Quanto vale il lavoro di un pizzaiolo?

È la domanda che spesso si rincorre in uno dei gruppi più attivi su Facebook a tema pizza: il Gruppo La Piccola Napoli fondato da Paco Linus che di recente ha aperto una pizzeria da asporto a Fuorigrotta, popoloso quartiere di Napoli.

Nei post del gruppo si alternano analisi delle pizze proposte o assaggiate dai componenti del gruppo, consigli e richieste e offerte di lavoro.

Tema sensibile quanto l’idratazione dell’impasto, la farina da utilizzare, il fiordilatte da acquistare e la perenne diatriba tra tradizionalisti della lievitazione diretta e innovatori della biga e del canotto.

La risposta alla domanda quanto vale il lavoro di un pizzaiolo è di fatto impossibile.

L’esperienza di un pizzaiolo è merce diventata rara con il proliferare di nuove aperture e di iniziative di imprenditori che hanno fiutato la nuova corsa all’oro delle pizzerie che offrono – sulla carta – un incredibile ritorno dell’investimento dovuto a un food cost che può essere limato in una corsa al ribasso senza precedenti.

“Cosa vuoi che costi un po’ di farina, acqua, lievito e sale”, cito una delle ultime dichiarazioni che ho ascoltato da un investitore alle prese con un planning che individuava come voce di maggior costo quella del lavoro e la cui preoccupazione maggiore era se il locale di proprietà fosse ben collocato rispetto al passaggio delle persone. Una sorta di rete da calare per acchiappare i pesci-consumatori con una favolosa pizza figlia dell’arte dei pizzaiuoli ora patrimonio immateriale dell’Unesco.

Un’arte da imbrigliare nella stessa rete pescando qualche pizzaiolo “giovane” desideroso di salire agli onori della cronaca grazie a “un’efficace pubblicità sui social e al giro giusto di conoscenze”.

Il valore della pubblicità deve stabilirlo qualche guru della comunicazione o qualche smanettone di Instagram, “ma non può essere inferiore a 250 € a settimana, escluso il suo compenso”.

E il pizzaiolo, quanto lo paghiamo?

Poco, ma rispondo io per i tanti pizzaioli che se sono giovani non hanno esperienza e se sono anziani è l’occasione che non possono perdere perché se sono a spasso qualche problema lo hanno o lo danno.

200 € a settimana, netti che vuol dire quasi sempre in nero, tanto se sono giovani devono imparare e avranno tempo per pensare alla pensione e se sono anziani hanno da guadagnare arrotondando con qualche altro lavoretto o con qualche pensione o prebenda statale.

La colpa del mancato successo di una pizzeria è del pizzaiolo che costa troppo e se ne è andato senza preavviso rinunciando a ben 200 € a settimana all inclusive per fare appena 200 pizze il sabato sera e 50-60 gli altri giorni con una lunga spezzata per tornare a casa a 30 chilometri di distanza e quindi percorrendo ogni giorno 120 chilometri. Utilizzando benzina che acquisterà con quei 200 € a settimana.

Michelangelo, il pizzaiolo che ha ricevuto l’offerta da Ferdinando colpito dai suoi video (un po’ di social autoprodotto è funzionale al piano di pubblicità del guru), ha mandato a quel paese il potenziale datore di lavoro.

Atto d’accusa. Chef e ristoranti sfruttano i giovani: 80 ore a settimana per 1.100 € al mese

Ma la risposta al quesito quanto vale il lavoro di un pizzaiolo non c’è.

Al massimo, mal comune mezzo gaudio. Anche nei ristoranti i giovani lavorano 80 ore a settimana per 1.100 €.

I più anziani sono già passati in queste forche caudine.

E continuano a farlo.

10 Commenti

  1. Articolo condivisibile e anche condivisibile l’idea di ricevere 800euro di stipendio mensile.
    Purtroppo siano in Italia (siete) e questa e’ la realta’. Se un ingegnere/avvocato ecc con anni e anni di studio e fatica si devono accontatare di stipendi miseri mediamente 1500euro se vogliamo essere generosi, quanto vogliamo pagare un pizzaiolo aiuto pizzaiolo?
    Detto cio’ concordo – vogliamo dare 2000e ad un pizzaiolo ma una figura professionale qualificata deve quadagnare 5000 allora in un paese meritocratico e giusto.
    Chiaramente in italia un idraulico (che fattura tutto in nero) guadagna piu di 5 ingegneri messi insieme e va in giro in porsche e l’ingegnere in Panda.

  2. Ah,ma allora è recidivo…
    è sempre facile dire”allora fai qualcos’altro”vero?allora io non fatturo,non pago le tasse e se domani trovo che il sig ORVAL87 è in disgrazia e non si può permettere di vivere o le cure,me ne sbatto e tiro avanti per la mia strada.tanto sono affari suoi se non ha abbastanza soldi.doveva sciegliere un lavoro più remunerativo,tipo l’operaio,che lavora 8h al giorno per 5 gg alla settimana,e 1500€ al mese.o forse mi piacerebbe vivere in una società più onesta,nella quale l’equità sociale(e morale)sia più evidente.a proposito..in un locale come quello appena descritto,probabilmente la margherita costa 6-8€.in una pizzeria con il personale in regola verrebbe 6-8€,forse 9€.indovini un pò a chi va la differenza?

    • Forse vi sfugge il fatto che l’idraulico di cui sopra che guadagna belle cifre, é un lavoratore autonomo che ogni giorno si sbatte per procurarsi il lavoro, mentre l’ingegnere stipendiato fa il dipendente e deve limitarsi a timbrare, il lavoro glielo procura il padrone dell’azienda e gli paga i contributi, finita la giornata va a casa a mente spenta. Perché gli ingegneri che lavorano in proprio sono come l’idraulico che lavora in proprio, con stesse modalità di furbizia.

      • Tu non hai idea del lavoro degli ingegneri e delle loro responsabilità. Del resto, se ritieni che uno che progetta un sistema informatico, o un ponte, o un motore è uno che banalmente “timbra il cartellino”, palesi di avere una visione distorta della realtà.

        • Non cambia il discorso di base, se é dipendente, il lavoro, le commesse, i progetti glieli procura il padrone dell’azienda, lui va in ufficio a fare quello per cui lo pagano. E ha ferie pagate e garantite, tredicesima, quattordicesima, tfr, mutua, ecc. chi lavora autonomamente no, o vuoi negarlo?

  3. NON MI SEMBRA AFFATTO UNA BRUTTA PROPOSTA, ANZI..MIA MOGLIE AVVOCATO E FINTA PARTITA IVA PORTA A CASA PULITI CIRCA LA STESSA CIFRA, ANZI DA QUANDO E’ RIENTRATA DOPO LA GRAVIDANZA LE HANNO DECURTATO LO STIPENDIO PERCHE’ LAVORA MENO ORE…CERTO SE QUESTA GENTE PUO’ PRENDERE IL REDDITO DI CITTADINANZA PERCHE’ LAVORARE!?! BENVENUTI IN ITALIA!

  4. I giovani se vogliono fare esperienza,possono andare tranquillamente fuori dal paese.Guadagnare sicuramente più di 800 euro,essere trattati da esseri umani, e magari,ritornare da chi li ha proposto di fare lo schiavo per rilevare l’attività. Come hanno fatto alcuni di noi..

  5. @Alessio – Sperando che coloro che ritornano si comportano da essere umani.. e non prendano esempio dai loro precessori. Accade sempre così..esperienza e racconti di vita.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui