Tempo di lettura: 1 minuto

I cartoni delle pizze chiuse subito nella pellicola già nel momento dell’uscita dal forno.

Gino Sorbillo prova a convincere il Presidente della Regione Vincenzo De Luca di rivedere il divieto di pizza a domicilio con una procedura che dovrebbe garantire al massimo la salubrità della confezione (tra l’altro, anche nella versione solo cartone già non messa in discussione da Roberto Burioni)

Gino Sorbillo

“Dal forno la pizza esce a 450ºC e viene messa bollente nel box a norma per alimenti che a loro volta sono avvolti all’instante e sigillati da pellicola per alimenti per poi essere date subito nelle mani dei fattorini delle società che consegnano il cibo presso il domicilio dei clienti”, dice Sorbillo.

Gino Sorbillo

“Questa è la nostra proposta efficiente e più che sicura mostrata durante Agorà su Rai 3, spiega da Gino Sorbillo che è intervenuto nella trasmissione insieme a Massimo Di Porzio.

Ma per sapere se sarà accettata anche in Campania (Sorbillo sta operando con il delivery sia a Roma che a Milano) bisognerà attende il 3 maggio.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui