92 Condivisioni

Pantaleo, un bel locale tra Campo de’ Fiori e Piazza Navona merita 3 minuti di lettura e una riflessione su come “l’abito non fa il monaco”. Perché quando in mezzo ci sono mixology e Dirty Martini, una raffinata selezione di ostriche del noto “spacciatore” di Roma Corrado Tenace e un murales, si consolida l’idea di un ennesimo locale figo tra altri mille, da visitare “quando sarà”, ma in realtà c’è ben altro.

Atmosfera. Entri dentro e ti senti bene. Colori, calore, aria che si respira dentro, sono rilassanti, predispongono ad una piacevole paura pranzo o drink o quello che volete. Una delle cose che mi hanno piacevolmente colpita, è la musica di sottofondo. E’ Radio Montecarlo 2, una web radio con una bellissima selezione lounge, che non fa locale notturno, ma un gradevole accompagnamento di un drink o una cena.

Al centro della sala che fa angolo, c’è un tavolo alto e lungo, contornato dai sontuosi sgabelli in velluto rosso, e che segue la geometria del locale. Sarebbe il famoso tavolo sociale, ma, non so voi, io mi sono stancata di questa definizione.

Come ogni locale che si rispetti, anche Pantaleo ha i propri cavalli di battaglia: la pizza liquida (6 €) in 3 versioni (ed è strano che questo piatto, nonostante esista da anni, non venga servito nei locali modaioli). Lo chef consiglia provare questa pizza al cucchiaio come un companatico, con una mozzarella di bufala o qualche fetta di prosciutto. Bella idea.

Le tartare di pesce e crostacei con i germogli di ravanelli e la cipolla rossa marinata (da 11 € a 16 €), e il tris di tartare di carne (18 €), serviti con burrata, ovetto di quaglia e olive e capperi e accompagnati da tipi di sale: alla vaniglia, normale e affumicato.

Pulled pork, (il maiale cotto a bassa temperatura e sfilacciato a mano) ben cotto, vanta una salsa bbq più delicata di solito (12 €).

Anche la zuppetta di pesce (e qui come il piatto del giorno c’è sempre una zuppa diversa), una sorta di bouillabaisse vellutata, è molto sfiziosa.

Non manca qualche dolce, tra cui un semifreddo al pistacchio, delicatamente salato (5 €).

Bella carta di vini: poche etichette di grande distribuzione, ma tanti Champagne, e questa è la seconda cosa che mi rende felice.

Quell’atmosfera vellutata, un Martini ad hoc nella gelida coppetta (10 €) che già dal profumo fa intuire l’elevata qualità del Gin, un Sake Martini con un tocco di wasabi (12 €), i piccoli piatti colorati con i cibi da condividere naturalmente, la musica avvolgente che tuttavia non disturba minimamente la conversazione – tutto questo fa sì che un locale figo esteticamente diventi un locale da vivere, da appagare i nostri sensi stanchi della ricerca della verità assoluta.

Verrete a gustarvi un Dirty Martini o una zuppa del giorno?

Pantaleo. Piazza di San Pantaleo, 4, Rione Parione. Roma. Tel .+39 06 9357 2514

92 Condivisioni