E’ morto all’età di 86 anni Giuseppe “Beppe” Bigazzi, gastronomo e personaggio ben conosciuto dai telespettatori per la sua assidua partecipazione alla trasmissione televisiva La Prova del Cuoco a fianco di Antonella Clerici.

L’annuncio della scomparsa è stato dato oggi dallo chef Paolo Tizzanini, del ristorante L’Acquolina di Terranuova Bracciolini, in provincia di Arezzo dove Bigazzi era nato il 20 gennaio 1933.

Nel 2000, al fianco di Antonella Clerici divenne anche co-conduttore della fortunata trasmissione su Ra1 1 curando la rubrica La borsa della spesa.

La sua permanenza alla Rai fu interrotta da una parentesi in cui traslocò a Sky per poi ritornare nel 2013 a viale Mazzini.

Di lui molti ricorderanno la sospensione dalla trasmissione che lo aveva reso popolare perché raccontò in diretta la ricetta per cucinare i gatti. Correva l’anno 2010 e le proteste per quella ricetta spinsero la dirigenza del canale nazionale alla sospensione anche per le vibranti proteste degli animalisti.

Lui si difese sostenendo che “negli anni ’30 e ’40 come tutti gli abitanti della Val d’Arno a febbraio si mangiava il gatto al posto del coniglio, così come c’era chi mangiava il pollo e chi non avendo niente andava a caccia di funghi e tartufi non ancora cibi di lusso. Del resto liguri e vicentini facevano altrettanto e i proverbi ce lo ricordano. Questo non vuol dire mangiare oggi la carne di gatto, ho solo rievocato usanze”.

Rievocò un proverbio delle sue parti che aveva citato in trasmissione “A berlingaccio (il carnevale in dialetto) – chi non ha ciccia ammazza il gatto”.

Ma non fu sufficiente e Elisa Isoardi, in quel momento conduttrice della Prova del Cuoco, annunciò in diretta la sospensione dopo 10 anni di continua presenza del gastronomo aretino.

Bigazzi migrò su Sky per fare ritorno in Rai qualche anno dopo.

Già da anni era assente dallo schermo poiché era malato da tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui