La buona cucina italiana sono pronti a spiegarla i giovani ristoratori che oggi si riuniscono a Roma per il XXV congresso del JRE Italia, i Jeunes Restaurateurs d’Europe.

Il tema è valorizzare e conservare l’immenso patrimonio gastronomico e alimentare del nostro Paese, secondo (forse) solo a quello artistico.

Luca Marchini, presidente del ramo italiano dell’Associazione che conta oltre 350 ristoranti associati in 15 paesi europei, difende a spada tratta l’approccio che premia “la conoscenza delle radici storiche della cucina del nostro paese, lo studio delle tecniche e delle tecnologie e l’invenzione“. Senza studio, insomma, il talento serve a poco.

Al talento coltivato è dedicato il XXV congresso, nel quale verranno presentati i risultati della collaborazione con l’Istituto E. Maggia di Stresa (la più antica scuola alberghiera italiana) che oltre all’attività didattica prevede due borse di studio (Discovery Talent) per i migliori allievi di sala e cucina, nonché il nuovo master Intrecci, dedicato a 15 selezionatissimi partecipanti.

Quest’anno poi si parlerà della nuova iniziativa che JRE Italia in collaborazione con l’Associazione Salvatore Calabrese per lo studio della disfagia, la difficoltà a deglutire cibi solidi ma anche liquidi: un nuovo libro, di prossima uscita, con le ricette che gli chef JRE hanno studiato per aiutare a superare i limiti di questa patologia invalidante. “Un impegno che valorizza la nostra professionalità al di là della  semplice ricerca del gusto“, conclude Marchini.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui