Della Guida Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso 2018 siete edotti: Niko Romito è il Tre Forchette che guida la pattuglia dei migliori con 96/100 sopravanzando anche Massimo Bottura ed Heinz Beck che si fermano a 95/100.

Se i loro colleghi dell’Espresso hanno tirato fuori dal cappello a cilindro il premio Cappello d’Oro, lo staff guidato da Laura Mantovano ha sparato la cifra delle cifre: 38 Tre Forchette e 25 Tre Gamberi, il numero più alto di sempre da quando la guida esiste. Un rotondo + 9 ristoranti d’eccellenza (Agli Amici dal 1887, Atman a Villa Rospigliosi, Enrico Bartolini Mudec Restaurant, Da Caino, D’O, Duomo, Imàgo dell’Hotel Hassler, Miramonti l’Altro, Pagliaccio) e un più contenuto + 6 gamberi che ci dicono che in Italia si mangia benissimo.

E noi non possiamo che esserne contenti.

Ma la Guida gamberacea mi ha intrigato per la recensione della Dimora Ulmo che conquista Due Forchette con un punteggio di 81/100.

E io mi sono rallegrato perché ora Matera Capitale della Cultura ha un ristorante che ha fatto gridare alla cucina d’autore oltre alle molte attrattive che Scatti di Gusto vi ha segnalato.

A guardare la pagina Facebook del ristorante Dimora Ulmo si resta deliziati.

Provate voi stessi.

Tagliolini rigorosamente fatti a mano da Virginia… con ragout di agnello di Tricarico..!

Polposition

Agnello croccante ( lucano ) e la sua salsa con cavolo e cicorielle

Locale bellissimo, converrete.

Staff giovane con Michele Castelli ai fornelli “e la compagna Virginia Caravita a lungo in quel dell’Osteria Francescana, in sala Francesco Russo che vanta esperienze da Bottura e Crippa”, rimarca la scheda del Gambero Rosso.

E poi mi sono rattristato e ho anche chiamato Francesca Spadaro, autrice dell’articolo di Matera, per chiederle come mai non si sapesse ancora nulla ad aprile di un’apertura così importante.

E’ la fissa delle nuove aperture che ci aveva già presi nel 2010.

Poi ho avuto il classico moto di sconforto: il presunto vantaggio del web della velocità è sparito, polverizzato dalla velocità di reazione della Guida del Gambero Rosso.

La guida, recita il tamburino, è stata chiusa in redazione il 4 settembre 2017.

Dimora Ulmo ha aperto al termine del countdown feisbucchiano.

Si parteeeeeeeeee

Il giorno 4 settembre 2017, cioè il giorno di chiusura in redazione della Guida del Gambero Rosso.

Ragazzi, se questa non è proattività non so come definirla.

Predizione?

Preveggenza?

Fuori sacco da tipografia eliminando un altro locale come la 19a Buca Winery?

Per Francesco Russo, comunque, una grande soddisfazione: oltre alle Due Forchette ci sono i Tre Gamberi alla Locandiera della madre e della zia Clara a Bernalda.

E ora tocca a voi: preveggenza o semplice scheda stilata prima dell’apertura del ristorante di cui altre volte si è parlato (e scritto) in barba ad anonimato e criomacerazioni interiori e redazionali per stabilire il giusto voto da dare a un ristorante?

PS. Di seguito i ristoranti migliori del Gambero Rosso 2018.

4 Commenti

  1. Magari avessimo chiuso e stampato la guida davvero il 4 settembre potendo dedicare ad altro tutto lo scorso mese! Ovviamente, come accade sempre e come qualsiasi professionista del settore sa, non è andata così: data di chiusura non significa data di stampa e dunque divieto di mettere mano ai testi, fare piccole aggiunte (una scheda su migliaia), correggere, specificare, sostituire un nome o parti di testo. Tutte queste piccole attività di ritocco, con l’obbiettivo di pubblicare una guida più completa e aggiornata possibile, si sono svolte fino al 20 settembre quest’anno.

    Il ristorante in questione, dunque, è stato regolarmente visitato.

    Non sarebbe male e sarebbe molto coerente col ruolo dei blog oggi in Italia, che si sostenesse chi come il Gambero Rosso riesce ancora a produrre annuari con la qualità dei testi, l’accuratezza e la profondità che ogni lettore può verificare (e confrontare con altre guide…), invece di cercare peli in uova che peli non hanno.

    E comunque prima di spargere velenucci e calunniette non bastava una telefonata? Se non per rispetto al nostro lavoro, per lo meno per rispetto ai lettori che oggi si ritrovano qui a leggere contenuti inutilmente capziosi e puramente gratuiti.

    Aperti e curiosi nel leggere in futuro critiche sulla nuova edizione della guida. Critiche però, non gossip fondati sul nulla.

    • Nessuna calunnietta, era chiaro a tutti quelli che maneggiano cromalin e rotative che vi eravate dimenticati di correggere la data di chiusura del 4 settembre!
      E lo sappiamo che ci vuole un attimo ad assegnare Due Forchette a una nuova apertura 🙂

  2. Ma dai e solo una presa per i fondelli ci sono locali in puglia che meritano molto di più di Dimora Ulmo solo una questione economica pee favore non fate ridere neanche i poveri morti

  3. Resta comunque il fatto, indipendentemente dalla data di chiusura della guida, che si è dato un due forchette a un ristorante neoaperto. Francamente mi sembra una bella scommessa nella valutazione!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui