Pizza a Roma. 7 pizzerie per mangiare sicuri all’aperto

Le 5 pizzerie romane dove mangiare serviti e riveriti sotto il cielo stellato

Tempo di lettura: 4 minuti

Se avete voglia di libertà, ma la movida vi preoccupa, la soluzione ideale sarebbe uno spazio all’aria aperta, ma informale e rilassante. Come il dehors di una pizzeria? Bingo.

Non sono molte le pizzerie a Roma con annessi giardini che hanno ricominciato il servizio ai tavoli, per ora la maggior parte resta fedele all’asporto o al delivery, ma qualcuna comincia a farsi avanti.

Eccone sette che hanno riaperto la sala e i cortili, rispettando distanze e prescrizioni.

1. La Gatta Mangiona

La pizza più napoletana che c’è a Roma la fa Giancarlo Casa che sforna anche supplì d’autore come quelli con scampi, fragole e foie gras, sfumato allo Champagne in tiratura limitata. Potrete mangiarli anche nel dehors attrezzato per 6 non conviventi o 12 conviventiOltre al servizio al tavolo, sempre disponibile consegne a domicilio e asporto con la pizza ri-cotta in evidenza.

2. Al 384 (Balduina)

il dehors di Al384

La pizzeria con cucina di chef Carlo Tini, che propone i piatti della tradizione romana e una pizza con impasti a lunga lievitazione sia nella versione napoletana col cornicione alto che bassa e croccante, con topping classici e gourmet. Aperta dal martedì alla domenica dalle 19 alle 23, dal 18 maggio ha riattivato il servizio ai tavoli, ma mantiene comunque l’asporto e la consegna a domicilio. Per info e prenotazioni: 0635401927

3. Emma (Centro Storico)

Emma pizzeria con tavoli all'aperto

Per gli amanti della pizza bassa e scrocchiarella, guarnita con le specialità più ricercate della penisola, torna Emma, che è anche bio emporio e bio bistrot, a ristorare dalle passeggiate nel centro. Molto suggestiva anche la sala con il grande lucernario, una finestra sui cieli della capitale. Aperta tutti i giorni dalle 19 alle 23.20, e la domenica anche a pranzo per l’asporto.

4. Qvinto (Tor di Quinto)

Qvinto ristorante e pizzeria nel parco di Tor di Quinto

Propone una cucina ‘esperienziale’ il polo enogastronomico nel parco di Tor di Quinto, che si estende anche alla pizzeria: si parte dalla naturalità delle materie prime, che si evolvono nelle forme e nelle presentazioni ma restano coerenti nei sapori. Il pizzaiolo Ivano Veccia è già al forno e dal 27 maggio torna il servizio ai tavoli nel bel giardino dalle atmosfere suggestive, con un completo protocollo di misure di sicurezza.

5. Proloco Pinciano (Pinciano)

Proloco Pinciano pizzeria e cucina con dehors

Anche la pizzeria con cucina laziale che sposa la filosofia dei prodotti del territorio riapre le porte al pubblico, in sala e nel dehors. Si mangia tutti i giorni a pranzo e cena ma è obbligatoria la prenotazione, effettuata telefonando al numero 06 8414136 oppure  339 5673034 dalle 11.30 alle 13 e dalle 16 alle 19.

6. Spiazzo (Marconi)

i tavoli all'aperto di Spiazzo pizza e fritti

Anche la pizzeria contemporanea e creativa, dagli impasti a lunga lievitazione e lo stile che si posiziona tra la Napoli verace e la romana croccante torna a deliziare le serate capitoline dalle 19.30 a mezzanotte. Tavoli all’aperto e comunque a non meno di 1 metro e mezzo di distanza, e tante novità in menu tra cui i nuovi impasti che sono stati studiati e messi a punto durante i due mesi di lockdown. Prenotazione obbligatoria.

7. Maccarè

Andate un po’ fuori Roma, a Maccarese, per riassaporare la pizza di Stefano Callegari, l’inventore del Trapizzino che opera anche da Sforno, Tonda, Sbanco e ovviamente al Trapizzino di Ponte Milvio con i tavolini all’impiedi in piazza. Da Maccarè troverete la Pizza di Mezzanotte con fiordilatte, capperi di Vulcano, piccadilly siciliani conditi, rosmarino, basilico e olio al peperoncino Quattrociocchi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui