Coronavirus, decreto Agosto: aumenta il bonus ristoranti. Chi ne beneficia

Contributo a fondo perduto allargato a tre nuove categorie di attività della ristorazione

Tempo di lettura: 2 minuti

Buone notizie, una volta tanto, e non solo per i ristoratori che già beneficiano del Bonus Ristoranti.

In un emendamento all’imminente decreto Agosto, il Governo ha deciso un’estensione del contributo a fondo perduto da 600 milioni di euro –il Bonus Ristoranti, appunto. Ne potranno beneficiare altre attività di ristorazione.

Sono tre i nuovi codici Ateco (il codice alfanumerico che identifica le attività economiche) legati alla filiera della ristorazione cui verrà destinato il contributo a fondo perduto.

Bonus ristoranti: gli operatori che già ne beneficiano

Il decreto Agosto, come segnalato a suo tempo da Scatti di Gusto, individuava i beneficiari del contributo governativo in tre specifici codici Ateco. Vale a dire: catering, mense e ovviamente ristorazione con somministrazione.

Requisiti necessari per beneficiare del contributo a fondo perduto

Coronavirus nuovo dpcm

Il primo requisito per usufruire del contributo a fondo perduto è l’esistenza del ristorante, o dell’attività di ristorazione, nel momento in cui il decreto è entrato in vigore. Cioè il 15 agosto 2020.

L’erogazione del contributo avviene per il 90% dei costi sostenuti dai ristoratori quando la loro domanda viene accettata. Il 10% rimanente viene attribuito nel momento in cui si presenta la fattura che documenta il pagamento.

Vale la pena ricordare che il Bonus Ristoranti è possibile solo in presenza di costi sostenuti per l’acquisto di prodotti agroalimentari nazionali. Valgono anche i prodotti DOP e IGP, compresi quelli legati al vino. Così ha voluto il Ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, avanzando la proposta che ha iniettato liquidità nei 180 mila pubblici esercizi italiani.

Per accedere al beneficio, i ristoranti e tutti gli esercizi commerciali, devono documentare perdite da marzo a giugno 2020, pari a ¾ dei ricavi medi registrati nello stesso periodo del 2019. Limitazioni di fatturato che non valgono per le attività avviate dal primo gennaio 2019 in poi.

Le nuove imprese che beneficiano del bonus ristoranti

Bonus ristoranti

Ora, l’emendamento al decreto Agosto approvato dal Governo, dietro la spinta di Fipe Confcommercio, allarga il contributo a fondo perduto ad altri protagonisti della filiera ristorativa.

I nuovi codici Ateco che beneficeranno del Bonus Ristoranti sono:

– Le attività di ristorazione legate alle aziende agricole, per esempio gli agriturismi;

– I catering e i banqueting per eventi;

– Gli hotel, ma soltanto se autorizzati alla somministrazione di cibo.

Per conoscere nel dettaglio come verrà erogato il bonus ristoranti a queste nuove categorie, incluse le pratiche di presentazione delle richieste, è attesa l’emanazione del decreto Agosto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui