Fourghetti: nei guai con il fisco il ristorante dove lavorava Bruno Barbieri

Fourghetti coinvolto in una maxi inchiesta della Finanza per evasione fiscale

Tempo di lettura: 2 minuti

Grossi guai col fisco per Fourghetti, il ristorante di via Murri, a Bologna, in cui Bruno Barbieri ha lavorato per anni.

In realtà, lo chef che nella sua carriera ha ottenuto 7 stelle Michelin, oltre a essere un notissimo volto tv per la partecipazioni a programmi come “MasterChef” e ”4 Hotel”, è stato sì parte dello staff fin dall’apertura del Fourghetti, avvenuta nel 2016.

Ma pochi mesi fa, ad agosto 2020 –come sa chi ci segue con attenzione– ha chiuso la sua storia professionale con il ristorante bolognese. La gestione della cucina è passata al suo ex secondo, lo chef Erik Lavacchielli.

Oggi, comunque, apprendiamo che i conti del Fourghetti sono stati passati al setaccio dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta “Take Over”. Partite da Milano, le indagini hannop coinvolto oltre 80 società e condotto al sequestro di 36 milioni di euro.

Un filone dell’inchiesta riguarda anche la società che gestisce il ristorante di Bologna. Va precisato tuttavia che Barbieri non è indagato, né dai controlli effettuati risulta possedere quote della società.

Il pm che segue l’inchiesta ha disposto il sequestro preventivo del locale. Nel frattempo le indagini stanno chiarendo che a beneficiare del sistema illecito erano numerose società operanti in settori diversi. In particolare si tratta di imprese legate al trasposto merci e logistica, al settore delle pulizie, edile, alberghiero, della ristorazione e società di vigilanza privata.

Gli inquirenti sono stati in grado di ricostruire un complesso sistema di evasione dei debiti previdenziali e con l’erario Sono coinvolte imprese di regioni diverse quali Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania e, appunto, Emilia Romagna.

È stato anche appurato che tra le 88 società indagate, 15 hanno ricevuto i contributi a fondo perduto inclusi nel ”Decreto Rilancio” per l’emergenza Covid. Al momento sono al vaglio ulteriori indagini sul corretto utilizzo delle somme. 

Aggiornamento del 15 ottobre 2020: il ristorante Fourghetti non è coinvolto nell’indagine. Ulteriori informazioni a questo link.

1 commento

  1. Magari potreste cancellare questa notizia (o correggerla) visto l’articolo del giorno successivo.

    cit.:
    La società bolognese Fourghetti Bologna s.r.l., amministrata dall’Ing. Vincenzo La Sala, che nel capoluogo emiliano gestisce il noto ristorante Fourghetti, non è coinvolta nell’indagine milanese della Guardia di Finanza denominata “Take Over”, avente ad oggetto il reato tributario di “Indebita compensazione”.

    L’azienda non è stata quindi attinta da alcun sequestro emesso dall’Autorità Giudiziaria milanese ed il ristorante Fourghetti continua ad esercitare il proprio regolare servizio presso i locali di via Augusto Murri n. 71 in Bologna.

    I legali dell’ing. Vincenzo La Sala – amministratore della società Fourghetti Bologna s.r.l – precisano che la notizia che il locale fosse finito fra le società i cui conti erano stati sequestrati nell’ambito di tale indagine è priva di fondamento.

    La notizia, ripresa anche da Scatti di Gusto, nasce da alcuni articoli, pubblicati anche nella giornata di oggi, che davano conto delle indagini della Guardia di Finanza riguardanti questioni fiscali.

    Il ristorante Fourghetti ha pubblicato un post su Facebook per spiegare che il ristorante Fourghetti non è coinvolto nell’indagine ma, appunto, continua ad operare normalmente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui