del mare al sanguigno calore della terra, ognuno accompagnato da tapas (peraltro queste rigorosamente locali, lombarde), dalla sua storia raccontata da Alessandra Cavallaro, e dalle musiche tradizionali spagnole di un trio di giovani musicisti (Tommaso, Margherita e Amin, due chitarre classiche e una voce). A partire dalle 19.45.

La Cieca Pink. Via Pier Lombardo, 9.

2. Lo Storione e le sue uova da Olei Ristorante, venerdì 18

olei-ristorante

Una grande storia – una storiona, diremmo, se non temessimo di essere tacciati di comicità di serie B – quella dello Storione dell’Adriatico, una delle tre specie autoctone italiane, salvata e allevata all’interno del Parco del Ticino da Storione Ticino (e se oggi l’Italia rappresenta il maggior produttore al mondo di caviale, lo si deve a loro). Lo chef di Olei, Francesco Pontrelli, lo renderà protagonista, insieme al caviale, di una cena, con la partecipazione del Riso Carnaroli della Riserva San Massimo.

OLEI Ristorante e Bistrot Milano. Via G. Washington, 20

3. Il Mercato della Terra Slow Food alla Fabbrica del Vapore, sabato 19

mercato-della-terra

Torna il Mercato della Terra, come ogni primo e terzo sabato del mese, organizzato da Slow Food in collaborazione con il Parco Agricolo Sud Ticino negli spazi della Fabbrica del Vapore. Saranno presenti i Presidi Slow Food della sardina essiccata del Lago d’Iseo (si tratta di un agone, in realtà, ma molto simile alla sardina), della Piattella Canavesana e del cardo gobbo di Nizza Monferrato dal Piemonte, delle arance di Ribera (della Coop. Riber Navel), del fagiolo di Scicli e dei capperi di Salina dalla Sicilia, e della fava di Carpino e del cece nero della Murgia Carsica dalla Puglia; dall’Etiopia ci saranno il caffè selvatico della foresta di Harenna, e dal Guatemala il caffè delle Terre alte di Huehuetenango.

E ci sarà anche, dalla Campania, la tradizione pasticciera napoletana, rappresentata dalla famiglia Sessa, artigiani di qualità dal 1930.

Fabbrica del Vapore. Via Procaccini, 2.

4. Bookcity: i libri di Bressanini e Coronini, domenica 20

schermata-2016-11-16-alle-01-11-58

Ultimo giorno di BookCity, la manifestazione milanese dedicata alla lettura attraverso una serie di eventi diffusi. Fra le centinaia di proposte e di libri, ne segnaliamo due, interessanti e per certi versi simili: se infatti Dario Bressanini parlerà del suo La scienza della carne (Gribaudo), che spiega tutto quello che c’è da sapere sui processi chimici e fisici che avvengono cucinando la carne, appunto, Marcello Coronini, autore di La cucina del senza (Feltrinelli), racconterà come sale e zucchero, pur presenti praticamente in ogni ricetta, non siano in realtà così indispensabili.

Alla Fondazione Stelline, rispettivamente alle 16.30 e alle 18.00.

Fondazione Stelline, Sala Verdi. Corso Magenta, 61.

5. Spumanti del mondo al Museo della Scienza e della Tecnica, lunedì 21

grandi-spumanti

Un viaggio fra i più celebri terroir di questa amatissima tipologia: Franciacorta, Trentodoc, Champagne, Crémant d’Alsace, English Sparkling Wines, bollicine dal Nuovo Mondo. Banchi d’assaggio internazionali e due esclusivi tasting guidati.

Museo della Scienza e della Tecnica. Via San Vittore, 21.

6. “Cucinar Ramingo” al Teatro dell’Arte, martedì 22

cucinar-ramingo-1

“Ogni volta che mi trovo nella condizione di riassumere quello che faccio in scena, il punto di vista è immancabilmente mutato, diverso. Per comodità esplicativa potrei dire che cucino mettendo a disposizione oggetti progettati ad hoc, per arrivare a un prodotto cotto e assimilabile. Sovrappongo e alterno alle azioni pratiche della cucina il racconto di viaggi nella mitologia greca, nelle regole della cucina ebraica e nella scrittura di Giuliano Scabia. Ma come racconto? Con che cosa racconto? Gli oggetti contenitori – piccole camere delle meraviglie vaganti – sono stati progettati per sostenere l’azione pratica della cucina e custodirne gli strumenti dell’opera tutta: fuochi, coltelli, pentole, scritti, padelle, miti, taglieri, musica, alimenti, idee, ricette e mestieri. Il lavoro che l’attore compie con essi diviene gioco di scoperta e mutamento. Nel panorama immaginifico/storico che Cucinar Ramingo evoca, attraverso gesti di cucina e tecniche della trasformazione del cibo, le arti si mescolano nel divenir teatro.”

Le parole di Giancarlo Bloise stimolano senza dubbio la curiosità verso questa performance teatrale, Cucinar Ramingo, ospitata dalla Triennale nel suo Teatro dell’Arte da oggi fino al 27.

terrazza-triennale-cocktail-tartufo

Inutile dire che – prima o dopo lo spettacolo, che dura un’oretta – si può passare per un aperitivo, o addirittura per una cena, alla Terrazza Triennale dello chef Stefano Cerveni. In questi giorni il resident chef Matteo Ferrario propone un menù a base di tartufo bianco d’Alba – lo stesso tartufo che ritroviamo nei nuovi cocktail del barman Louis Hidalgo.

Teatro dell’Arte. Palazzo della Triennale. Viale Alemagna, 6.

7. La cena tartufata di Ugo Alciati allo Starhotels Rosa Grand, mercoledì 23

Alciati Ugo (Brambilla-Serrani)

Anche lo  chef Ugo Alciati, stella Michelin confermata con il suo ristorante Guido a Serralunga d’Alba, propone due serate con menù degustazione a base di tartufo bianco d’Alba, nel rispetto della migliore tradizione piemontese, stasera 23 e il prossimo 30 novembre. Nell’elegante cornice del Ristorante Sfizio By Eataly, al Rosa Grand Milano del gruppo Starhotels, Alciati presenterà e racconterà il suo menù: Cardo gobbo di Nizza Monferrato con fonduta (accompagnato da un Borgogno, “Era Ora” Langhe Riesling 2014); Riso Carnaroli mantecato con il fondo bruno e tartufo (Cantina Fontanafredda, “Marne Brune” Nebbiolo d’Alba 2013); Faraona al forno tartufata (Casa E. Di Mirafiore, “Paigallo” Barolo 2010); Pere al forno, amaretto morbido e zuppa di cioccolato (I Vignaioli S.Stefano, Moscato).

Rosa Grand Hotel. Piazza Fontana.

Potete trovare questi e molti altri eventi del mondo food su

www.agendafood.it

agendafood

[Immagini: siti web e pagine Facebook citati, Brambilla-Serrani (Alciati)]

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.